Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

MoonSwatch: Perché l’alleanza tra Swatch e Omega sta rivoluzionando l’industria dell’orologeria (e causando code nei suoi negozi) | icona

Il mondo dell’orologeria è dedito a grandi passioni. Ci sono collezionisti che perquisiscono negozi e antiquari alla ricerca di modelli dimenticati, appassionati che immagazzinano interi archivi di certi marchi, edizioni limitate ed esclusive che si esauriscono in pochi minuti, novità a prezzi stracciati che esauriscono tutte le loro copie prima di essere ufficialmente messe in vendita. Tuttavia, il fenomeno creato da Moonswatch, il gruppo lanciato quest’anno in collaborazione tra Swatch e Omega, ha prodotto immagini mai viste prima. Dal Giappone alla Francia all’Australia, si sono formate file infinite fuori dai negozi Swatch mentre sono in vendita. Alcuni addirittura hanno passato la notte all’aperto per non perdere il turno, come documentato dai social e dai media. A prima vista, il trambusto dell’orologio. Ma, un po’ più a fondo, quello che emerge è un fenomeno senza precedenti: un’alleanza tra due orologiai complementari che rispecchia il momento in cui viviamo come pochi altri. E un nuovo modo di intendere la relazione tra l’orologeria di lusso e di rivolgersi a un pubblico più ampio.

Non è un fenomeno isolato, ma è relativamente recente. Tradizionalmente, il settore del lusso ha giocato un ruolo in un’unione a sé stante, il campo dell’artigianato squisito, dei materiali nobili, delle tecnologie all’avanguardia e dell’assemblaggio. C’erano alcune collaborazioni e quelle che apparivano appartenevano allo stesso universo. Tuttavia, qualcosa sta cambiando. cooperazione tra gucci e adidas, Balenciaga e Crocs o Raf Simons ed Eastpak hanno creato un nuovo modo di fare le cose per arricchirsi con altre proposte, aprirsi a nuovi mercati, modernizzarsi o anche solo sperimentare. In questo amalgama di possibilità e speculazione, è necessario sottolineare la rivoluzione operata dal nuovo Bioceramic MoonSwatch, una boccata d’aria fresca da questi due marchi leader nei rispettivi campi. Ognuno porta il meglio della sua storia e personalità e il risultato è una vera febbre.

READ  Juan Luis Guerra risulta positivo al covid-19 e il concerto di Miami è stato posticipato

Dall’altra Swatch, l’azienda che salvò dal collasso l’industria orologiera svizzera all’inizio degli anni Ottanta grazie ai suoi pezzi sorprendenti e audaci che sfruttavano i vantaggi e le possibilità della plastica uniti all’energia impressa dalle batterie al quarzo. Gli orologi convenienti per qualsiasi tasca offrono un ulteriore vantaggio di esclusività attraverso collaborazioni ed edizioni da collezione con una gamma infinita di artisti e designer, come si è visto l’anno scorso nell’installazione assicurata del marchio. Mostra dedicata a Matador al Madrid Design Festival. L’elenco dei collaboratori comprende i nomi del rotore originale: Keith Haring, Alfred Hofkonst, Christian Lacroix, Hackett, Aristocraze, Damien Hirst, Alessandro Mendini, Vivienne Westwood, Xanaca, Mica, Marcus Linenbrink, Pedro Almodovar, Boa Mistura, Kiki Picasso, Jeremy e i musei, Yoko come Thyssen-Bornemisa, Rijksmuseum, Museo d’Arte Moderna, Pompidou o Louvre. Inoltre, hanno recentemente aderito alla loro rivoluzione sostenibile introducendo nuovi materiali più ecologici e riciclati.

L’altro ospite di questo sontuoso banchetto è Omega, una fabbrica che risale al 1848, quando Louis Brandt, 25 anni, aprì un laboratorio a La Chaux-de-Fonds, un paradiso tra valli e montagne. Svizzera. Il suo primo momento clou è stato il suo cronometro da combattimento per le unità ufficiali della RAF o l’avvento del Seamaster (il primo orologio resistente all’acqua). Nel 1957 realizzarono uno Speedmaster che raggiunse la gloria anni dopo salendo sulla luna a bordo dell’Apollo 11 nel 1969: da allora è stato conosciuto come Moonwatch. Perché lui e non altri? La NASA ha sottoposto alcuni orologi di diverse aziende a rigorosi test di resistenza, ma solo l’Omega Speedmaster ha superato i test a pieni voti, quindi nel 1965 l’agenzia spaziale lo ha considerato “l’orologio ufficiale di tutte le missioni con equipaggio”.

READ  Il presentatore britannico Johnny Irwin annuncia di avere un cancro
Tre varianti di colore: orologi MoonSwatch in bioceramica Luna, Sole e Terra.campione

Queste sono le due eredità che si uniscono nel nuovo Bioceramic MoonSwatch. Preveggente e provocatorio sono due buoni nomi per descrivere questa versione innovativa del famoso Speedmaster Moonwatch che ha ricevuto un cenno da Gregory Kissling, Omega Design Director. Un intimo legame ha portato a un gruppo di undici copie che condividono il loro nome con i nomi di alcuni pianeti e sono plasmate ogni ora da alcuni dei segni distintivi di quei meravigliosi e lontani esseri celesti. Andiamo ad esso: Urano (colore azzurro pallido); Plutone (grigio e bordeaux); Venere (rosa pallido, forse più femminile); terra (verde e blu); Marte (bianco e rosso scuro); Saturno (beige); Nettuno (blu ghiaccio intenso); sole (giallo); Moon (nero, molto simile all’originale Moonwatch); mercurio (nero e grigio antracite); e Giove (gamma ocra).

Tutti i modelli sono cronografi, hanno tre contatori asimmetrici, una scala tachimetrica con un punto superiore a 90 (caratteristiche Speedmaster Moonwatch) e sono realizzati in Bioceramica, materiale brevettato da Swatch composto per due terzi da ceramica e per un terzo derivato dall’olio d’oliva Un dettaglio: nella parte superiore della batteria puoi vedere la rappresentazione della sua stella corrispondente. La cassa ha un diametro di 42 mm, con protezione della corona e pulsanti, e tradizionali anse Omega a forma di arpa. Tutti gli orologi sono impermeabili fino a 30 metri e hanno un cinturino in velcro che conferisce loro uno stile nautico. Costa 260 euro, inoltre, non è solo una limited edition, ma un progetto in itinere, che non solo capovolge i pregiudizi del settore, ma aspira ad aprire nuovi orizzonti. Proprio come gli astronauti che, con un omega sull’avambraccio, non hanno avuto problemi ad andare nello spazio per espandere il nostro mondo.

Puoi seguire ICON su FacebookE il TwitterE il Instagramoppure iscriviti qui a le notizie.