Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La “resurrezione” del mammut lanoso potrebbe essere vicina grazie ai progressi nel campo delle cellule staminali

La “resurrezione” del mammut lanoso potrebbe essere vicina grazie ai progressi nel campo delle cellule staminali

Gli scienziati hanno fatto un passo avanti nelle cellule staminali degli elefanti, che potrebbe avvicinare il recupero del mammut lanoso estinto, ha annunciato Colossal Biosciences, una società di estinzione.

In una dichiarazione, il team Woolly Mammoth di Colossal Biosciences afferma di aver ottenuto con successo cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) da elefanti asiatici (Elephas maximus).

Le iPSC sono cellule che sono state riprogrammate in modo da poter creare qualsiasi tipo di cellula nel corpo, il che significa che i ricercatori saranno ora in grado di studiare gli adattamenti che distinguono il mammut lanoso (Mammuthus primigenius) dai suoi parenti viventi più vicini e testare eventuali modifiche genetiche. Senza dover prelevare tessuti da animali vivi.

Ricreazione artistica di un mammut lanoso adulto che attraversa un passo di montagna nell'Alaska artica 17.100 anni fa.

immagine:James Havens

“Queste cellule rappresentano sicuramente un enorme vantaggio per i nostri sforzi di estinzione”, ha detto a lifescience.com Ireona Hesoli, responsabile delle scienze biologiche e presidente di Colossal Biosciences. Ciò che è importante in loro, ha detto Hisoli, è che possono rivelare i processi cellulari e genetici dietro le caratteristiche che hanno aiutato i mammut lanosi a prosperare nell'Artico. Queste caratteristiche includono capelli arruffati, zanne ricurve, depositi di grasso e un cranio a forma di cupola.

Le iPSC aprono anche un percorso per creare in laboratorio sperma e uova di elefante, essenziali per la de-estinzione dei mammut.

In precedenza, l’estrazione di cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) dagli elefanti era una sfida, perché questi animali hanno un percorso genetico complesso non riscontrato in altre specie. I ricercatori hanno superato questo problema sopprimendo un gene essenziale chiamato TP53, che regola la crescita cellulare e impedisce alle cellule di moltiplicarsi indefinitamente, ha detto Hisoli.

READ  Qualcuno ha costruito un robot ragno gigante che puoi pilotare, ed è davvero spaventoso

“Uno dei problemi che abbiamo dovuto superare nel caso delle cellule di elefante è che hanno questo percorso TP53 ampliato”, ha detto Hesoli. “Abbiamo dovuto sopprimere questo percorso in due modi per ottenere queste iPSC, quindi abbiamo dovuto seguire un processo in più fasi per ottenerle.”

Questa svolta potrebbe anche far luce sull’evoluzione iniziale degli elefanti, che attualmente è considerata il più grande ostacolo all’estinzione del mammut lanoso. Se i ricercatori riuscissero a creare un embrione di mammut lanoso combinando l’antico DNA di mammut con cellule di elefante, dovranno impiantare quell’embrione in un surrogato di elefante per completare il periodo di gestazione di 22 mesi. “La gestazione di un elefante è molto lunga e complessa, quindi è molto importante comprendere veramente l'aspetto biologico evolutivo della biologia degli elefanti”, ha detto Hesoli.

Progettare un feto di mammut lanoso non rappresenta più una sfida importante, ma dare alla luce un vitello sano richiederà più tempo e lavoro, ha affermato Hisoli. Il team sta ancora studiando metodi alternativi per generare cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) per gli elefanti e far maturare quelle sviluppate di recente. I progressi dell’iPSC, che saranno pubblicati nel database di prestampa bioRxiv, non sono ancora stati sottoposti a revisione paritaria.

“Ci sono ulteriori verifiche da fare, quindi fino alla fine del processo non si può mai essere sicuri, ma crediamo nella possibilità della pluripotenza [para diferenciarse en cualquier tipo de célula] “È tutto lì”, ha detto Hesoli.

Secondo la dichiarazione, la riprogrammazione delle cellule di elefante in iPSC ha applicazioni che vanno oltre l’estinzione del mammut lanoso. Questa tecnologia potrebbe dare una spinta alla conservazione degli elefanti, ad esempio, consentendo ai ricercatori di produrre e fecondare artificialmente le cellule riproduttive.

READ  Raddoppia la tua PS5 con SSD NVMe da 1TB in vendita sotto i 200€: prezzo storico basso

“Possiamo estrarre gameti, cioè cellule simili a sperma e spermatozoi, da queste cellule staminali pluripotenti”, ha detto Hesoli. “Questo è cruciale a lungo termine, perché potrebbero davvero essere la chiave per salvare la specie.”