Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il progetto sartoriale di Tom Black è sulla buona strada per superare i 2 milioni di euro

Il progetto sartoriale di Tom Black è sulla buona strada per superare i 2 milioni di euro

L'attività sartoriale di Tom Black cresce scommettendo sulla lealtà. “Ogni uomo ha il suo stile, ma pochi lo conoscono davvero.” È con questa premessa che è nata e si è sviluppata Tom Black, un'azienda di sartoria su misura di Madrid fondata nel 2012 da Juan Terer, che… Attualmente possiede il 70% della societàIl restante 30% proviene dai suoi partner, tra cui Carlos Severino, partner della società di consulenza EY.

Tom Black, che ha sede a Madrid e impiega sedici persone, ha un fatturato di 1,8 milioni di euro nel 2023, con un EBITDA del 20%. La previsione per il 2024 dovrebbe raggiungere i 2,2 milioni di euro con un aggiustamento del 23%, con un obiettivo del 25%.

Azienda È iniziato dodici anni fa con un finanziamento di 40.000 euro da parte di Enisa È stata guidata dallo spirito imprenditoriale del suo fondatore, che all'epoca era attratto dal settore dell'abbigliamento personalizzato. Non aveva molta conoscenza del settore e aveva solo 25 anni quando decise di avviare un'attività con Tom Black. “Ci siamo concentrati sulla qualità del prodotto e sull'esperienza del cliente”, sottolinea.

Juan Terer afferma che ciò che lo colpisce di più è il legame che si crea con il cliente in un'azienda come Tom Black. “Ogni uomo ha il suo stile, ma pochissime persone lo conoscono davvero e noi volevamo aiutarli a conoscerlo”, spiega. Per fare questo, Terrier sottolinea l’importanza di “conoscere il cliente in base al momento, allo stile, al prodotto e all’ecosistema della persona, quali sono i suoi gusti e hobby, per dargli ciò di cui ha veramente bisogno”.

READ  Arjona aggiunge un nuovo spazio artistico al suo complesso storico con l'apertura del Parque del Olivar "Van der Lide"

Abbiamo investito molto nel nostro team di progettazione dal 2013 “Ci siamo evoluti al punto da essere in grado di progettare qualsiasi capo di abbigliamento, dal più formale al più contemporaneo.” Parallelamente si è sviluppato in due direzioni. “Siamo arrivati ​​al punto in cui abbiamo iniziato a produrre per conto terzi per un'altra azienda che fa parte del gruppo Tom Black SL”, spiega Terrier.

L’azienda conta attualmente una community di oltre 15.000 clienti “altamente fedeli”. La prova di ciò è che il grado di clienti abituali nel 2023 è stato del 52%, di cui il 36% erano clienti di riferimento. Il volume dei clienti è aumentato del 19% rispetto all'anno precedente.

A partire dal 2017, Tom Black ha puntato molto sull’evoluzione digitale, mettendo il cliente al centro, e creando un programma chiamato L'armadio di Tom Black. “Abbiamo creato un ecosistema digitale che ci permette di automatizzare i processi in termini di customer experience ed efficienza aziendale.” Quest'anno l'hanno introdotto sia fisicamente con l'aiuto del marchio di guardaroba Hueco, sia digitalmente con Samsung “con l'obiettivo di dimostrare capacità di progettazione e migliorare l'esperienza del cliente”, afferma Terrier, che aggiunge che “a seconda dello stile di vita, ogni cliente ha un ecosistema di guardaroba Tom Black Closet è uno strumento che funge da consiglio di stile”.

L'azienda ha attualmente due negozi a Madrid e si prepara a lanciare la sua piattaforma online riservata ai soli clienti, che sarà pronta quest'anno. “La nostra strategia non si concentra sulla creazione di punti vendita, ma… Creare uno spazio distintivo che offra valore fisico e digitale“, spiega il suo fondatore.

READ  Riaperto lo spazio per gli imprenditori nella piazza circolare di Murcia

Il capolavoro di Tom Black è suo Responsabile prodotto Jose Manuel EsclapezChe, secondo Juan Terer, “è arrivato nel 2013 e insieme abbiamo realizzato un ottimo prodotto”. “Siamo stati i primi e, una volta entrati in contatto con la qualità, siamo cresciuti molto rapidamente”, ricorda il suo fondatore, spiegando che quando ha fondato l'azienda c'era poca concorrenza a Madrid.

Juan Terer ripercorre la storia dell'azienda ed è soddisfatto degli obiettivi raggiunti finora. “Abbiamo costruito il cliente che desideriamo, di livello medio-altoHa notato che abbiamo soddisfatto le sue aspettative, perché consiglia e ripete anche per il valore aggiunto che forniamo e per quanto ci teniamo al cliente.