Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Analizziamo una nuova filosofia che sta ridefinendo i ruoli nel settore

Raheem Sterling non manipolerà la fascia sinistra nello stesso modo in cui gioca Sadio Mane, per non parlare di Cristiano Ronaldo, quando viene piazzato in quell’area.

Era il 2015 e Antonio Galliardi Ha fatto il lavoro per cui era pagato: pensare al calcio. C’era qualcosa nel modo in cui si parlava di sport che all’analista FIGC non è piaciuto per niente. Lì si spense la luce: “I ruoli non devono essere determinati dalla posizione, ma dalla funzione”.

In altre parole: non ha senso parlare di terzino destro, quando a giocatori diversi in quella posizione viene chiesto di fare cose diverse. Quello che sta facendo Benjamin Pavard con il Bayern è molto diverso da quello che sta facendo Trent Alexander-Arnold con il Liverpool. Oppure abbiamo anche la relazione di Jorginho con il Chelsea e Casemiro con il Real Madrid, due centrocampisti che si ritirano molto, giusto? Sebbene le loro mappe di calore possano essere simili, le cose che fanno sul campo sono completamente diverse.

Jagliardi Ha collaborato con la società di analisi statistiche Soccerment per creare un modo completamente diverso per classificare i giocatori di calcio, in base ai loro ruoli. Utilizzando i dati che Opta ha raccolto nelle ultime cinque stagioni e alcuni dei propri algoritmi, hanno analizzato i cinque maggiori campionati europei e creato 13 “gruppi” per selezionare i giocatori d’oltremare in base ai loro contributi o, meglio ancora, ai loro sforzi di collaborazione. Ad esempio, un’ala che tenta ripetutamente di combattere duelli individuali e battere l’avversario invece di attraversare o entrare nel petto dell’avversario per creare un forziere, ad esempio, è definito in un certo modo, indipendentemente dal fatto che ci sia riuscito o meno.

READ  Hanno scoperto il primo caso di virus Covid-19 nella villa associata ai Giochi Paralimpici

Potresti chiedere se non abbiamo il classico dilemma pollo e uova qui. Cioè: hanno definito il tipo di giocatore in termini, ad esempio, dell’esperienza di X numero di cross, numero di dribbling e numero di Z tiri? O hanno semplicemente lasciato che l’algoritmo facesse il suo lavoro e classificava i giocatori in base a categorie statistiche, raggruppando quelli che appaiono naturalmente?

Hanno fatto quest’ultimo, il che ha aiutato a rimuovere qualsiasi pregiudizio che potresti avere su come dovrebbe apparire la funzione. Hanno finito con 13 combinazioni completamente diverse, in base alle inclinazioni dei giocatori. L’unica cosa che manca è la denominazione dei gruppi (e qui la denominazione potrebbe suonare un po’ strana, ma abbiate pazienza. Questo è il vostro primo tentativo).

Abbiamo portieri (Christian Romero, Tottenham), iniziatori del gioco (Virgil van Dijk, Liverpool) e calciatori in prima linea (Kalidou Koulibaly, Napoli). Possiamo anche vedere le console sulle ali (PavardE il Bayern Monaco) e winger maker (Achraf Hakimi, PSG) e chance maker (Kevin De Bruyne, Manchester City).

Allo stesso modo, abbiamo ladri di palle (Eduardo Camavinga, Real Madrid) e manager dell’industria dei giochi (Thiago Alcantara, Liverpool); attaccanti avanti e indietro (Nicolò Barilla, Inter) ed esploratori “uno-a-uno”.Vinicius Junior, Real Madrid). Successivamente, abbiamo gli identificatori mobili (Mohamed Salah, Liverpool), finiture integrate (Robert Lewandowski, Bayern) e marcatori )Sebastian Haller (Borussia Dortmund).

Ovviamente abbiamo giocatori misti. I contributi di alcuni calciatori li mettono in più gruppi. una stella Paris Saint Germain Kylian Mbappé Rientra nella definizione di mobile ed esplora le categorie “one-to-one”. Joao Cancelo Si colloca in alto come creatore di padiglioni e creatore di opportunità, il che aveva senso per chiunque lo guardasse città E i suoi portoghesi (come avrebbe classificato nella generazione precedente) entrano nell’area avversaria e assistono. difensore di Real Madrid David Alaba Può essere il più ibrido di tutti: rientra in cinque gruppi diversi.

READ  Il Cile avrà Vidal e Breton contro Brasile e Uruguay

L’effetto collaterale del progetto di pooling rivela qualcosa che molti già sospettavano: alcuni lavori sono più diffusi nei team di successo. Le grandi squadre tendono ad avere più creatori (nelle categorie opportunità e wing maker), più giocatori coinvolti nell’industria dei giochi e meno stopper e rubate. In parte è intenzionale: hanno la palla più spesso e richiedono più giocatori da maneggiare. Tuttavia, potrebbe anche essere un riflesso dello squilibrio delle risorse nel calcio di oggi, dove le migliori squadre (alcuni potrebbero dire “accaparramento”) attraggono la maggior parte dei talenti.

I creatori di questo progetto riconoscono che c’è un notevole margine di miglioramento. Per cominciare, ci sono dati più avanzati e dettagliati, sia in termini di eventi, compressione e tracciamento. Quello che un giocatore fa sul campo ovviamente dipende da altri fattori che vanno dai suoi compagni di squadra, allo stile di gioco della sua squadra o alle istruzioni che un allenatore dà alla sua squadra. Vedono il loro lavoro come un trampolino di lancio su cui costruire.

Tuttavia, il concetto alla base è chiaro. Ci mostra come si sta evolvendo il calcio e come potrebbe aver trasceso la nomenclatura tradizionale. Proprio come il basket ha fatto in molti modi. Avevamo un portiere che dribbla e passa, un portiere che tira, un piccolo attaccante che porta la palla a canestro, la forza di un attaccante più alto che resta vicino alla vernice; Mentre il centro era il più alto della squadra e si occupava di rimbalzi, parate e servizi. Ora, gran parte di questa filosofia tradizionale è scomparsa. L’attenzione è ora sulle abilità individuali, piuttosto che su situazioni specifiche.

READ  Barcellona-Napoli nelle qualificazioni all'Europeo

Il basket è chiaramente uno sport molto più flessibile. Tuttavia, il calcio ha una sua fluidità. Ha senso dire che il Liverpool gioca un 4-3-3 quando si tratta di possesso palla, Alessandro Arnaldo S Andy Robertson Offri molto di più delle dispense? Oppure analizza il caso di Sergio Busquets in Barcellona. La squadra del culé gioca con un sistema 4-3-3. Tuttavia, quando hanno la palla, i linebacker si alzano, le centrali si dividono e Busquet Si insinua tra loro, diventando di fatto la tripla linea di difesa.

Riconosciamo già differenze nelle capacità, spesso senza nemmeno rendercene conto. Raheem Sterling Non giocherà sulla fascia sinistra come fa Sadio ManèMolto meno Cristiano Ronaldo, quando posizionato in quella zona. La maggior parte di loro lo capisce. Pensalo come un potenziale prossimo passo evolutivo nel nostro processo di comprensione del calcio.