Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Díaz-Canel sui diritti umani: “Coloro che non credono in questi principi non vogliono che abbiamo voce in capitolo neanche nel consiglio”.

Il primo segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e il Presidente della Repubblica, Miguel Diaz-Canel Bermúdez, hanno notato su Twitter che “inclusione, cooperazione, giustizia sociale, dignità umana e rispetto della diversità sono i principi che Cuba difende la sua appartenenza al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

“Chi non crede a questi principi non vuole che abbiamo voce in capitolo neanche in consiglio”, ha aggiunto il capo dello Stato, riferendosi all’ultimo rapporto annuale emesso dal governo Usa, in cui hanno espresso preoccupazione per il rispetto dell’essere umano diritti. Diritti umani, esseri umani nell’arcipelago.

“Di quali diritti umani parlano e scrivono i funzionari dei governi successivi negli Stati Uniti, quando questo paese è il più grande violatore di questi diritti? Di quali diritti parlano mentre giustificano un blocco criminale contro un intero popolo? “

Sempre su Twitter, un membro del Politburo del partito e ministro degli Affari esteri di Cuba, Bruno Rodríguez Parilla, ha denunciato che “il processo di disinformazione del governo degli Stati Uniti in materia di diritti umani cerca di distogliere l’attenzione dalle gravi violazioni contro la sua popolazione , dove 1.009 persone sono morte nel 2021 a causa dei proiettili della polizia.

La politica genocida degli Stati Uniti contro la nostra nazione mira a distruggere la nostra economia e il consenso sociale raggiunto dalla rivoluzione. Per fare ciò, hanno fatto ricorso a tutti i tipi di strategie.

Questa volta è il rapporto annuale sui diritti umani negli Stati Uniti, che è stato pubblicato dal segretario di Stato americano, Anthony Blinken il 12 aprile, e cita Russia, Cuba, Nicaragua e Cina per le presunte violazioni.

READ  Il Costa Rica sollecita un'azione ambientale ambiziosa e concreta

Parallelamente, stanno preparando un nuovo accordo contro Cuba, per il quale hanno scelto come palcoscenico della 73a sessione del Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura, che si terrà il 19 aprile.

Ragioni cubane Svelare questo piano, nell’ambito del quale intendono introdurre l’analisi di un rapporto preparato da una presunta ONG chiamata Prisoners Defenders, in cui Cuba è accusata di aver torturato i cosiddetti “prigionieri politici” nelle discussioni.

Il quartier generale dei difensori dei prigionieri è a Madrid, “Ma in realtà questa pseudo-ONG è un’organizzazione creata dal Dipartimento di Stato americano, che opera attraverso la sua ambasciata a Madrid, e finanziata con USAID e NED. È finalizzato all’attività sovversiva contro Cuba”, indica questo sito web, in cui vengono spesso condannate le operazioni dei media contro la rivoluzione cubana.

Sottolineano anche come alcuni importanti organi di stampa come The Washington Post o Deutsche Welle (DW) “scaldino i motori”, rivelando titoli come “Opinion: Cuba tortura i prigionieri politici e allo stesso tempo è membro delle Nazioni Unite per i diritti umani Consiglio” o “Chiedono anche a Cuba e Venezuela di lasciare il Consiglio dei diritti umani”.

La petizione è stata presentata dall’organizzazione controrivoluzionaria Center for a Free Cuba (CFC), creata nell’ottobre 1997 negli Stati Uniti, con il finanziamento dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale e NED, e la cui missione è promuovere la sovversione contro Cuba, indicano le ragioni.

Fonte: nonna