Aprile 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Maduro viola la costituzione e si fa beffe delle Barbados – DW – 26/03/2024

Maduro viola la costituzione e si fa beffe delle Barbados – DW – 26/03/2024

Nicolas Maduro, presidente del Venezuela e candidato registrato del partito al governo, e sua moglie Celia FloresFoto: Mathias Delacroix/AP Photo/Photo Alliance

La libertà dei partiti di nominare i propri candidati è un principio fondamentale per garantire la reale rappresentanza degli interessi dei cittadini e l’espressione della diversità di opinioni nei processi elettorali.

Il 10 marzo, il Consiglio Elettorale Nazionale (CNE) ha confermato sul suo sito lo svolgimento delle elezioni Candidato dell'opposizione Democratico, eletto quasi all’unanimità alle primarie, Maria Corina Machado “Costituisce divieto di esercizio di un pubblico ufficio o funzione.” Vista la conferma di questa arbitrarietà, Machado e le forze politiche del programma unitario, con l'obiettivo di restare all'interno del processo elettorale, hanno deciso all'unanimità di eleggere il professore universitario Corinna Uris Come nuovo candidato presidenziale per le forze di opposizione democratica. Tuttavia, il regime di Maduro ha nuovamente impedito arbitrariamente alle organizzazioni di opposizione democratica di scegliere liberamente il proprio candidato presidenziale unificato.

Un nuovo meccanismo per limitare le garanzie e le libertà elettorali

Elvis Amoroso, che fino a pochi mesi fa ricopriva la carica di Controllore Generale della Repubblica e che fu responsabile della destituzione incostituzionale di María Corina Machado, è oggi Presidente del Consiglio Elettorale Nazionale (CNE), creato nel L'opposizione nomina i suoi legittimi candidati.

In chiara violazione della Costituzione nazionale e dell’Accordo delle Barbados, Amoroso ha imposto all’interno del calendario elettorale delle prossime elezioni presidenziali un complesso meccanismo di nomina per consentire al regime di Nicolas Maduro di ostacolare la candidatura del candidato democratico dell’opposizione, questa volta senza la necessità di fare alcuna offerta. Una sorta di argomento legale, né alcun tipo di spiegazione.

Ramon Cardozo, editorialista DWFoto: privata

Amoruso ha creato un doppio filtro per impedire la candidatura dell'opposizione. La prima consisteva nel rimuovere (17/03/24) dalla lista elettorale più di cinque partiti politici associati all'opposizione democratica, e limitare la possibilità a sole due organizzazioni politiche dell'opposizione democratica: MUD e un Nuevo Tiempo (UNT). per nominare un candidato. La seconda prevede che i candidati, come condizione fondamentale per presentare la propria candidatura, accedano al portale elettronico delle liste elettorali e compilino il modulo di iscrizione utilizzando le tessere di partito messe a disposizione dal Consiglio elettorale nazionale. È stato poi necessario recarsi personalmente presso la sede del CNE per presentare i documenti per la candidatura.

READ  Fasi e costi per richiedere e rinnovare un permesso di lavoro negli Stati Uniti

Lunedì 25, ultimo giorno per presentare domanda, dieci candidati, tra cui Maduro, hanno potuto registrarsi senza problemi presso il Consiglio elettorale nazionale. Tuttavia, il MUD e un Nuevo Tiempo non hanno avuto accesso al sistema di ordinativi del CNE. Hanno anche provato a farlo di persona presso il Centro elettorale nazionale, ma gli è stato negato l’accesso alla sede. Ciò ha spinto la “Piattaforma Unionista Democratica” a rilasciare una dichiarazione in cui il mondo condanna questa arbitrarietà e chiede una proroga. Questa richiesta non è stata ascoltata.

A pochi minuti dalla mezzanotte, data di chiusura del processo di candidatura, il governatore di Zulia e il capo del partito Un Nuevo Tiempo (UNT) hanno dichiarato in modo sorprendente: Manuel RosalesAccompagnato da alcuni esponenti del suo partito, presentò la domanda alla sede del Consiglio Elettorale Nazionale, e si iscrisse come candidato all'Unione Nazionale dei Lavoratori e al partito di Forza Vicenale.

María Corina Machado mantiene il suo sostegno a Lloris e non appoggia la candidatura di Rosales. Martedì 26 di questo mese, Maria Corina Machado ha tenuto una conferenza stampa per esprimere la sua posizione sugli eventi avvenuti durante il processo di candidatura.

Durante il suo intervento, Machado ha denunciato il fatto che il regime ha impedito alla piattaforma unitaria di registrare la professoressa Corina Llores. Ha sottolineato che molte persone si sentono ridicolizzate e ha sottolineato l'importanza di non sottovalutare questo fatto, ma piuttosto di prenderlo come una lezione. “Il tradimento ci insegna”, ha detto. Secondo lui il Paese ha il diritto di sapere cosa è successo in questi giorni, soprattutto nelle ultime 24 ore.

READ  I popoli indigeni in Costa Rica chiedono l'impegno del Pubblico Ministero

Allo stesso modo, ha osservato Machado, “ciò che avvertivamo da mesi è finalmente accaduto: il regime ha scelto i suoi candidati”. Ha detto che se Maduro sceglie i candidati dell’opposizione, non può essere considerata un’elezione.

Per il leader di Fente Venezuela, “il regime ha mostrato il suo vero volto con i suoi partner”. Egli ha affermato che la vera opposizione è più unita che mai e si è chiesto se la comunità internazionale approverà quanto accaduto.

Machado ha ribadito che la sua candidata è ancora la professoressa Llores e che continuerà a lottare per libere elezioni in Venezuela: “Nessuno ci farà deragliare dal processo elettorale, sono loro che cercano di deragliarci e non ci riusciranno”.

Il dilemma della piattaforma unitaria

Questi ultimi avvenimenti pongono gli altri partiti della piattaforma unionista di fronte ad un dilemma decisivo: continuare ad appoggiare Corina Llores e lottare per elezioni vere, come sostiene María Corina Machado, o approfittare della candidatura registrata di Manuel Rosales e cercare di raggiungere il giorno delle elezioni ad ogni costo?

Le deliberazioni interne tra le parti saranno complesse. Si dibatterà, ad esempio, fino a che punto restare sul percorso elettorale significhi accettare tutte le trappole e le arbitrarietà del regime di Maduro, e se ciò, in ultima analisi, metta a repentaglio non solo la possibilità di vincere, ma anche il rischio di legittimare il regime. regime. Allo stesso modo, verrà esplorato fino a che punto l’unità possa ancora essere mantenuta.

(giovanotto)