Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ambasciata degli Stati Uniti all’Avana tornerà a elaborare i visti di immigrazione l’anno prossimo per la prima volta dal 2017

(CNN) — L’amministrazione del presidente Joe Biden ha annunciato mercoledì che a partire dall’inizio del prossimo anno, l’Ambasciata degli Stati Uniti a L’Avana, a Cuba, riprenderà l’elaborazione completa dei visti di immigrazione per la prima volta dal 2017, poiché i funzionari di frontiera incontrano un numero crescente di cubani al confine meridionale. dagli Stati Uniti.

La misura fa parte di uno sforzo coordinato per espandere i percorsi legali negli Stati Uniti, sviluppato nella Dichiarazione di Los Angeles sull’immigrazione e la protezione durante il Summit delle Americhe lo scorso giugno.

L’USCIS aumenterà anche il numero del personale a L’Avana per elaborare casi e condurre interviste nell’ambito del Programma Cubano di Parole per il Ricongiungimento Familiare. Le misure, che ha ripreso ad agostoAlcuni cittadini statunitensi idonei e residenti permanenti legali possono richiedere la libertà condizionale per le loro famiglie a Cuba, in modo che possano ricongiungersi con gli Stati Uniti.

“Questi sforzi sono un passo importante nell’adempimento dell’impegno degli Stati Uniti negli accordi di immigrazione tra Stati Uniti e Cuba che cercano di garantire che l’immigrazione legale totale negli Stati Uniti da Cuba sia un minimo di 20.000 cubani ogni anno e non includa i familiari diretti degli Stati Uniti cittadini “, ha detto. L’amministrazione ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione che il Dipartimento di Stato continua a valutare l’ulteriore espansione dei servizi di visto all’Avana se le condizioni lo consentono.

Migrazione al confine

I cubani hanno viaggiato in numero crescente al confine tra Stati Uniti e Messico e nel sud della Florida nell’ultimo anno. Ad agosto, la US Customs and Border Protection (CBP) ha arrestato poco più di 19.000 immigrati cubani lungo il confine, rispetto ai 4.496 dell’agosto dello scorso anno, secondo gli ultimi dati disponibili.

READ  Calais sconvolta dal naufragio di migranti nel Canale della Manica

Le relazioni tese con paesi come Cuba e il Venezuela impediscono agli Stati Uniti di rimuovere persone dal loro territorio, il che rappresenta una grande sfida per l’amministrazione.

“I regimi comunisti falliti in Venezuela, Nicaragua e Cuba stanno guidando una nuova ondata migratoria attraverso l’emisfero occidentale, compreso il recente aumento degli scontri al confine sud-occidentale degli Stati Uniti”, ha affermato in una nota il commissario alle dogane e alla protezione delle frontiere Chris Magnus. all’inizio di questa settimana.