Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia mette in pericolo la vita dei migranti impedendo i salvataggi, condannano le ONG

L’Italia mette in pericolo la vita dei migranti impedendo i salvataggi, condannano le ONG

Le organizzazioni non governative (ONG) incolpano il governo italiano guidato da Giorgia Meloni. Compromette la sicurezza dei migranti che cercano di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa.

(Leggi Anche: Video: Un enorme incendio travolge completamente un condominio in Spagna).

argomenti correlati

Le critiche arrivano mentre festeggia il suo primo anniversario Legge Applica le quote dei porti remoti per gli sbarchi di salvataggio.

ONG comprese Open Arms e salvataggio marittimo umanitario della Spagnaesprimono la loro preoccupazione per l'aumento della mortalità nel Mediterraneo centrale, situazione che collegano direttamente alla nuova normativa italiana.

“Di fronte al crescente numero di vittime nel Mediterraneo centrale dall'inizio del 2023, chiediamo al governo italiano di smettere immediatamente di ostacolare le nostre operazioni di salvataggio in mare adottando una nuova legge da parte delle autorità italiane e assegnando formalmente porti remoti alle navi di soccorso umanitario ,” hanno detto in una dichiarazione congiunta. Dicono

Avvertono più di questo Solo nel 2023 sono morte o disperse 2.500 persone durante il viaggioQuesto lo rende l’anno peggiore dal 2017.

(Per saperne di più: Russia: la madre di Alexei Navalny spinge per la sepoltura “segreta” di suo figlio.)

Un appello al rispetto dei diritti umani

Le organizzazioni sottolineano l'urgenza di intensificare gli sforzi di salvataggio, soprattutto dopo aver ricordato il naufragio vicino a Kutro in Calabria. In questo morirono 94 persone.

Criticano le leggi italiane perché li costringono a scegliere di adempiere al loro obbligo di salvataggio umanitario, Mettere in pericolo gli ostacoli o abbandonare al proprio destino chi è in pericolo in mare. Rivelano che a causa di queste politiche, alle navi di soccorso viene impedito di andare in mare per più di 300 giorni per aiutare le persone in difficoltà.

READ  Eagle Pictures investe in nuovi studi a Roma

(Interessante: il Regno Unito annuncia 50 nuove sanzioni contro individui e aziende legate a Putin).

La pratica di assegnare porti remoti ha costretto le navi di soccorso a percorrere oltre 150.500 chilometri aggiuntivi, con conseguente notevole allontanamento dalle aree critiche di soccorso e ritardi nelle cure mediche e nei servizi di sicurezza per le persone soccorse. “Siamo a centinaia di giorni da un'area di ricerca e salvataggio in cui la vita delle persone è a rischio.”Le ONG lamentano.

In risposta a questa crisi, Le organizzazioni chiedono all’Italia di smettere di ostacolare gli sforzi di salvataggio e di rispettare il diritto marittimo internazionale, possibilità di sbarco delle persone soccorse nei luoghi più vicini. Il suo obiettivo è evitare che il Mediterraneo centrale diventi “un cimitero ancora più grande” e proteggere i diritti fondamentali delle persone a rischio in mare.

Altre novità su EL TIEMPO

Latitante russo assassinato in Spagna, incolpa della sua morte il governo di Putin

La sconvolgente testimonianza di una suora che ha subito abusi da parte di un famoso prete artista

Secondo un attivista russo, Alexei Navalny è stato ucciso da una pugnalata al cuore

*Questo contenuto è stato riscritto con l'aiuto dell'intelligenza artificiale sulla base delle informazioni di EFE e rivisto da un giornalista ed editore.