Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La politica dell’esclusione al Summit delle Americhe aggiunge voci di disapprovazione, nonna del “mondo”.

Il forte rifiuto degli attivisti politici e dei movimenti sociali contro l’imperialismo e l’arroganza degli Stati Uniti nell’escludere le None Nazioni. Vertice delle Americhe, da esprimersi al Vertice dei Popoli, a Los Angeles, California, dall’8 al 10 giugno, il cui primo giorno di discussione porterà lo slogan: Let Cuba Live! Voci giovani contro l’assedio.

Su quel podio sarebbe stata denunciata l’ostilità alla rivoluzione cubana e sarebbero state concordate misure per mitigare gli effetti delle dure politiche statunitensi sugli isolani.

Una dichiarazione della piattaforma del People’s Forum ha rivelato che il dipartimento di polizia della città di Los Angeles ha rifiutato il permesso di condurre una marcia di massa, legale e pacifica il 10 giugno, che concluderà l’evento parallelo al Summit delle Americhe.

Gli organizzatori hanno accusato tale comportamento “costituisce una negazione illegale dei diritti costituzionali di coloro che sono impegnati in un’attività protetta dal Primo Emendamento” alla Costituzione degli Stati Uniti, nonché una violazione della libertà di espressione.

Secondo Prensa Latina, il Primo Ministro di Saint Vincent e Grenadine, Ralph Gonçalves, ha dichiarato che i paesi caraibici potrebbero non partecipare o invieranno rappresentanze non di spicco al Summit delle Americhe, per esprimere il loro disaccordo con le esclusioni che sono stati promossi. Gli Stati Uniti hanno ribadito che non parteciperanno all’incontro, a meno che non siano invitati Cuba, Nicaragua e Venezuela.

Nel frattempo, il segretario esecutivo dell’Alleanza Bolivariana dei Popoli del Trattato commerciale tra l’America e i nostri popoli, Sacha Llorente, ha scritto sul suo account Twitter: “A causa dell’esclusione arbitraria, ideologica e politicamente motivata dall’incontro di Los Angeles, coloro che non andare, non andare a protestare, quelli che vanno protesteranno.

READ  lunedì 8 agosto 2022 (07:00 GMT)

È stato inoltre appreso, tramite un telegramma di PL, che i rappresentanti cubani hanno ringraziato la Cina per essersi espressa contro gli Stati Uniti ad eccezione dei paesi del Vertice delle Americhe, decisione considerata da Washington un’altra manovra per imporre i propri interessi.

L’ambasciatore dell’isola a Pechino ha denunciato che “la Casa Bianca sta cercando di dividere e usare il diritto internazionale a suo piacimento, di applicare il multilateralismo selettivo quando gli pare e di far rivivere la cosiddetta Dottrina Monroe nelle relazioni con i suoi vicini”.

“È chiaro che gli Stati Uniti non hanno la possibilità di imporre i loro progetti, interessi e posizioni in America Latina e nei Caraibi, che sono cambiati abbastanza da cessare di essere un cortile”, ha affermato.