Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Festival di Biarritz 2022: Recensione di “My Imaginary Country”, di Patricio Guzman

Questo documentario del regista cileno ripercorre ciò che è accaduto nel suo paese dai disordini del 2019 all’assunzione da parte di Gabriel Borek della presidenza di Gabriel Boric nel marzo 2022.

A differenza della televisione, il cinema è solitamente progettato per durare. Per rappresentare e mostrare un’epoca, sì, ma per avere un po’ di trascendenza nel tempo, per partire e rimanere come un testamento. Il certificato che lascerà il mio visualizzatore Sarebbe curioso, strano e forse amaro. Il tempo, in questi tempi, è particolarmente scomparso e annienta le illusioni più velocemente di quanto si possa immaginare. Patricio Guzmán ha cercato di catturare lo spirito di questi tempi in Cile, suo paese natale, solo per rendersi conto che lo spirito è così capriccioso che è durato a malapena fino alla prima mondiale del film al Festival di Cannes. E non molto.

È un film con spirito giornalistico, ancor di più dello stesso regista, e racconta i quasi due anni e mezzo trascorsi tra l’inizio delle proteste studentesche in Cile nell’ottobre 2019 e l’assunzione alla presidenza di Gabriel Boric.. a marzo di quest’anno. Nel mezzo è passata una pandemia – che il film praticamente ignora – e la Convenzione costituzionale, che prevedeva lo svolgimento di un plebiscito per redigere una nuova costituzione nazionale in sostituzione di quella di Pinochet e l’elezione di coloro che sarebbero serviti per redigerla.

Con filmati d’archivio delle manifestazioni del 2019 e interviste a molte delle persone (sempre donne) coinvolte in quel movimento, il mio visualizzatore In primo luogo si occupa di rivoluzioni, scontri di strada e tentativi di destabilizzare la classe politica cilena dopo decenni di governo in diversi stili (sanguinosi e più “comprensivi”) di neoliberismo. Tre decenni in cui nulla di profondo è cambiato, come molti dicono.

READ  Ricordi di Sarah Fachio, la fotografa che catturò Burgess, Cortázar e Gabo

Le manifestazioni – a cui partecipano in particolare le donne e alle quali anche i mapuche sono molto importanti – cederanno il passo alla richiesta di una nuova costituzione nazionale. Questo porterà ad altri tipi di scene e interviste, che daranno un resoconto di come sono stati formati questi gruppi di lavoro e dei cambiamenti politici, sociali, culturali ed economici che avrebbero dovuto derivare dalla massiccia espansione dei diritti in quella nuova costituzione. .

E se usi il verbo al passato qui, saprai perché: la costituzione scritta qui è stata respinta in un referendum pubblico di recente, trasformando ciò che si vede in almeno metà di questo film in un vero e proprio “paese immaginario”, che sembra di rimanere in un mondo onirico. . È doloroso, soprattutto quando si vedono le illusioni delle persone coinvolte nella stesura della nuova costituzione, vedere quanto sia piccolo quel sogno. Inoltre, poco dopo, un giovane candidato di sinistra come Borek vince le elezioni.

Queste cose accadono cambiando l’America Latina e il cinema diventa fragile e perde sempre di fronte alla realtà. Ma il mio visualizzatore Serve anche come testamento, soprattutto grazie alle immagini potenti di manifestazioni, scontri e scontri. E se si tollera il tono di voce lento, didattico, paternalistico, e la lettura parola per parola che usa Guzmán, allora quello che mi disturba non è la lentezza In se stesso Ma, a causa delle continue interruzioni che fa fuori posto, dà la sensazione che stia leggendo qualcosa che qualcun altro ha scritto e per la prima volta – si adatterebbe meglio al film.

Oltre a ciò, ciò che affascina il mio visualizzatore È la brevità dei cicli politici nel mondo di oggi, specialmente in America Latina. Dà l’impressione che tra pochi anni sarà possibile produrre solo film d’epoca. Il tempo presente è così veloce e cambia politicamente ed economicamente che il processo di realizzazione del film stesso diventa molto lento. Un documentario sul presente che in realtà parla del passato dal momento in cui si accende la telecamera.

READ  Laure Adler: "Night Traveller": vecchiaia, istruzioni per l'uso | Babilonia