giovedì, Giugno 13, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Jonathan Glazer torna al cinema dopo 10 anni con lo sconvolgente “The Zone of Interest”, un duro lavoro sulla banalità del male nazista (Festival di Cannes 2023)

Under the Skin è diventato uno dei preferiti a Cannes.

Egli è ‘zona di interesseche film Jonathan Glasser In gara nella sezione ufficiale del Festival di Cannes 2023 L’opera finale sulla banalità del male? Il film più inquietante mai realizzato sulla barbarie nazista? Mentre la follia di Cannes è un terreno fertile per l’esagerazione, il quarto lungometraggio di Glazer ha senza dubbio avuto un impatto. La sua proposta è tanto radicale, infatti, quanto il caso in esame.

Quando nel 2019 si seppe che il regista dell’acclamato film “Under the Skin” avrebbe lavorato a un adattamento del romanzo di Martin Amis “Area of ​​Interest”, ci siamo chiesti come avrebbe potuto portare la storia di un ufficiale nazista che si innamora di una donna ebrea da sonderkommando.

Bene, c’è poco nel film quella trama, che prende il titolo dal romanzo di uno scrittore recentemente scomparso su cui fantasticare. La vita quotidiana della famiglia del comandante in capo delle SS Rudolf Höss che dirige il campo di sterminio di Auschwitz Durante i giorni della Conferenza di Wannsee, che ha formalizzato la cosiddetta “Soluzione Finale”. Una storia sulla minima lavorazione del vimini amplificata da un palcoscenico straziante.

Iperrealismo e fuori dagli schemi

La questione delle immagini della barbarie di Auschwitz e dei suoi campi di sterminio è da decenni argomento di dibattito (da registi come Claude Lanzmann o Alain Resnais a teorici dell’arte come Georges Didi Hubermann), ed ecco perché Il fuori campo è diventato il principale elemento retorico nell’affrontare il genocidio Senza mostrare immagini di sadismo e orrore implicito.

READ  5 fatti sul film Netflix di Alejandro González Iñárritu

Ora, lo schermo su cui sta lavorando Glazer non è lo stesso fuori campo che László Nemes ha utilizzato in “The Son of Saúl” (2015), un film che era letteralmente un circuito attraverso l’orrore di un campo di sterminio con il Saúl del titolo a fuoco e il resto sfocato… Le battute iniziali di “The Zone of Interest” suggeriscono che Glazer perseguirà una strategia simile: uno schermo nero con un rumore di fondo inquietante non lascia spazio a dubbi. Tuttavia, L’apparato del regista britannico è più complesso ma anche più restrittivo.

da un lato, L’iperrealismo con cui brillano le sue immagini sta abbracciando il cattivo da un luogo molto inquietante, e talvolta rasenta i film dell’orrore. La macchina da presa, invece, non entra mai ad Auschwitz, anche se la casa di famiglia dove viene girato il grosso del film è attaccata alle mura del campo di sterminio.

Ognuno di noi sfuggirebbe alla vita in un posto simile, associato alla barbarie, ma i giorni della famiglia Rudolf Höss, con la loro casa immacolata, la loro piscina, il loro meraviglioso giardino e la loro serra assegnata, difficilmente li infastidiscono. fumare che svuotano i camini dei crematori.

“Area of ​​Interest”: la banalità del male e il rumore di fondo di Micah Levi

rigore con cui Glazer costruisce il futuro di Höss trova delle linee di fuga che, però, Dà ai tuoi esercizi un controllo visivo più stretto, se è appropriato. Una piccola sottotrama ripresa con la termocamera e in negativo a colori – che contrasta con l’ornamento iperrealista con cui è raffigurata la famiglia nazista – lascia spazio alle vittime dell’Olocausto, mentre verso il corollario il viaggio torna al presente. Insistere sull’idea della banalità del male da una posizione più banale.

READ  Recensione del film A-Ha

Precisamente se c’è un personaggio che, in tutta la sua grandezza, incarna il potere suggestivo del nazismo, vuoi per le sue idee vuoi per i benefici economici che garantisce, è il personaggio che lo interpreta. Sandra Holler (“Toni Erdmann”), la moglie del comandante in capo Huss. Interpretazione dell’attrice tedesca Cattura con allarmante precisione la tesi di Hannah Arendt E spiega, con due sole pennellate e quattro gesti, i motivi per cui un intero Paese si arrende con entusiasmo alle idee di Hitler, dalla vanità al professionismo.

Alla fine di questa sceneggiatura, non sappiamo se Glazer sarà il film definitivo su questa grande questione che circonda il male e i suoi tirapiedi, o se raggiungerà la tanto attesa Palma d’oro, ma su questo siamo chiari . Uno dei preferiti dalla critica nella sezione ufficiale del Festival di Cannes 2023.

Per il pennino che firma questa recensione, il dispositivo proposto da Glazer Effects e allo stesso tempo limitante nel suo messaggio, ma senza dubbio il design acustico di Mica Leviuna chiave nella costruzione dell’esterno di “The Zone of Interest”, merita un riconoscimento a Cannes e oltre La Croisette.

In Espinov | Under the Skin, il sorprendente thriller poliziesco del regista che puoi vedere in streaming: un film completo di uno degli autori più intriganti attualmente a Cannes

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles