Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Vietnam dice addio ai successi del 2022

Inserito da Moises Perez Mok

Capo corrispondente in Vietnam

L’epidemia è sotto controllo, la macroeconomia è stabile, l’inflazione in 11 mesi è al 3,02 per cento e chiuderà l’anno sotto il 4 per cento, sono assicurati ampi saldi e i tassi di cambio e di interesse sono adeguatamente adeguati, ha riassunto il ministro della Pianificazione e degli investimenti Nguyen su. qidong.

Parlando al 5° Forum economico nazionale, che si è tenuto nella capitale, il ministro ha anche osservato che la produzione industriale è aumentata tra gennaio e novembre dell’8,6%, il commercio e i servizi si sono ripresi rapidamente e le vendite totali al dettaglio di beni di consumo e servizi sono aumentate del 20,5%. . .

Ha spiegato che il numero di nuove società create ha raggiunto quota 195.000 e che i pagamenti per investimenti diretti esteri fino allo scorso novembre ammontavano a 19,68 miliardi di dollari, un aumento annuo del 15,1% e il livello più alto degli ultimi cinque anni.

Questi risultati, ha detto il Primo Ministro, Pham Minh Chinh, nella stessa riunione,

Sono sotto la saggia guida del Partito Comunista del Vietnam, l’efficace gestione dello stato e l’impegno dell’intero sistema politico, nonché della comunità imprenditoriale e di tutti.

Persone, insieme al supporto di amici internazionali.

Lo scorso ottobre, presentando il rapporto del governo sulla situazione socio-economica del Paese alla quarta sessione dell’Assemblea nazionale, quindicesima legislatura, Minh Chinh ha valutato che l’economia nel suo complesso è rimasta sostanzialmente stabile, l’inflazione è stata controllata e la crescita economica ha ripreso positivamente.

Ha osservato che i principali equilibri dell’economia sono stati assicurati e due mesi prima della fine dell’anno, il Vietnam ha raggiunto 14 dei 15 obiettivi sociali ed economici fissati per il 2022, in particolare la crescita economica.

READ  Forti piogge e nevicate colpiscono il Libano

Nel rapporto di verifica, la commissione per gli affari economici del Parlamento ha approvato la valutazione del governo e ha evidenziato che la ripresa della crescita è stata registrata nei tre settori chiave dell’economia, che comprendono agricoltura, silvicoltura e acquacoltura, industria, edilizia e servizi.

I personaggi parlano

Secondo questi risultati, le autorità governative e gli esperti considerano molto alta la probabilità che entro la fine del 2022 il tasso di crescita del PIL del Paese sia vicino all’8%, superando l’obiettivo fissato dal 6 al 6,5%.

Nel corso dell’anno, il Vietnam è riuscito a tenere sotto controllo l’inflazione tanto che anche nei primi dieci mesi dell’anno l’indice medio dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato solo del 2,89%.

Nel frattempo, il valore delle esportazioni e delle importazioni ammontava a 616 miliardi di dollari, con una crescita annua del 14,1%, raggiungendo un surplus commerciale di 9,4 miliardi di dollari.

D’altronde, fino allo scorso 15 dicembre, le entrate delle casse del bilancio generale dello Stato superavano i 71 miliardi di dollari, superando del 19,8 per cento la stima iniziale.

Il ministero delle Finanze ha attribuito questo risultato alla ripresa economica, oltre che all’applicazione di una serie di politiche di esenzioni e di riduzione e rinvio di imposte, tasse e spese per aiutare le imprese a riprendere produzione e attività.

Gli analisti internazionali hanno sottolineato che mentre altre grandi economie mondiali stanno tagliando il sostegno della politica fiscale e monetaria nel tentativo di contenere l’inflazione, il Vietnam è in grado di sostenere la sua crescita.

Hanno notato che nel gennaio di quest’anno il Vietnam ha approvato un pacchetto di stimoli fiscali di 15,4 miliardi di dollari, pari al 4% del PIL, per sostenere l’obiettivo di crescita dell’8% per il 2022.

READ  I talebani rifiutano di prolungare il periodo di evacuazione in Afghanistan - Juventud Rebeldi

Anche la valuta e i tassi di interesse nel paese del sud-est asiatico sembrano essere relativamente stabili rispetto ad altri paesi e la forte ripresa dei consumi personali insieme alla continua crescita delle esportazioni hanno contribuito alla crescita del PIL del terzo trimestre del 13,67%.

LOCOMOTIVA CORSA LENTA

Attualmente, nonostante l’apertura anticipata al mercato internazionale, il settore turistico non si è ancora del tutto ripreso.

Il primo ministro vietnamita Pham Minh Chinh, in una conferenza tenutasi qui di recente volta a rafforzare l’attrazione dei turisti stranieri, ha sottolineato che l’apertura dell’economia, del turismo e delle scuole nel marzo 2022 è stata una decisione saggia e ha portato effetti positivi in ​​molti settori.

Ma ha detto che l’arrivo di turisti internazionali non ha ancora raggiunto i risultati sperati.

Secondo quanto si sapeva, si stima che nel 2022 nel Paese del sud-est asiatico arriveranno appena 3,5 milioni di visitatori, sui cinque milioni inizialmente previsti, che genereranno introiti per circa 20,8 miliardi di dollari.

Aspettatevi nel 2023 di ricevere otto milioni di visitatori stranieri, a

È una cifra inferiore alla metà di quella raggiunta nel 2019, l’anno prima dello scoppio della pandemia di Covid-19, quando arrivarono 18 milioni di viaggiatori stranieri.

Secondo gli specialisti, le maggiori sfide per la piena ripresa dell’industria del turismo vietnamita oggi sono la lenta riapertura di mercati di origine chiave come Cina e Russia e problemi con i visti.

Per quanto riguarda quest’ultimo, gli esperti ritengono che l’obbligo del visto dovrebbe essere abolito per le persone provenienti da più paesi, cosa di cui godono oggi i cittadini di soli 24 paesi, e che i soggiorni senza visto dovrebbero essere estesi a 30 o 45 giorni, invece di 15 giorni.

READ  La Russia ha confermato di aver già stipulato un pre-accordo per il Messico per l'utilizzo del sistema satellitare Glonass, accusato di spionaggio.

Allo stesso modo, sarà necessario ampliare l’elenco dei paesi i cui cittadini possono ottenere i visti online, nonché rimuovere l’obbligo di assicurazione di viaggio contro Covid-19 per i visitatori.

Arbe / MP