Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il capitano del Vietnam brilla tra le stelle del calcio asiatico (D)

In una nota pubblicata sul suo sito web, l’entità ha affermato che Huynh Nhu dovrebbe essere tra i giocatori più brillanti nella prossima Coppa del Mondo FIFA 2023, che si terrà in Australia e Nuova Zelanda.

Secondo la Confederazione calcistica asiatica, la qualificazione del Vietnam ai Mondiali è solo una ricompensa per il giocatore che è stato parte integrante del massiccio miglioramento della squadra del sud-est asiatico.

Ha sottolineato che la calciatrice veterana di 30 anni guida la squadra vietnamita dal 2011 e che i suoi obiettivi hanno spostato la squadra da un successo all’altro.

Tuttavia, la federazione ha avvertito che la Coppa del Mondo femminile del 2023 sarà una sfida a un livello completamente diverso e il Vietnam avrà bisogno della mascotte Huynh Nhu per dare il meglio di sé per spingere la squadra in avanti.

Il capitano vietnamita ha vinto quattro volte il Pallone d’Oro in casa e il suo contributo è stato un contributo decisivo al titolo ai SEA Games nel 2017, 2019 e 2022, e al Campionato della Federcalcio del Sudest asiatico. Paesi del sud-est asiatico (ASEAN), nel 2019.

La lista delle sei stelle che dovrebbero brillare nei prossimi Campionati del Mondo è guidata dall’australiana Sam Kerr, capocannoniere di tutti i tempi del suo paese.

Kerr ha avuto un’ottima stagione 2021-22, che ha incluso 40 gol in 41 partite per il Chelsea (29 gol) e la nazionale (11), oltre a una doppietta di campionato e coppa.

È stata anche la capocannoniere dell’AFC Women’s Asian Cup India 2022, segnando sette gol in quattro partite, e per la seconda volta consecutiva è stata premiata con la Scarpa d’oro femminile della A-League.

READ  Il 26 novembre ci sarà il sorteggio per le qualificazioni europee per la Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar | calcio | Gli sport

Le altre quattro stelle identificate dall’AFC erano la cinese Wang Shanshan. Saki Kumagai del Giappone; Ji So-yeon dalla Corea del Sud e Sarena Bolden dalle Filippine.

mem/mpm