Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non augureresti che il tuo peggior nemico vivesse come Schumacher per dieci anni.”

“Non augureresti che il tuo peggior nemico vivesse come Schumacher per dieci anni.”

29 dicembre 2013. Stazione Meribel nelle Alpi francesi. Sono passati quasi dieci anni da quel fatidico incidente che cambiò la vita della famiglia Schumacher. Il mondo dello sport si è rivolto a Michael Dopo essere caduto con la testa, è rimasto gravemente ferito. Dopo di ciò non si seppe molto. È rimasto in coma per sei mesi, uscendone nel giugno 2014, e un decennio dopo, le informazioni continuano a raggiungerlo in modo intermittente. Anche se il documentario Netflix a cui ha partecipato la sua famiglia indicava che la situazione non era buona. A rivelarlo è stata la moglie Corinna Michael “Qui, diverso, ma qui.” A loro interessa solo mantenere intatta la volontà del tedesco, ovvero “mantenere segreta la sua salute”.

A parte la sua famiglia, ci sono pochissimi fortunati lì dentro Quel segreto che si sono formati attorno al personaggio di Michael Schumacher. Non è che stiano rivelando qualcosa che prima non si sapeva. Devono essere persone molto vicine all'ambiente del pilota tedesco, ma sono molti quelli che osano ricordare la sua personalità nel motorsport, e tra questi c'è l'ultimo che ha parlato del sette volte campione di Formula 1, Kan. Stefano Domenicali, Direttore esecutivo di Grande circo. A pochi giorni dall'altro anniversario dell'incidente, l'italiano conferma che “sembra fosse ieri” quando è successo tutto. “Sono episodi che cambiano la vita delle persone. La situazione è molto complessa a livello umanitario”. Lo spiega in un talk in opinione.

Come al solito non entra nei dettagli della sua condizione, ma ricorda la fragilità e la gravità di tutta questa situazione, che ancora colpisce il mondo: “Per rispetto verso lui e la sua famiglia, dobbiamo stargli vicino. ” Mentre questa situazione difficile continua, ciò che c’è tra me e la mia famiglia rimane privato. Ma vivere così per dieci anni è qualcosa che non augureresti mai nemmeno ai tuoi peggiori nemici. Ma proprio per il suo desiderio di preservare i momenti migliori di uno dei più grandi piloti che la Formula 1 abbia mai visto, Domenicali lo ricorda come un atleta affamato. Soprattutto nella stagione 1999, quando un incidente gli impedì di conquistare il suo primo mondiale con la Ferrari: “La squadra non ha mai accusato la squadra di alcun problema, e ha avuto l'opportunità di farlo. A Silverstone 1999, ha avuto un incidente e si è rotto entrambe le parti.” Il problema era che il bullone del freno non era stretto abbastanza. Ma non hai mai sentito nulla di negativo e non ha mai detto che la squadra abbia commesso un errore. Alla fine, scoprirai che tutti stanno lottando più duramente per te in questa situazione.

READ  F1 | Alonso passa nel videogioco

“Michael non è mai stato felice”, ha assicurato Nico Rosberg Podcast Perché “Ho sempre voluto vincere”. Questo ricorda la stella mondiale che ha già vinto tre campionati consecutivi: “Il nostro sport è sempre stato caratterizzato dalla dualità, dalla combinazione tra una macchina molto forte e un pilota eccezionale. Con Max Verstappen abbiamo un pilota maturo nella gestione della gara e nella classifica. In questo senso mi ricorda Michael, non lascia niente a nessuno. Nessuno però potrà sostituire il tanto mancato Schumacher, nemmeno chi condivide il cognome con i grandi. Kaiser.

Segui il Canale Diario AS su WhatsAppDove troverai tutte le chiavi sportive per oggi.