Ottobre 1, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’eredità di Napoleone all’Avana – Juventud Rebeldi

Dicono che Napoleone Bonaparte sia nato con i denti e questo, secondo la maggior parte delle culture europee, era un ottimo presagio. I bambini con uno o più denti da parto hanno avuto fortuna e sono diventati grandi guerrieri. Anibal Barcelona e Julio Cesar hanno compiuto il loro destino. Napoleone non ci mise molto e all’età di ventiquattro anni conseguì i gradi di generale, due anni dopo fu comandante dell’esercito dell’interno e all’età di trentacinque anni era già imperatore dei francesi.

“Piccolo caporale”, come lo chiamano i suoi soldati, combina gloria, misticismo, carisma e lucidità di pensiero con ambizione, egoismo e abuso di potere. Era un genio della strategia, uno dei più studiati al mondo, e anche capace di condurre campagne militari disastrose, come quelle della Russia. Il caos, l’enorme ghigliottina finì. Ha protetto la Rivoluzione francese nei momenti critici e ha rovesciato la direzione al potere e poi, con stupore di tutti, ha ripristinato la schiavitù e si è incoronato imperatore.

Pistole consegnate da Napoleone durante la sua resa agli inglesi il 15 agosto 1815. Foto: Emilio El Herrera Villa.

Napoleone annientò il sistema feudale instaurato in Europa dal V secolo e divenne dittatore, creando reti di scuole, promulgando norme civili e giuridiche per tutti i cittadini senza eccezioni e ponendo le basi della società moderna come la conosciamo.

Due secoli dopo il crollo del suo impero, l’eredità di una delle figure più famose della storia umana continua. Questa influenza raggiunge i Caraibi, in particolare il Museo Napoleone all’Avana, che quest’anno commemora il 60° anniversario della sua fondazione e il bicentenario della morte di Bonaparte nell’isola prigione di Santa Elena.

La nostra capitale, pur non avendo alcun legame con il primo imperatore francese, conserva la collezione napoleonica più completa e diversificata del continente e unica nel suo genere in America Latina.

Scudo dei corazzieri (cavalleria) Foto: Emilio L. Herrera Villa.

“Abbiamo la particolarità di essere fuori dal contesto consueto dei principali centri specializzati di Napoleone con sede in Europa, soprattutto in Francia. È una realtà Farida, ma abbiamo uno dei migliori musei al mondo su questo argomento”, ha confermato il museologo dell’istituzione, Edward Gomez.

READ  La delegazione del governo venezuelano arriva in Messico per partecipare a un dialogo con l'opposizione

La nostra biblioteca contiene più di 4.000 volumi in diverse lingue, principalmente del periodo della Rivoluzione francese e della documentazione di Napoleone. Inoltre, la collezione dell’Imperatore si amplia fino a comprendere dieci manifestazioni artistiche (pittura, mobilio, oggetti storici…) per un totale di quasi 3.600 pezzi,” gioventù ribelle Sadis Sanchez Aguilar, Direttore del Museo.

Questa vasta collezione espone quattro piani di patrimonio artistico tra cui stoviglie in porcellana, sculture, costumi e varie armi militari risalenti al grande stratega e al suo regno storico. “È un piacere per i cubani e per tutti coloro che ci visitano poter trovare questi tesori concentrati in un luogo pubblico, e non in un luogo privato. “Questa è una cosa molto importante”, ha detto Edward Gomez.

In occasione del 60° anniversario della fondazione del museo, si tiene la mostra Napoleone nell’isola di Sant’Elena, che mostra la fase finale del re. L’Avana custodisce molti manufatti e persino l’albero che è cresciuto nel giardino dell’istituzione dai semi portati da questo pezzo di terra perduto situato nell’Atlantico meridionale.

“Siamo fortunati ad avere cose legate al suo tempo a Santa Elena, tra cui il famoso bicorno, il suo binocolo e l’orologio da tasca che ha portato nelle ultime ore della sua vita”, ha detto Sanchez Aguilar.

Un orologio da tasca per Napoleone mentre era imprigionato sull’isola di Santa Elena Foto: Emilio El Herrera Villa.

Sono inoltre esposti un ciuffo di capelli di Napoleone e molari di incalcolabile valore storico. All’interno di questo tesoro si trovano le pistole date dal grande generale nella sua resa agli inglesi il 15 agosto 1815. Concesse al tenente generale Andrew Mott, a bordo della HMS Bellerophon, queste pistole simboleggiano la pace europea globale che ne sarebbe derivata; Così come l’ultimo atto di libertà compiuto dallo stesso Napoleone.

