Febbraio 1, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo colombiano e l’Esercito di liberazione nazionale terranno un incontro straordinario a Caracas


Bogotà: le delegazioni del governo colombiano e dell’Esercito di liberazione nazionale (ELN) si incontreranno martedì a Caracas per portare avanti il ​​dialogo, dopo il disaccordo sorto dopo la dichiarazione di un cessate il fuoco bilaterale.

Una dichiarazione rilasciata dal senatore Ivan Cepeda intorno a mezzanotte indica che il capo della squadra negoziale del governo, Oti Patiño, ringrazia il governo venezuelano per aver ospitato l’incontro.

“La delegazione del governo apprezza l’ospitalità del Venezuela per tenere un incontro straordinario con la delegazione dell’ELN la prossima settimana. La seconda sessione inizierà in Messico a metà febbraio”.

Il 31 dicembre, il presidente della Colombia, Gustavo Petro, ha dichiarato un cessate il fuoco bilaterale con cinque organizzazioni armate per un periodo di sei mesi, compreso l’Esercito di liberazione nazionale.

Due giorni dopo, l’Esercito di liberazione nazionale ha dichiarato in un comunicato che non c’era ancora accordo al riguardo.

I militanti hanno spiegato sul loro sito ufficiale che nel primo round di colloqui svoltosi in Venezuela, conclusosi il 12 dello stesso mese, è stato concordato solo quanto annunciato riguardante l’istituzionalizzazione della tavola rotonda e gli emendamenti all’ordine del giorno. Per consultazioni, al Presidente o al Comando Centrale.

Ha aggiunto che nella prossima sessione concordata che si terrà in Messico, si è convenuto di completare la modifica dell’ordine del giorno dei colloqui.

“Esaurito quanto previsto, siamo in grado di discutere la proposta di cessate il fuoco bilaterale, per esaminare le condizioni che renderebbero possibile un accordo. Intendiamo il decreto del governo come una proposta che dovrà essere esaminata nei prossimi sessione.”

Nonostante quanto sopra, la delegazione ELN Dialogues è ancora in attesa di dare continuità alla seconda sessione concordata, ma è necessario prima affrontare gli eventi recenti e adottare misure correttive che garantiscano il superamento di questa crisi e non ripetere questi eventi unilaterali e off- misure programmatiche.

READ  Una femmina di leopardo asiatico dà alla luce tre cuccioli in Iran

La dichiarazione del governo, approvata dalle Nazioni Unite, e dai vari settori colombiani, avrà come obiettivo principale la sospensione dell’impatto umanitario sulla popolazione in generale, in particolare sulle comunità etniche regionali, contadine e nazionali , la sospensione delle azioni offensive e l’evitamento di scontri armati tra le forze pubbliche e le suddette organizzazioni fuori legge.

L’avvio dei colloqui con l’Esercito di liberazione nazionale, il 21 novembre, è uno dei principali risultati del governo Gustavo Petro alla ricerca di una pace globale in Colombia, un paese impantanato nella guerra da oltre mezzo secolo.

Sebbene al momento non siano noti i dettagli dell’ordine del giorno della riunione straordinaria, si prevede che le questioni relative all’annuncio del presidente Petro vengano chiarite e che vengano modificati i protocolli di comunicazione relativi allo stato di avanzamento dei dialoghi.