Febbraio 26, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Spagna è uno dei pochi paesi europei che non vieta l'uso del burqa nei luoghi pubblici

La Spagna è uno dei pochi paesi europei che non vieta l'uso del burqa nei luoghi pubblici

La questione dell’indossare il burqa continua a creare divisioni in molti paesi europei, soprattutto quelli con una grande popolazione musulmana. In Spagna non esiste una legislazione sull’uso del velo islamico nei luoghi pubblici e i gruppi politici hanno intensificato il dibattito sull’opportunità di approvarlo, soprattutto dopo dieci consigli comunali (otto in Catalogna, uno in Andalusia e uno a Madrid). vietato l'uso dell'hijab. L'uso del burqa e del niqab nelle strutture comunali, in particolare nel comune di Jalapajar a Madrid.

Nel 2021 in Svizzera si è votato per vietare il burqa e il niqab. Nel marzo 2017, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha confermato il divieto di indossare tali indumenti islamici nelle aziende, a condizione che le norme interne coprano qualsiasi simbolo di carattere religioso, filosofico o politico e non si limitino a una specifica confessione. Di seguito sono riportati i paesi che hanno emanato leggi in merito in Europa:

Olanda

Dall’agosto 2019 i Paesi Bassi hanno vietato “parzialmente” il burqa. Inclusivo nei luoghi pubblici. Questa legge, approvata dal Senato il 26 luglio 2018, si applica in un paese in cui i musulmani rappresentano il 5% della popolazione e limita l'uso di tali indumenti in luoghi pubblici come scuole, ospedali, trasporti pubblici ed edifici governativi. .

Francia

In Francia, l’Assemblea nazionale ha approvato una legge il 13 luglio 2010 che vieta l’uso del niqab in tutti i luoghi pubblici. Questa legge è entrata in vigore l'11 aprile 2011. La Francia, che ha la più alta percentuale di popolazione musulmana nell'Unione Europea, è stato il primo paese dell'Unione a limitare l'uso dei simboli religiosi nei luoghi pubblici.

Dal 2004, indossare l’hijab è stato vietato nelle scuole pubbliche francesi dopo che l’Assemblea nazionale ha approvato una legge che vieta l’uso di segni religiosi “palesi” in questi centri. Questa legge include anche le croci. Questo indumento poteva essere utilizzato solo nelle scuole e nelle università islamiche dove non era in vigore la legge sui simboli religiosi.

READ  Parque Pacifico, lo spazio della cultura, dell'arte, dell'amore e della tradizione a Cali

Belgio

In Belgio, il 23 luglio 2011 è entrata in vigore una legge che vieta di indossare nei luoghi pubblici il niqab che copra l'intero viso, compresi il “burqa” e il “niqab” (un indumento simile al burqa che lascia scoperti solo gli occhi). Il Belgio è il secondo paese dell’Unione Europea, dopo la Francia, a vietare in generale l’uso di questi vestiti.

Danimarca

Dal 1° agosto 2018 la Danimarca è diventata il terzo paese ad attuare il divieto del burqa e del niqab. Questa misura ha suscitato le proteste delle donne musulmane, che ritengono che la nuova legge limiti i loro diritti.

Germania

In Germania, otto stati federali vietano agli insegnanti di indossare l'hijab e qualsiasi altro simbolo religioso o politico. Tuttavia, le studentesse possono coprirsi la testa con questo hijab. Le funzionarie donne non possono coprirsi completamente la testa con l'hijab mentre servono il pubblico.

Italia

In Italia esiste una legge dal 1975 che vieta di coprire l'intero viso e la testa nei luoghi pubblici, sia con il velo che con i caschi da motociclista. Nel 2011 i due partiti di governo Popolo della Libertà (PDL) e Lega Nord, insieme al gruppo parlamentare Iniziativa Responsabile, votarono a favore di un decreto che vietava l'uso del burqa. Il decreto prevede pene fino a un anno di reclusione per chi indossa il burqa in luogo pubblico e una multa fino a 30.000 euro per chi costringe altri a indossare tale indumento o addirittura a uscire in strada con il volto coperto.

Austria

Nei mesi scorsi il parlamento austriaco ha approvato una legge che vieta alle ragazze musulmane tra i 6 e i 10 anni di indossare l’hijab nelle scuole primarie, un provvedimento che ha spinto le associazioni islamiche a chiederne l’abolizione in quanto “discriminatoria”. Dal novembre 2018, il velo islamico è già vietato per le ragazze di età inferiore ai sei anni negli asili nido del Paese.

READ  Come cambiare la password wifi

Inoltre, nel 2017, il governo austriaco ha vietato l’uso del velo integrale nei luoghi pubblici, ha limitato l’uso di simboli religiosi tra i funzionari per garantire la “neutralità” dello Stato e ha posto il veto ad alcune campagne di proselitismo dei salafiti (islamici ultraconservatori).

Lettonia

Dal gennaio 2017, la Lettonia ha imposto il divieto di indossare mascherine nei luoghi pubblici. Dzintar Rasnaks, all’epoca ministro della Giustizia, giustificò la necessità di questa norma “non solo per garantire l’ordine pubblico, ma anche per proteggere i beni culturali in Lettonia”.