Maggio 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“L’umanità si sta comportando come il figlio delinquente di Madre Terra”, ha detto Guterres.

“L’umanità si sta comportando come il figlio delinquente di Madre Terra”, ha detto Guterres.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha messo in guardia lunedì dal caos globale in cui versa il pianeta, secondo un rapporto pubblicato dalle Nazioni Unite. un'agenzia Stampa latina.

L’inquinamento, l’eliminazione di specie ed ecosistemi o i gas serra sono nel mix di disastri che hanno fatto dire a Guterres: “L’umanità si sta comportando come il figlio delinquente di Madre Terra”.

L'avvertimento arriva dal Segretario generale delle Nazioni Unite in occasione della Giornata mondiale della Terra, che si celebra il 22 aprile di ogni anno.

Questa data ricorda che milioni di persone scesero nelle strade di città e paesi degli Stati Uniti il ​​22 aprile 1970 in massicce manifestazioni per protestare contro i danni arrecati al pianeta e alle sue risorse.

Guterres ha chiesto di ripristinare l’armonia con la natura, di adottare una produzione e un consumo sostenibili e di proteggersi dai danni.

Per questo progetto, ha chiesto la creazione di opportunità di lavoro, la riduzione della povertà e la promozione dello sviluppo sostenibile.

“Ciò significa fermare improvvisamente la perdita di biodiversità, porre fine all’inquinamento e ridurre significativamente le emissioni di gas serra in tutto il mondo”, ha aggiunto.

Il capo dell’organizzazione globale ha chiesto di garantire giustizia climatica ai paesi in prima linea e di mobilitare rapidamente i finanziamenti per contenere l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius.

Guterres ha invitato il G20, che comprende le economie più dinamiche del pianeta, a guidare un’eliminazione globale rapida, equa e finanziata dei combustibili fossili e a porre fine ai sussidi che distruggono la natura, compresi quelli che finanziano la produzione incontrollata di plastica. .

READ  La famiglia reale britannica deve riformarsi per sopravvivere

Ogni anno, oltre 280 milioni di tonnellate di prodotti in plastica a vita breve finiscono nella spazzatura.

A differenza di altri materiali, la plastica non è biodegradabile. Possono volerci centinaia di anni per decomporsi, quindi quando viene smaltito si accumula nell'ambiente fino a raggiungere un punto critico.

Questo inquinamento porta al soffocamento degli animali marini, al degrado del suolo, all’avvelenamento delle falde acquifere e può causare gravi conseguenze per la salute umana, secondo quanto affermano gli esperti. Scienziati Dall'Università delle Nazioni Unite.

L’Europa è il continente con il riscaldamento più rapido, quasi il doppio della media globale

Europa, rapido riscaldamento

L’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) ha affermato in un rapporto in cui si sottolinea che l’Europa è il continente in cui le temperature stanno aumentando più rapidamente, facendo sì che il 2023 sia uno degli anni più caldi per quella regione. Stampa latina.

Questa affermazione è stata supportata dal Copernicus Climate Change Service, che rileva che il numero record di giorni con stress da caldo estremo e decessi legati al caldo è molto più alto del solito.

Secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale, i disagi causati dai cambiamenti climatici causeranno livelli di disagio e miseria senza precedenti per milioni di persone in Europa nel 2023.

Tra le altre conseguenze, le inondazioni diffuse e le ondate di caldo estremo rappresentano una nuova normalità a cui i paesi di questa regione devono adattarsi in via prioritaria.

Le temperature record della superficie del mare in tutta Europa hanno anche invertito una preoccupante tendenza al riscaldamento nelle profondità terrestri, con una preoccupante ondata di caldo marino nell’Atlantico, a ovest dell’Irlanda e in tutto il Regno Unito.

Un lavoratore in Medio Oriente in una caldissima giornata estiva Foto.IPS News

Organizzazione internazionale del lavoro, dati allarmanti

Secondo un rapporto dell'Organizzazione internazionale del lavoro, pubblicato lunedì e citato dall'ILO, il 71% dei lavoratori del mondo è esposto a gravi rischi per la salute legati al cambiamento climatico, in particolare al caldo eccessivo. un'agenzia spagnolo Evie.

Questo fenomeno provoca 22,8 milioni di infortuni sul lavoro, costando ogni anno 19.000 persone e più di due milioni di anni di vita, calcolati in base alla disabilità di cui soffrono.

READ  La formula presidenziale di sinistra ottiene credenziali in Guatemala

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, oggi ci sono almeno 5,4 punti in più di lavoratori la cui sicurezza e salute sono minacciate dai cambiamenti climatici rispetto al 2000.

I più colpiti sono i lavoratori agricoli, che svolgono mansioni legate alla gestione delle risorse naturali, all’edilizia, alla raccolta dei rifiuti, ai trasporti, al turismo e allo sport, ovvero coloro che trascorrono gran parte della giornata all’aperto.