sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

I Cure organizzano una festa gotica nella Corona Capital

I Cure hanno suonato una festa davvero goth domenica sera al Corona Capital Festival, dove un concerto di oltre due ore ha messo in risalto il loro oscuro affetto per il country.

Seguendo il ritmo britannico, il cantante Robert Smith è apparso sul palco principale alle 9:40 indossando una maglietta nera con una stampa bianca che includeva un volto femminile, un teschio e motivi preispanici, oltre ai suoi caratteristici capelli arruffati, per cantare “Alone”, seguito da alcune delle loro canzoni più famose come “Pictures of You”, “High”, “Lovesong” e “Fascination Street”.

Divenne subito chiaro che il concerto era per il suo vero pubblico, coloro che non si accontentavano dei più grandi successi e che si rallegravano di canzoni come “From The Edge Of The Deep Green Sea”, “Burn” e “Disintegration”, che erano più di cinque minuti.

Smith ha parlato poco durante lo spettacolo, ma ha ringraziato il pubblico e nonostante ci fossero due intervalli, i membri della Rock and Roll Hall of Fame, la cui formazione comprende Simon Gallup, Roger O’Donnell, Perry Bamonte, Jason Cooper e Reeves Gabriels, hanno suonato praticamente senza sosta.

Da quando è stato annunciato che la band con sede a Crawley, in Inghilterra, sarebbe stata una delle band principali del festival, le aspettative sono state alte, segnando la loro prima apparizione al Corona e il ritorno nel paese dal 2019.

L’atmosfera sobria che caratterizza i testi introspettivi ed esistenziali dei Cure è stata ricambiata dal pubblico, tra cui molti fan dei primi anni ’80 e molti altri giovani, molti vestiti di nero e truccati, che li guardavano involontariamente. Per quanto urlino o ballino, sono completamente concentrati sul loro leader.

READ  Le migliori magliette sportive per le donne | Mostrare

La serata, che ha riunito più di 85.000 persone, si è conclusa in bellezza dopo l’una di notte con “Close to Me” e “Perché non posso essere te?” E “I ragazzi non piangono”.

Ha recitato anche con altri artisti britannici, tra cui due nativi di Manchester: The Chemical Brothers e High Flying Birds di Noel Gallagher, quest’ultimo portando sul palco anche il logo della sua amata squadra di calcio, il Manchester City.

Noel Gallagher ha eseguito brani della sua carriera da solista come “Pretty Boy”, “Council Skies”, “Open the Door, See What You Find” e “We’re Gonna Get There in the End” nella prima metà del suo concerto . Ha poi chiesto al pubblico se si ricordavano degli anni ’90, e la gente si è emozionata pensando che avrebbe suonato una canzone della sua vecchia band, gli Oasis.

“Qualcuno ricorda una canzone chiamata ‘Stand By Me’?” Disse provocando urla di eccitazione. “Non la toccherò, ma ti ricordi il lato B? Si chiama Going Nowhere”, ha aggiunto, spegnendo le delusioni del pubblico con umorismo secco, prima di cantare quella canzone.

La seconda metà includeva altre canzoni degli Oasis come “Don’t Look Back in Anger”, “Live Forever”, “Little by Little” e “Master Plan”.

Noel è stato presentato a Corona Capital solo un anno dopo suo fratello Liam.

Liam aveva detto che gli Oasis si sarebbero riuniti quando il Manchester City avesse vinto la Champions League, cosa avvenuta quest’anno. Forse Corona realizzerà la magia di vederli insieme dopo la loro definitiva separazione nel 2009, dopo anni di relazione tesa.

I Chemical Brothers erano una delle band più attese della serata e molto prima del loro concerto sul Vans Stage, il secondo palco più grande del festival, c’era una grande folla ad aspettarli.

READ  Recensendo "Glass Onion: Knives Out Mystery", Benoit Blanc torna con un altro mistero a 5 stelle

Il duo dj-produttore, formato da Tom Rowlands e Ed Simons, si è esibito al Corona nel 2018 sul terzo palco del festival e in questa occasione, pur aumentando le dimensioni e disponendo di schermi più appariscenti e un suono più potente, ancora una volta sembrava che il palco era troppo piccolo per loro. Forse diventeranno gli artisti principali del palco in futuro.

I Brothers hanno mixato dinamicamente brani più vecchi come “Hey Boy Hey Girl” e “Go” con successi contemporanei come “Eve Of Destruction” e “MAH”, così come il loro recente nuovo album nominato ai Grammy, “For That Beautiful Feeling”.

Nel pomeriggio, l’artista londinese Arlo Parks ha fatto la sua prima apparizione in Messico e a Corona, anche se non era la sua prima visita nel Paese.

“Il Messico è stato nella mia lista dei desideri dei posti in cui voglio suonare da molto tempo”, ha detto tra un forte applauso. “Significa molto per me essere finalmente in città, vengo in Messico almeno due o tre volte all’anno e adoro questo posto, è un posto molto speciale per me, quindi ringrazio il festival per avermi ospitato. “

I Lumineers, originari di Denver, USA, sono tornati in terra messicana dopo nove anni con il loro concerto a Corona e i Pet Shop Boys hanno incantato il pubblico ancora una volta dopo il loro precedente spettacolo al festival del 2016.

La 13a edizione di Corona Capital ha visto esibizioni di Blur, The Hives, 30 Seconds to Mars, Pulp, Ladytron, Phoenix, Jungle e Metronomy.

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles