Maggio 19, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il conflitto israelo-iraniano e la guerra di Gaza, in diretta | La Germania riprende i finanziamenti all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi internazionale

Gli studenti della Columbia University di New York insistono nel mantenere il campo pro-Gaza

Il campus della Columbia University di New York, uno dei college più prestigiosi degli Stati Uniti e dove la settimana scorsa sono iniziate le proteste pro-Gaza, ha continuato ad essere occupato questo martedì da studenti che sono rimasti fermi nelle loro rivendicazioni in un centinaio di tende. In un clima di calma tesa dopo l'intervento della polizia di giovedì scorso.

Le tende, invece, il cui numero è aumentato da un giorno all'altro, sono circondate dagli edifici della fondazione e montate in un'area recintata dove sventolano bandiere palestinesi e striscioni contro la guerra a Gaza.

Intanto un folto gruppo di studenti continua a protestare nel luogo in cui alcuni trascorrono la notte, ma si è rifiutato di fornire il numero.

L’azione della Columbia University si è estesa a macchia d’olio ad altre grandi istituzioni educative e private, come la New York University, la Yale University (Connecticut), il MIT di Boston o Berkeley in California e persino il Michigan, che chiedono un cambiamento completo nella politica di Washington nei confronti Israele.

La polizia – che continua a monitorare l'università dall'esterno e può entrare solo con la tessera universitaria – ha smantellato il campo in Colombia, dove giovedì scorso ha arrestato 133 studenti e insegnanti, dopo aver arrestato il direttore del centro educativo, Nemat Shafiq , autorizzandolo.

Disposto a sopportarne le conseguenze

Ma ciò non ha spaventato gli studenti universitari, che hanno rimontato le tende con maggiore entusiasmo e hanno confermato martedì che rimarranno al loro posto finché le loro rivendicazioni non saranno accettate e che saranno pronti a sopportarne le conseguenze.

READ  Ultime notizie e invasione

Chiedono un cessate il fuoco a Gaza, ma chiedono anche che l'università smetta di investire in aziende “coinvolte nel genocidio” dei palestinesi e di “guadagnare soldi” con loro e di rendere pubblici i loro nomi, ha detto ai manifestanti la portavoce dell'università Darialisa Avila Chevalier. stampa oggi.

Ha affermato che dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas, gli studenti hanno alzato la voce, ma “invece di ascoltarli, l’università li ha sospesi, il che rende più difficile manifestare nei campus”.

Avila ha risposto: “L’ingiustizia esiste a Gaza, è il massacro di oltre 40.000 palestinesi, il fatto che più di due milioni di persone hanno perso la casa e il bombardamento della popolazione”.

Altri studenti del campus considerano ingiusta la protesta, che alcuni studenti universitari e altri osservatori hanno descritto come antisemita.

Da parte sua, il presidente americano Joe Biden ha rinnovato domenica la sua condanna dell'antisemitismo, senza menzionare il nome di alcuna università. “Questo palese antisemitismo è riprovevole e pericoloso e non trova assolutamente posto nel campus o in qualsiasi parte del nostro Paese”, ha affermato il presidente.

La polizia è intervenuta anche alla New York University, dove lunedì ha arrestato 130 persone, e prima ancora la stessa cosa era accaduta alla Yale University, con 47 detenuti. Nonostante le proteste e l'incertezza, l'università ha continuato a programmare gli esami finali e a prepararsi per la laurea imminente a maggio, avendo già collocato le sedie sui gradini di un edificio non lontano dall'area della protesta.