venerdì, Giugno 14, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il telescopio James Webb cattura un'immagine della Nebulosa Testa di Cavallo con un dettaglio senza precedenti

Il telescopio spaziale James Webb ha catturato immagini della famosa Nebulosa Testa di Cavallo – una nube di gas freddo situata a circa 1.300 anni luce dalla Terra – con un livello di dettaglio e risoluzione senza precedenti.

Le osservazioni hanno mostrato parte di questa nebulosa sotto una luce completamente nuova, permettendoci di catturarne tutta la complessità, hanno detto oggi la NASA e l'Agenzia spaziale europea (ESA), che insieme alla CSA sono responsabili del telescopio.

Le agenzie spaziali hanno spiegato che la nebulosa “Testa di cavallo”, conosciuta anche come Barnard 33, è emersa da onde turbolente di polvere e gas, e si è formata dal collasso di una nube di materiale interstellare, precisando che brilla perché illuminata da una stella vicina . Stella calda.

Immagine della Nebulosa Testa di Cavallo: X/NASAWebb

Le nubi di gas che circondano la nebulosa si sono già dissipate, ma la colonna prominente è costituita da spessi ammassi di materiale più difficili da erodere, e gli astronomi stimano che le rimangano circa cinque milioni di anni prima che si disintegri.

La nebulosa si trova in una regione di “fotodissociazione”, dove la luce ultravioletta proveniente da stelle giovani e massicce crea una zona calda e neutra di gas e polvere tra il gas completamente ionizzato che circonda le stelle massicce e le nuvole in cui si formano.

Potresti essere interessato a: La NASA lancerà la missione Dragonfly nel 2028: cercherà di studiare Titano, una delle lune di Saturno

Il telescopio James Webb cattura la Nebulosa Testa di Cavallo con dettagli senza precedenti

Questi raggi ultravioletti influenzano notevolmente la chimica del gas in queste aree e, secondo le stesse fonti, sono considerati la più importante fonte di calore.

READ  La Space Conference ha concluso con successo la sua seconda edizione

Queste regioni si verificano dove il gas interstellare è abbastanza denso da rimanere neutro, ma non abbastanza denso da bloccare la penetrazione della luce ultravioletta lontana dalle stelle massicce.

La luce proveniente da questa “fotodissociazione” costituisce uno strumento unico per studiare i processi fisici e chimici che guidano l’evoluzione della materia interstellare in tutto l’universo, dall’inizio della formazione stellare ad oggi.

Immagine di una nebulosa
Immagine della Nebulosa Testa di Cavallo: X/NASAWebb

Per la sua vicinanza e la forma geometrica, la Nebulosa Testa di Cavallo è un bersaglio ideale per gli astronomi per studiare le strutture fisiche di queste regioni e l'evoluzione delle proprietà chimiche del gas e della polvere nei rispettivi ambienti, nonché le regioni di transizione tra di loro.

Secondo le agenzie spaziali che partecipano al James Webb Telescope, è considerato uno dei migliori oggetti del cielo per studiare come le radiazioni interagiscono con la materia interstellare.

D'ora in poi i ricercatori intendono studiare i dati spettrali ottenuti dalla nebulosa per dimostrare l'evoluzione delle proprietà fisiche e chimiche del materiale osservato attraverso la nebulosa.

Con informazioni da EFE.

Seguici su Google News per rimanere sempre aggiornato

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles