Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dettagli della nuova galassia nana scoperta alla periferia della Via Lattea

Dettagli della nuova galassia nana scoperta alla periferia della Via Lattea

Usando indagini chilometriche, gli astronomi hanno scoperto un significativo eccesso di densità nelle vecchie stelle povere di metalli (Illustrated Image Infobae)

L'enorme quantità di Appunti Ciò ha permesso Telescopi Le tecnologie all’avanguardia hanno fornito agli scienziati centinaia di nuovi sviluppi che si verificano ogni settimana. Ora, un team di astronomi di Napoli lo ha scoperto Nuovo sistema stellare Alla periferia di via Lattea Nell'ambito del Kilo Degree Survey (KiDS), un gruppo di Indagini visive dentro Cielo del sud. Il nuovo sistema si chiama Sestante IIÈ probabilmente una galassia nana molto debole.

KiDS è un'indagine multibanda su larga scala che utilizza il VLT Survey Telescope (VST) presso l'Osservatorio Paranal dell'Osservatorio Europeo Australe in Cile. Dal 2011 è stata mappata un'area di 1.350 gradi quadrati della superficie terrestre Cielo notturno In quattro filtri a banda larga (u, g, r, i). Sebbene KiDS si concentri sulla ricostruzione di strutture su larga scala nell'universo, può anche rilevarne altre Stelle extragalattiche Bassa brillantezza superficiale.

Per questo motivo, un team di Scienziati di astronomia Diretto da Massimiliano Gato L'Osservatorio Astronomico di Capodimonte a Napoli, in Italia, ha deciso di condurre un'operazione Ricerca approfondita A Sistemi stellari deboli Persone sconosciute con KiDS, come affermato nell'articolo pubblicato su arXiv. Per fare ciò, hanno monitorato la densità delle stelle a bassa luminosità nell’ultimo rilascio di dati del sistema (DR4), che ha prodotto risultati promettenti.

Questo risultato evidenzia l’importanza di continuare la ricerca per confermare la vera natura di strutture come Sextans II e il loro ruolo nell’ambiente galattico (Stampa europea)

“Segnaliamo la scoperta di sovradensità grandi e compatte di stelle antiche e povere di metalli nel quarto rilascio di dati dello studio KiDS (DR4)”, hanno spiegato gli autori nell'articolo.

READ  NFON Cloudya ha lanciato CRM Connect, la soluzione più semplice per connettere il tuo CRM

Il team ha identificato un'iperdensità di stelle molto promettente nella costellazione del Sestante. Osservazioni successive di questa scoperta sono state effettuate utilizzando il telescopio Subaru da 8,2 metri. Le conclusioni hanno confermato che si tratta di un sistema stellare situato a circa 473mila anni luce di distanza.

Inizialmente, gli astronomi chiamarono il nuovo sistema KiDS-UFD-1 e lo chiamarono Sextans II. I dati raccolti indicano che Sextance 2 è relativamente piccola, con un raggio di mezza luce di circa 629 anni luce, mentre la sua massa è stimata in 4.910 masse solari. Il sistema ha una metallicità di -1,5 dex (un parametro per misurare la concentrazione di metalli in un corpo celeste), un'ellitticità di 0,46 ed ha almeno 10 miliardi di anni.

Cartolina del telescopio Hubble, spesso utilizzato anche per l'esplorazione spaziale (Stampa europea)

Secondo gli autori dell’articolo, i risultati lo indicano Sextans II è un sistema debole, vecchio e povero di minerali. Il team Gatto ha concluso che si tratta di un debole satellite sferico della Via Lattea, molto probabilmente una galassia nana estremamente debole (UFD). In generale, queste sono le galassie meno luminose, più dominate dalla materia oscura e meno evolute chimicamente conosciute.

Tuttavia, i ricercatori non escludono la possibilità che Sextans II sia un ammasso globulare dirompente (un gruppo sferico di stelle che normalmente orbita attorno al nucleo galattico come se fosse un satellite), aggiungendo che sono necessarie ulteriori ricerche su questo sistema per confermarlo. La sua vera natura.

READ  Project Indus e Project Cobalt saranno due nuovi giochi di strategia di Xbox Game Studios

Gli esperti si sono dedicati al monitoraggio di questa scoperta per progredire nella sua definizione e classificazione, perché, dicono, potrebbe dare nuovi contributi al modo in cui si è originata la nostra Via Lattea.