Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Cile gioca il suo futuro tra due partiti: Borek e Caste – America Latina – Internazionale

Chile Oggi si svolge il secondo turno delle elezioni presidenziali più importanti, polarizzanti e incerte dal ritorno della democrazia nel Paese 30 anni fa.

Ne è un esempio il fatto che al voto ci siano due candidati che si fronteggiano su uno spettro ideologico opposto e con due visioni della nazione radicalmente opposte, cosa insolita in un Paese governato dal centro negli ultimi tre decenni e ammirato per la sua stabilità sociale e politica e il progresso economico.

Potrebbe interessarti: (Chiavi per comprendere il secondo turno presidenziale del Cile)

Spiegare perché il Cile ha partecipato a queste elezioni in un clima di estrema polarizzazione riguarda Focolaio sociale del 2019. Il 18 ottobre di quell’anno, le manifestazioni contro l’aumento del prezzo del biglietto della metropolitana hanno scatenato un’ondata di proteste che hanno richiesto maggiori impegni sociali da parte di uno stato cileno tradizionale e neoliberista.

L’episodio, che è stato per lo più guidato da giovani, ha portato a un processo di fondazione che ha accettato di scrivere una nuova lettera costituzione Per sostituire colui che governa il paese, che è stato messo in atto durante la dittatura Augusto Pinochet.

“Questa è un’elezione molto polarizzata, e questo ha a che fare con la portata dell’epidemia sociale e le sue conseguenze. Inoltre, è un’elezione molto speciale perché né il centrosinistra né il centrodestra al secondo turno e cioè qualcosa di senza precedenti nella politica cilena. Leandro LimaCono Sud ., analista controllare i rischi.

candidato a destra, José Antonio Casta, E quello a sinistra Gabriel BorekSono quelli che sono passati al secondo turno dopo il voto del 21 novembre. Entrambi rappresentano che Shelly è in conflitto dallo scoppio della società. Dall’altra Borek, un ex leader studentesco che cerca di attuare un modello di welfare state, simile a quello europeo.

Potresti essere interessato a: (Muore Lucia Iriart, moglie del dittatore Pinochet)

È un’elezione molto speciale perché né il centrosinistra né il centrodestra al secondo turno e questo è qualcosa senza precedenti nella politica cilena”.

Situato sull’altra sponda, Kast rappresenta la popolazione tradizionalmente conservatrice che disapprova la rapida transizione del paese.

READ  Il partito al governo francese chiede il voto contro l'estrema destra nei sondaggi

Va ricordato che il Cile era governato da Alleanza dei Partiti per la Democrazia, che ha trascorso quasi 20 anni al potere, è stato interrotto da due mandati per l’attuale presidente conservatore, Sebastian Pinera.

“È innaturale, dopo un così lungo dominio della Concertacion, che emergano alternative completamente diverse. È un ciclo naturale della politica e questo spiega perché il centro si è indebolito”, ha affermato Mauricio Jaramillo, professore di relazioni internazionali presso l’Universidad del Rosario.

Questo panorama, sommato alla crisi sanitaria del Coronavirus e alla necessità di avviare il rilancio economico del Paese, si è concluso con l’erosione delle opzioni per il centrosinistra.

Le proteste sono state centrali nel processo cileno

In questo senso Borek, 35 anni, leader del Fronte Ampio e il candidato più giovane nella storia delle elezioni presidenziali in questo Paese del sud, rappresenta parte della società cilena che vuole profondi cambiamenti e che ha preso parte alle massicce proteste del 2019.

“Borek è un chiaro rappresentante delle rivendicazioni sociali emerse in Cile negli ultimi anni. È un portavoce di queste richieste, a causa della sua origine come leader studentesco e per la sua partecipazione alle proteste”, ha affermato l’analista Lima.

Era la prima volta che la maggior parte dei cileni lo conosceva durante Mobilitazione studentesca 2011 A favore di un sistema educativo più equo, da allora si è consolidato come leader della sinistra.

Borek è il favorito nei sondaggi d’opinione, ma gli esperti si aspettano che le elezioni siano molto serrate.

Foto:

Cristobal Olivares, Bloomberg

Casta, fervente cattolica e di estrema destra

Ben diverso è il caso di Caste: fervente cattolico e padre di nove figli, l’estrema destra fa parte di un clan familiare che aveva legami politici con la dittatura di Augusto Pinochet (1973-1990), regime con cui era. Soddisfatto in diverse occasioni.

