Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Di fronte alla divisione sul Qatar, la FIFA cerca l’unità

Un’opportunità per cambiare la percezione di un Paese. Campionato per promuovere l’unità.

Qualcuno ne ha sentito parlare prima?

Il Qatar è la prossima tappa del tour mondiale di eventi sportivi ospitati da paesi guidati da governi autoritari spesso condannati dagli attivisti per i diritti umani ma il cui potere finanziario è irresistibile per gli organizzatori delle competizioni.

E in vista del sorteggio di venerdì, è diventato chiaro quanto fosse pericoloso il torneo per FIFA e Qatar, che speravano che la Coppa del Mondo sarebbe stata una celebrazione del Medio Oriente. Mai prima d’ora un evento di questa portata si è tenuto nella regione.

C’è il caso di David Beckham. La stella ed ex capitano dell’Inghilterra è stata nominata ambasciatrice della Coppa del Mondo del Qatar, ma non è apparsa sui media internazionali. Questo ti protegge da domande difficili ma ti impedisce anche di promuovere correttamente il torneo.

Nel frattempo, allenatori e squadre che dovrebbero concentrarsi sulla tattica e sulla preparazione hanno dovuto dedicare del tempo ad alleviare le preoccupazioni di giocare in un Paese che nega le libertà ei diritti rivendicati da vari organismi. Per anni, i lavoratori migranti a basso salario hanno lavorato per costruire l’infrastruttura da 200 milioni di dollari.

“L’entusiasmo del torneo è palpabile”, ha affermato Michael Page di Human Rights Watch. “È fondamentale assicurarsi che i lavoratori migranti che hanno reso possibile il torneo non vengano dimenticati e danneggiati nel processo”.

Un’altra polemica che resta è legata al voto della FIFA nel 2010, che ha assegnato alla Russia il Mondiale 2018 alla Russia e il Mondiale 2022 al Qatar. Un’indagine del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha concluso che c’erano tangenti per i voti.

READ  Schwartzman inseguirà il suo secondo titolo dell'anno contro Sinner nella finale ATP di Anversa

“Nessun giocatore ha avuto voce in capitolo quando è stata presa questa decisione”, ha detto mercoledì a Doha Jonas Bayer-Hoffmann, segretario generale della FIFPro. È qui che dovrebbe esserci la tensione, prima di tutto. Mi piacerebbe vedere le persone fare pressione sui leader della loro federazione per sollevare queste questioni al Congresso FIFA”.

L’incontro delle 211 confederazioni costituisce il forum parlamentare della FIFA. Non tiene incontri faccia a faccia a causa della pandemia dal 2019, quando ha rieletto presidente Gianni Infantino.

La conferenza si sta riunendo, in un momento in cui il calcio appare diviso non solo per il prossimo appuntamento in Qatar, ma per il futuro stesso dei Mondiali. La proposta di organizzare il primo torneo ogni due anni è stata per il momento sospesa dopo che Infantino ha fatto marcia indietro di fronte alla resistenza di Europa e Sud America, che minacciava il boicottaggio.

“Siamo in un legame completo, perché tutti sono presi tra disaccordi istituzionali e personali”, ha detto Bayer-Hoffmann. “Forse alcune cattive proposte verranno respinte, il che sembra essere così, ma questo rende anche impossibile prendere le decisioni necessarie che devono essere prese in questo sport”.

Mentre Infantino ha smesso di parlare di coppe ogni due anni, i nuovi programmi delle partite internazionali per il 2024, che determinano quando i club devono rilasciare i giocatori per giocare per le loro squadre nazionali, devono ancora essere risolti.

Questo calendario ha dovuto essere modificato per far posto alla Coppa del Mondo che si sarebbe svolta per la prima volta a novembre e dicembre, a causa della calda estate del Qatar, che avrebbe reso pericoloso giocare a giugno e luglio.

READ  Liga MX: Miguel Herrera risponde all'abbandono di Gignac all'Olmpicos: 'Sì, me ne pento'

L’aumento delle temperature nel piccolo paese del Golfo ha influito sulle condizioni di lavoro che hanno portato alla morte dei lavoratori che hanno costruito le infrastrutture per la Coppa del Mondo.

La scarsa trasparenza delle autorità del Qatar sulle cause dei decessi e sul numero di feriti tra la forza lavoro migrante ha allarmato i sindacati e gli attivisti per i diritti umani.

Ma lo stato ha introdotto cambiamenti, con aumenti salariali minimi, regole di lavoro più rigide e maggiore libertà per un lavoratore di licenziarsi.

“Quello che è già stato realizzato è un progresso davvero significativo in un tempo molto breve”, ha detto Infantino. “I progressi in materia di diritti umani, in particolare per i lavoratori, sono stati sorprendenti. Questo deve essere riconosciuto”.

Ci sono ancora preoccupazioni per la sempre maggiore applicazione di tali regole ai cantieri di Doha. C’è anche pressione sul Qatar per continuare ad emanare leggi per proteggere i lavoratori dopo la Coppa del Mondo.

Anche allora, alcune organizzazioni hanno esortato i team a richiamare l’attenzione sui problemi dei lavoratori migranti, principalmente dal sud-ovest asiatico.

Finora nessuna squadra o giocatore si è rifiutato di partecipare al Qatar, così come non c’è stato alcun boicottaggio della Russia 2018 nonostante abbia già invaso il territorio ucraino.

La Russia non giocherà in Qatar. È stato squalificato dai turni di qualificazione europei, come punizione per la guerra lanciata dal presidente Vladimir Putin.

Questa aggressione contro un paese vicino ha minato la speranza di Infantino, che voleva che i Mondiali del 2018 cambiassero “la visione del mondo sulla Russia”. Quattro anni fa, il presidente del Comitato olimpico internazionale, Thomas Bach, parlò del “volto della nuova Russia” ai Giochi invernali di Sochi, poco prima dell’annessione della Crimea.

READ  Protocollo di aggiornamento di FEB di fronte all'aumento del coronavirus

Storie come questa rendono difficile convincere il mondo che la Qatar Cup avrà un impatto positivo, oltre a consentire a un altro paese di utilizzare un grande evento per modellare la propria immagine.