READ  Un gruppo di bambini scopre un fossile di un gigantesco pinguino preistorico

Il bicorno esposto è uno dei quattro che Bonaparte portò a Sant’Elena. Tra gli altri, uno è noto per aver riposato con Napoleone nel Palais Nationale des Invalides, l’altro è nella collezione Chateau de Malmaison e il terzo non è stato ancora scoperto.

Un altro oggetto di valore inestimabile è una delle maschere mortuarie dell’imperatore, che il suo medico personale, François Carlos Antomarechi, portò a Cuba nel 1834. Divenuto amico intimo del generale Juan de Moya, governatore della provincia orientale di Cuba, il medico gli vendette un maschera a un ufficiale spagnolo. Più tardi, il generale Mambe José Lacrete Morlo acquistò il pezzo fino a quando gli eredi di Lacrete offrirono la maschera oggi nella fondazione in vendita nel 1916.

Il Museo Napoleone all’Avana trae le sue origini dal meticoloso lavoro dello “Zucchero Zar” Julio Lobo, uno dei più grandi collezionisti di Bonaparte di tutti i tempi. La biblioteca è caduta nelle mani del lavoro incommensurabile della dott.ssa Maria Teresa Ferrer de Andrade, fondatrice delle biblioteche cubane, che ha raccolto importanti volumi e ha gestito il bellissimo edificio di Natalia Bolivar, prima direttrice del Museo.

Nelle parole di Sánchez Aguilar, “Natalia Bolivar ha capito il significato di questa collezione per la storia del mondo. Ha avuto la lungimiranza di conservarla e organizzarla in un museo ufficiale, secondo i desideri dello stesso Julio Lobo.

Molare di Napoleone estratto dal dottor O’Meara il 16 novembre 1817. Foto: Emilio El Herrera Villa.

Durante l’attività del Museo Napoleonico per 60 anni; La scrittrice e correlata etnologa Natalia Bolivar ha parlato con i partecipanti degli inizi di un’istituzione che, per curiosità, è stata una delle prime ad essere approvata dal governo rivoluzionario.

Anche senza l’approvazione di Julio Lobo, Natalia Bolivar ha messo gli occhi sul palazzo fiorentino La Dolce Dimora, l’ex residenza del colonnello dell’Esercito di Liberazione, il cubano-italiano Oreste Ferrara, come splendida futura residenza. Collezione.

READ  Antonio Guterres incontra Vladimir Putin 'per porre fine alla guerra il prima possibile'

Sono andato a chiedere a Fidel di darmi la casa a Ferrara e lui me l’ha data per costruire un museo. In seguito ho parlato con Julio Lobo con l’intento di accettare di consegnare la sua collezione a Napoleone, che era l’amore della sua vita. Tramite avvocati di tutte le parti, davanti a Lobo. Con l’aiuto di Osman Cienfuegos, il palazzo fu restaurato. Abbiamo aperto il museo il 2 dicembre 1961 con il sostegno di Alejo Carpenter. Natalia Bolivar ha spiegato che è stato un lavoro che si è concluso con l’amore e l’affetto di tante persone.

Questo grande amore dichiarato di molti ha portato uno dei più grandi e completi gruppi napoleonici in questo emisfero a raggiungere il suo sessantesimo anniversario. “Abbiamo lavorato duramente negli anni per mantenere gli standard elevati che merita una collezione di questo tipo. Negli ultimi anni abbiamo ospitato diverse Conferenze internazionali di Napoleone e continueremo a farlo. Abbiamo collaborato con lo studioso Luke Dalla Bonna dell’International Società napoleonica per produrre la prima edizione del catalogo del Museo, che sarà lungo 350 pagine. È stato recentemente pubblicato in inglese, fuori da Cuba, ma stiamo lavorando alla versione spagnola che vogliamo pubblicare all’Avana il prossimo marzo “, Sanchez Annunciò Aguilar.

Duecento anni dopo la sua morte, l’eredità di Napoleone Bonaparte arrivò e si espanse all’interno di un’isola caraibica che non si sa sia apparsa nel suo pensiero imperiale. E questo non dovrebbe sorprendere, perché la morte non è mai stata il contenimento di coloro i cui denti da parto erano destinati a divorare il mondo.

La maschera mortuaria di Napoleone. Il museo contiene due copie della copia in bronzo e una copia della copia lucida del medico personale dell’imperatore François Carlos Antomarechi Foto: Emilio El Herrera Villa.