“Kast ha avuto la capacità di mantenere il sostegno di una parte della popolazione più conservatrice e di destra, che ha risposto a questi rapidi cambiamenti che il Cile ha vissuto negli ultimi anni con proteste sociali che sfidano il governo di sinistra”, ha affermato Alger.

READ  Cosa festeggiano i santi e cosa è successo in un giorno come oggi?

Sul piano economico, Kast propone un taglio delle tasse per le grandi aziende e il mantenimento di un sistema pensionistico privato. Borek propone una riforma fiscale che porrebbe un onere maggiore sui ricchi e ad alto reddito per raccogliere un ulteriore 5% del PIL, che verrebbe utilizzato per espandere la partecipazione dello stato alla fornitura di sicurezza sociale.

Secondo recenti sondaggi, Borek è il candidato più probabile per sostituire il governatore Sebastian Pinera nel marzo 2022, con una differenza di 5-14 punti sul rivale, ma gli esperti avvertono che le elezioni sono ancora molto aperte e si decideranno con il voto.

Secondo recenti sondaggi, Borek è il favorito, con 5-14 punti di differenza sul rivale, ma gli esperti avvertono che le elezioni sono ancora aperte.

In questo senso, la campagna per il secondo turno si è concentrata sull’attirare gli elettori del centrosinistra e incoraggiare 15 milioni di cileni a recarsi alle urne, dopo che il tasso di astensione a novembre ha raggiunto il 53 per cento.

Si è sempre detto che chi ottiene più voti al primo turno arriva a La Moneda (sede del governo) – cosa che succede dal 1999 – ma questa volta è diverso, perché la differenza tra i due candidati era molto piccola (Cast ha ottenuto 27, 91 in Percentuale dei voti e Borek, 25,83).

Rendendosi conto che oltre il 30% degli elettori ha scelto opzioni più moderate al primo turno, entrambi i candidati hanno attenuato la loro retorica per avvicinarsi all’elettore centrale durante la corsa finale.

La restante grande incognita è cosa farebbe il 12,8 per cento degli elettori di Franco Baresi, controverso economista arrivato sorprendentemente terzo, nonostante non abbia mai messo piede in Cile e abbia fatto campagna sui social dalla sua residenza in Alabama (USA).

Le sfide del nuovo presidente cileno

Il prossimo presidente cileno dovrà affrontare tre grandi sfide: adottare la nuova costituzione – se approvata – mantenere a galla i motori dell’economia e portare la riconciliazione nel Paese.

Il Cile sta ridisegnando le sue istituzioni. Il Congresso costituente che lavora per dare al Paese una nuova costituzione deve presentare nei prossimi mesi una bozza che sarà sottoposta a referendum. Se i cileni adotteranno quella nuova costituzione, il prossimo presidente affronterà l’enorme sfida di attuare finalmente la nuova tabella di marcia.

Per quanto riguarda l’economia, dopo una forte ripresa nel 2021, è previsto un rallentamento della crescita e un aumento del debito pubblico nel 2022. Gran parte della performance di quest’anno è dovuta al forte aumento dei consumi privati ​​dopo i titoli di stato emessi dalla pandemia . E i tre prelievi anticipati dai fondi pensione privati.

Tuttavia, per il prossimo anno, la banca centrale è attesa di nuovo aumentare i tassi di interesse Per contenere l’inflazione, che quest’anno chiuderà intorno al 6%, raddoppiare la fascia obiettivo.

Le ferite che questa campagna lascerà dureranno a lungo e il Cile ha molta strada da fare.

“Come in altri Paesi, non c’è margine più immediato che fermare la crisi sanitaria, continuare con i piani di vaccinazione e far ripartire l’economia. Qualcosa era a forte rischio in Cile a causa del rallentamento, delle recenti proteste e di un modello economico che si credeva fosse funziona”, ha osservato Jaramillo. Ma ultimamente ha mostrato le sue contraddizioni.

Infine, dopo la polarizzazione senza precedenti causata dall’epidemia sociale, “riconciliazione nel Paese” e “governance per tutti” saranno fondamentali, secondo Jaramillo, un compito che non preannuncia nulla di semplice.

Sulla stessa linea, Mauricio Morales, accademico dell’Università di Talca, ha rilasciato dichiarazioni a Effie. “Le ferite lasciate da questa campagna continueranno a lungo e il Cile ha ancora molta strada da fare”.

Carlos Jose Reyes Garcia
scrittura internazionale
@cjrg14