venerdì, Luglio 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

L’industria automobilistica attendeva con ansia Perte VEC 2. Ora ha un problema: le elezioni

Nell’aprile 2021, il mio collega Enrique Pérez ha indicato tutti i progetti che avrebbero dovuto investire 70.000 milioni di euro del piano di ripresa che era arrivato dall’Europa. Di tutte le variabili, il auto Formava un pezzo essenziale quando si distribuiva denaro.

Va tenuto presente che l’industria automobilistica è fondamentale per la Spagna. secondo I dati del Ministero dell’Industria, del Commercio e del TurismoQuesta industria rappresenta il 10% del PIL spagnolo e il 18% delle sue esportazioni. Nel 2021 è stato il nono Paese che produce più auto e il secondo in Europa.

Con queste cifre sul tavolo, ci si aspettava che una parte dei fondi europei venisse destinata a questo Modernizzazione dei nostri stabilimenti automobili, con l’obiettivo di attrarre nuovi investimenti e preservare i costruttori già affermati nel nostro Paese. È solo una sfida quando la Cina e gli Stati Uniti scommettono fortemente sullo spostamento della produzione di veicoli nella propria terra.

L’industria spagnola deve prendere una decisione difficile. La stragrande maggioranza del lavoro viene svolto sulle catene di montaggio che, con l’avvento dell’auto elettrica, sono diventate l’anello più debole della catena. Per questo è importante l’arrivo di regimi di aiuto successivi, con l’obiettivo di modernizzare gli spazi, investire in ricerca e sviluppo e promuovere la Spagna come centro per i veicoli elettrici.

Parte 2, la tua situazione

IL Le prime parti Avevano un chiaro vincitore: la Volkswagen. L’assistenza è stata fondamentale affinché il produttore decidesse a pieno di costruire il suo impianto di batterie a Sagunto. Sebbene non abbia ottenuto tutti i soldi che si aspettava, era necessaria una linea economica per portare avanti il ​​​​progetto.

READ  JP Morgan teme che gli Stati Uniti vieteranno le vendite allo scoperto

Mercedes, Opel, Renault o StellantsTra l’altro hanno ricevuto anche una spinta economica per migliorare le loro strutture nel nostro Paese. Ma sin dal suo lancio, alcuni produttori hanno criticato le scadenze per preparare i loro progetti nei prossimi anni, affermando che erano troppo brevi e irrealistiche. Ford, ad esempio, ha rifiutato i soldi che è stato concesso in quanto i piani di produzione in Spagna erano stati ritardati.

da allora, Produttori, manager e politici Le autorità locali hanno fatto pressioni sul governo affinché lanciasse un secondo bando per questi VEC Perte, con scadenze più flessibili che aumentano le possibilità che le aziende salgano sul carrozzone del sostegno.

Il governo prevede di lanciare Perte VEC 2 a giugno. L’industria conferma che i piani stanno andando avanti

L’ultimo a parlare fu Wayne Griffiths. L’amministratore delegato di Seat ha sottolineato di essere stato molto aggressivo negli ultimi mesi Solo pochi giorni fa Che gli investimenti di Volkswagen per il suo futuro in Spagna dipendono dal nuovo bando per la Parte 2.

I piani di conglomerato automatico includono la creazione di a Impianto di assemblaggio batterie all’interno delle sue strutture a Martorell. In questo modo, Volkswagen può controllare l’intero processo di produzione della batteria, assemblaggio della batteria e assemblaggio del veicolo nel nostro Paese. Ricordiamo che SEAT sarà responsabile dell’alimentazione della gamma di piccoli veicoli elettrici attraverso le catene di montaggio catalane.

Stellantis ritiene inoltre che la sua unica opzione per un impianto di Vigo sia l’assegnazione di Perte 2. L’azienda prevede dure modifiche al suolo galiziano, ma spera anche che Vigo sia un impianto che può produrre piattaforme per veicoli elettrici Dal 2026. Scadenze che li hanno lasciati fuori dalla prima linea di aiuto, che i progetti si prevedevano di realizzare fino al 2025.

READ  Il sequel di GT-R arriva nel Super GT

Sebbene questi due progetti abbiano concentrato la maggior parte della loro attenzione, anche altri produttori stanno aspettando i requisiti finali per accedere a questi sussidi. BYD Ha chiarito che la Galizia o le Asturie erano terre adatte per costruire la loro prima fabbrica in Europa.

Inoltre, è stato confermato che ci sarà una certa linea di aiuto per Produzione batterie. A Navalmoral de la Mata (Estremadura) stanno aspettando questa possibilità e l’allentamento delle condizioni, da allora Sono già rimasti fuori Dalla prima linea di soccorso.

La domanda ora è come sarà tutto mentre le elezioni avanzano fino al 23 luglio. A marzo, il ministro dell’Industria, del Commercio e del Turismo, Hector Gomez, aveva già indicato che questo secondo pacchetto di aiuti Sarà approvato a giugno. Ma la ricerca di a Nuovo amministratore delegato In meno di due mesi l’incertezza è tornata di nuovo.

I produttori chiedono urgentemente, e per il momento, al Ministero dell’Industria Continua a ripetere Le date si riferiscono all’approvazione prima delle elezioni. Le aziende, in questo momento, stanno sottolineando e sottolineando che l’incertezza non è buona. Secondo lui, società come Tata, che includeva la Spagna nei loro piani, avrebbero potuto preferire il Regno Unito. bloomberg.

A Xataka | Abbiamo cercato le auto elettriche più economiche in Spagna: questi erano i loro prezzi un anno fa e questo è quanto costano oggi

foto |

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles