Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’arrivo della quinta dose del vaccino anti Covid

Mentre La quarta dose del vaccino anti Covid ha iniziato a essere somministrata a fine settembre a gruppi specifici Della popolazione, alcuni gruppi sono già al quinto posto. Montsy LePart ha un appuntamento questo martedì per ricevere il terzo boost. «Sono sempre preparata, credo molto nella medicina e non ho problemi a farmi vaccinare tutte le volte che è necessario, anzi», spiega. Questo 69enne di Barcellona ha ricevuto un trapianto di cuore nel 2014 ed è quindi parte del cosiddetto gruppo 7 nella strategia di vaccinazione, che sono persone a rischio che sono molto più avanti degli altri nel programma di vaccinazione per COVID-19.

Josefa Pérez, che era un utente domestico presso l’Hospitalet de Llobregat, è diventata ufficialmente la prima catalana il 26 settembre a ricevere la quarta dose di antivirali davanti a un gran numero di telecamere e alla presenza delle autorità sanitarie. Lontano dai kit ufficiali, Montsy-Lepart ha ricevuto la seconda dose, o quarta dose, circa sette mesi fa, il 4 marzo, presso la Clinica dell’Ospedale. Come migliaia di persone.

progresso

Montse Llopart ha ricevuto la quarta dose a marzo, sei mesi prima della prima “ufficiale” di Josefa Pérez

I sette principali ospedali della Catalogna Hanno iniziato a darsi malati per il quinto round. La sola Clínic calcola che vaccinerà circa 3.000 pazienti. Nella sua notifica ai trapiantati, indica che il vaccino può essere somministrato in ambiente ospedaliero o ambulatoriale. “La cosa importante e ciò che ti consigliamo è che tu lo indossi”, spiega. Le condizioni sono che siano trascorsi dai due ai tre mesi dal trapianto, cinque mesi dalla quarta dose e tre mesi dall’infezione da covid.

READ  Le azioni asiatiche inciampano mentre gli investitori si preparano a un rialzo dei tassi chiave della Fed

“Nessun problema”, ripete Llopart, che è un membro del Grupo de la Cremallera, una piccola organizzazione di supporto per i trapiantati di cuore. “Abbiamo difese basse perché stiamo assumendo farmaci immunosoppressori per impedire al corpo di rigettare l’organo, e siamo a maggior rischio di contrarre il Covid rispetto alle persone che hanno difese normali”.

Vaccini di richiamo adattati alla variante Omicron

Lavandeira jr/EFE

Le Raccomandazioni del Comitato per la sanità pubblica sulla somministrazione dei richiami (21 settembre 2021) suggeriscono di estendere la somministrazione di dosi extra alle persone con condizioni incluse nel Gruppo 7 della Strategia, ovvero “quelle con condizioni ad altissimo rischio di malattia grave”, un gruppo relativamente eterogeneo. Tra questi c’erano quelli sottoposti a terapia immunosoppressiva, riceventi di trapianto CAR-T, riceventi di organi solidi, sottoposti a emodialisi ed emodialisi, chemioterapia e radioterapia nei 6 mesi precedenti e pazienti con immunodeficienza o sindrome di Down di età superiore ai 40 anni.

candidati

Persone immunocompromesse, comprese quelle che hanno subito un trapianto

Anthony Trella riassume: “Sono i pazienti che devono proteggersi di più perché potrebbero essere affetti da forme più gravi di Covid”. Secondo l’epidemiologo, una piccola percentuale, inferiore al 10%, di questi pazienti ha sviluppato una risposta immunitaria inadeguata o nulla alla quarta dose a causa di un sistema immunitario indebolito.

“Quelli che non hanno fatto gli anticorpi li abbiamo individuati. È importante fare il boost anche se sappiamo che alcuni non risponderanno. In questi casi particolari, oltre al vaccino, si usano gli anticorpi monoclonali”. Questi non attivano le difese, ma sono sintetici proteine ​​che agiscono come anticorpi umani Nel sistema immunitario In questo caso, Evusheld (una combinazione di anticorpi monoclonali cilgavimab e tixagevimab) è efficace come profilassi pre-esposizione.

READ  20 anni dopo l'arrivo dell'euro, la moneta che ha facilitato i viaggi

Consiglio

“Con l’avvicinarsi dell’inverno, la vaccinazione è altamente raccomandata”

“Anche se potrebbe non sembrare che stiamo vivendo una vita normale, Covid è ancora con noi e la quinta dose del vaccino è altamente raccomandata per le persone giuste”, afferma Anthony Trella. sarà l’ultimo? Per lo più no. Le persone ad alto rischio potrebbero aver bisogno di una nuova dose di richiamo entro pochi mesi. “Non si sa quando o quale sarà il vaccino in base al suo adattamento alle diverse varianti”, spiega l’epidemiologo. Indubbiamente, a suo avviso, “con l’avvicinarsi dell’inverno, la decisione di vaccinarsi è fortemente consigliata” per i settori in cui è richiesta la somministrazione del secondo farmaco di richiamo: over 60 anni, pazienti con patologie pregresse, e pazienti con patologie pregresse. Sanità, sanità sociale e donne in gravidanza. Secondo gli ultimi dati del ministero della Salute, 5,7 milioni di persone con più di 60 anni (il 46% del totale) hanno ricevuto la quarta dose.