Aprile 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Bolivia sarà inaugurata una mostra sulla lotta del popolo Saharawi

L’ambasciatore della Repubblica Araba Democratica Saharawi, Ahmed Salem Mohamed Ahmed, ha dichiarato in un’intervista ad un quotidiano latino: “La mostra sarà inaugurata martedì presso il Centro Culturale Simon Rodriguez dell’Ambasciata venezuelana in Bolivia, e rifletterà i risultati ottenuti da il nostro popolo nel difendere la propria sovranità”. Insiste.

Nel corso della sua conversazione con questa agenzia di stampa, il diplomatico ha sottolineato la resistenza di questo popolo, con il suo esercito di liberazione in prima linea, contro le forze di occupazione marocchine, e ha analizzato la storia di quel conflitto e la sua situazione attuale.

Ha sottolineato che “dopo 15 anni di terribile scontro armato tra l’esercito sahrawi e gli occupanti marocchini, le Nazioni Unite e l’unità africana hanno accettato il processo di pace”.

Salem Mohamed ha comunicato che la proposta è stata accettata da entrambi i partiti: il Fronte Popolare per la Liberazione di Saguia El Hamra e Oued Eddahab (Polisario) e il Marocco.

Nel quadro del cosiddetto piano di pace, nel 1991 è stata istituita la Missione delle Nazioni Unite per il referendum nel Sahara Occidentale (MINURSO), la quale prevedeva che tali consultazioni si sarebbero svolte entro un periodo di 12 mesi e che durante il periodo sarebbe stato dichiarato un cessate il fuoco. quel periodo. . .

Ma l’ambasciatore ha sottolineato che “dopo 30 anni di molteplici manovre portate avanti dagli occupanti marocchini per impedire l’organizzazione del referendum di autodeterminazione e di assenza di pressioni da parte del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, nella regione si è creato un nuovo stato di instabilità. “

Egli ha sottolineato che le forze marocchine hanno attaccato civili sahrawi disarmati che manifestavano pacificamente contro l'oppressione praticata nei territori occupati, a Guerguerat, nel sud-est del Sahara Occidentale.

READ  Il Presidente della Bolivia annuncia il secondo volume del libro in mostra (+ foto)

Inoltre, il Marocco ha eretto un muro nella zona, il che rappresenta una violazione del cessate il fuoco e della ripresa della guerra il 13 novembre 2020.

“Da allora, secondo l'ambasciatore, il popolo sahrawi, attraverso il suo esercito di liberazione, porta avanti una guerra di logoramento, che ogni giorno porta i suoi frutti non solo nelle perdite umane e materiali subite dall'esercito marocchino, ma anche nella declino del suo morale.”

Egli ha aggiunto che queste guerre hanno un impatto dannoso anche sull'economia marocchina, con i conseguenti disordini sociali.

Per quanto riguarda Salem Mohamed, alto funzionario e diplomatico, la RASD conta membri dell'Unione Africana Unidad e conta 84 padiglioni, tra cui 20 ambasciate in tre continenti e rappresenta il Fronte Polisario nel paese e nel mondo.

Con una superficie di 266.000 chilometri quadrati e una costa di 1.100 chilometri nell'Oceano Atlantico, le principali risorse della Repubblica Araba Democratica Saharawi sono l'estrazione mineraria (fosfato), la pesca e altre risorse minerarie sfruttabili.

M/JBM