giovedì, Giugno 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il primo impianto cerebrale umano di Neuralink aveva un problema, ma è stato risolto

Belen Lioti

(CNN) – Il primo essere umano a testare un chip cerebrale della startup Neuralink di Elon Musk ha riscontrato un problema poche settimane dopo che era stato inserito.

In un post sul blog, la società ha rivelato che molti dei thread collegati al chip si allontanavano dal cervello di Noland Arbaugh, ostacolando la velocità dei dati e l’efficacia dell’impianto. L’azienda ha fornito pochi dettagli sull’incidente, incluso esattamente il modo in cui apparivano le stringhe. Ma l’azienda ha affermato di essere riuscita a rendere l’impianto più sensibile per aumentarne le prestazioni.

Arbo, il primo paziente umano di Neuralink, è diventato quadriplegico nel 2016 dopo un incidente subacqueo. Il chip è stato impiantato a gennaio come parte di uno studio chiamato PRIME Study, che sta per Precise Robotically Implanted Brain-Computer Interface.

L’obiettivo è studiare la sicurezza del robot impiantabile e chirurgico e testare la funzionalità del suo dispositivo, ha affermato la società in un post sul blog del 2023 sul reclutamento dei partecipanti per la sperimentazione.

Neuralink, la società di Elon Musk, mostra il primo paziente con un chip cerebrale che gioca a scacchi senza usare le mani

Ai pazienti partecipanti allo studio vengono impiantati chirurgicamente dei chip nella parte del cervello che controlla l’intenzione del movimento. Il chip, installato dal robot, registra e invia segnali cerebrali all’app, con l’obiettivo iniziale di “dare alle persone la possibilità di controllare il cursore o la tastiera di un computer usando solo il pensiero”, come spiegato in precedenza da Neuralink.

Circa un mese dopo l’operazione, Musk ha detto che Arbo era in grado di controllare il mouse di un computer usando il cervello dopo che il chip era stato impiantato.

READ  Il malware su iPhone è un problema e la nuova funzionalità di iOS 16 vuole mitigare questa situazione | tecnologia

In definitiva, l’ambizione di Neuralink è quella di utilizzare impianti per connettere il cervello umano ai computer per aiutare le persone paralizzate, ad esempio, a controllare smartphone o computer, o i ciechi a riacquistare la vista. Come con le interfacce cervello-macchina esistenti, l’impianto sviluppato dall’azienda raccoglierà i segnali elettrici inviati dal cervello e li interpreterà come azioni.

Musk aveva precedentemente affermato che il primo prodotto dell’azienda si chiamerà Telepathy, aggiungendo che i suoi primi utenti saranno persone che hanno perso la capacità di usare gli arti.

Neuralink, la società di Elon Musk, mostra il primo paziente con un chip cerebrale che gioca a scacchi senza usare le mani

“Immagina se Stephen Hawking potesse comunicare più velocemente di uno scrittore o di un banditore”, ha scritto Musk.

I consumatori non avranno un accesso diffuso alla tecnologia in tempi brevi. Prima che gli impianti cerebrali Neuralink raggiungano il mercato generale, avranno bisogno di un’approvazione normativa più ampia.

Neuralink ha già ricevuto l’approvazione della FDA per condurre sperimentazioni e ha informato l’agenzia di questo nuovo problema, secondo il Wall Street Journal, che per primo ha riportato la notizia.

Claire Duffy della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Filo della CNN
™ & © 2024 Cable News Network, Inc., una società della Warner Bros.. Scoperta. Tutti i diritti riservati.

Nevio Buratti
Nevio Buratti
"Evangelista di zombie dilettante. Creatore incurabile. Orgoglioso pioniere di Twitter. Appassionato di cibo. Internetaholic. Hardcore introverso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles