Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Onorare Elena Burke dopo 20 anni in cui è mancata la sua voce – musica, libri – cultura

Cara Elena:

Vedi, ti penso ancora. E ascoltandoti con rinnovato entusiasmo. hSono passati 20 anni da quando te ne sei andato e ti sto cercando nel mezzo di una notte all’Avana. Oggi ho passato Calle Monasterio, in contrada Cerro, dove sono nato nel febbraio del 1928; E prima del primo rum, ho camminato vicino a Calle Reina 314, dove un tempo sorgeva la stazione di Mill Dies. Ti ho immaginato lì, a cantare con Adolfo Guzman o Orlando de la Rosa, il 1 ottobre 1943, giorno del tuo meraviglioso debutto alla radio cubana.

Ho camminato più a lungo lungo questa stessa strada, che inizia nel bellissimo Palacio de Aldama e va da Amistad a Belascoaín; E ho alzato lo sguardo al tramonto sul lungomare, lungo il Paseo Marte fino al Parque de los Enamorados. Questa L’Avana è per te, mi sono sentita mia.

Tanta era la tua ammirazione per Bertad Lamarck, che ti vestivi come lei da bambina, e cantavi Madriselva e Caminito per la gioia di tua nonna Rosario e di zia Graziela, che incoraggiavano a scrivere per la prima volta. E hai riso della tua infanzia finché potevi, perché molto presto, all’età di 13 anni, hai dovuto abbandonare gli studi e cercare un sostentamento per la tua famiglia. Il canto è stata la porta che si è aperta per te.

in tempo di guerra

Per la prima volta hai fatto esperienza nelle competizioni amatoriali e prima dei 15 anni hai firmato il tuo primo contratto. Tutta Cuba ti ha ascoltato: ti bacerò con passione, con una febbre pazza dalla tua bocca / Non conterò i baci, perché nei baci non c’è numero. Questo bolero, disegnato da Juan Bruno Tarraza, che all’epoca era considerato troppo audace e bandito dal Team XEW Mexico, era uno dei miei preferiti. Era tempo di guerra, ma di sicuro una canzone romantica brucia in te.

E hai imparato da Isolina Carrillo e Rita Montaner, mentre De la Rosa ti ha insegnato a fare il secondo e il terzo suono, come se aspettassi la tua prima gloria, che è la voce di Cuarteto D’Aida. Ah, come deve essere stato ascoltarli dal vivo… La tua voce profonda e commovente supporta le voci di Murimaa Cicada, Amara Burundo e sua sorella Heidi. loro, sei il benvenuto.

A metà degli anni Quaranta recitavano le voci di Olga Gelo, Celia Cruz, Olga Rivero, Esther Borja e Tomaceta Nunez. Faceva a turno con Celia in Mel Diez, erano amici. Hanno vissuto insieme il miglior spettacolo a Cuba; Anne Rodney, Velma Valley e Las Mulatas de Fuego. Come dimenticare la generosità dello spettacolo Tropicana di Karapalli? di Josephine Baker al Teatro Encanto; Asma Tongoleli o Nat King Cole che brillano nelle tende dell’Avana; A Beni, Arsenio o Paula de Nevi la stessa notte. C’erano così tante cose buone tra cui scegliere. La festa era infinita.

miglior cantante di bolero

Confesso che non mi è mai piaciuta la riscrittura di Señora Sentimiento, che un giornalista ti ha messo addosso, così come non mi piace una delle spose di SensazioneE il che ancora attribuiscono ad Amara. Cogliere il sentimento è interromperlo, toglie il respiro, è inutile quanto volerlo cronometrare. Il che è anche ingiusto, perché lontano dal tuo regno incontrastato, (“Elena Burke per me (…) è la migliore cantante di bolero che abbiamo a Cuba, ha ammesso la stessa Amara, hai cantato quello che ti è venuto in mente vincendo e sei stato un pioniere in molte aree.” L’altra è una canzone cubana.

READ  Madonna festeggia il suo 63° compleanno criticando il suo uso eccessivo di Photoshop

Negli anni Quaranta, per esempio, quando ero molto giovane, tu già ti esibivi con le bande di ottoni; Dal 1960 in poi, il tuo rapporto con questo tipo di orchestra si è stretto, prima con Aragon ed Enrique Gorn; Poi con Revé, Los Van Van e Richard Egües, solo per citarne alcuni. Quindi non venire da me con la canzone “Señora Sentimiento”, che è come disprezzo per la gioia del tuo canto Sembra che il suono; O la tua versione abbagliata di Tropical Breeze, che apprezzo molto quando l’umore vacilla. In effetti, l’orchestra di Eddie Gaitan si fonde magnificamente con la tua voce che canta perfettamente: Notte calda e sensuale / Notte tropicale / Per cubani …

Dicono che non eri il cantante cubano più famoso al mondo, ma la fama non ti ha tenuto sveglio tutta la notte. Ho preferito cantare liberamente per seguire il tuo istinto. È stato un regalo camaleontico che ti ha tenuto informato, al di là dei capricci della grande industria musicale. Ha cantato con impressionante sincerità, superando anche il declino del bolero nei primi anni ’70; E il danno arrecato dall’embargo statunitense e dalla dittatura castrista alla circolazione dei suoi archivi.

(Potrebbe interessarti: “Vedere le foto del San Jose Galleon è stato come arrivare sulla luna.”)

Tuttavia, quante gemme hai lasciato! Ho contato non meno di trenta registrazioni e sono le mie preferite Con il calore della tua voce, canta La Burke, È con te, dei due (duetto con Fernando Alvarez), Elena Burke canta Marta Valdes. E bei ricordi. È una lista a scacchi, lo so, perché alla fine tutti apprezzano Elena. Ho, perché continui a fingere, quando spendi, quello che ti sei perso, ep marea, mille dolori, fa male, importa, un pianto, non pensare così, amami come sono, C’erano così tante canzoni che la tua voce è stata all’altezza… quello che hai fatto con Mimi Solis, Enriqueta Almanza, Ella O’Farrell, Fruelan Amazaga, Rafael Somavilla, Marta Valdes e Vicente Garrido, è assolutamente incredibile.“La voce di Elena Burke ha il potere di accendere ciò che tocca. È quella che in America viene chiamata a cantante di fiaccoleIl cantante è in grado di trasformare le canzoni in torce elettriche. Eileen Burke Ehi Sensazione”, ho letto nella presentazione di uno dei tuoi album dello scrittore messicano Carlos Monceves.

Con Frank Dominguez

E parlando di filin, poiché mi piace parlare in spagnolo del verbo anglosassone, oserei dire che il meglio del tuo canto non è nella registrazione, ma nel ricordo di chi frequenta Pico Blanco, Scherezada o Gato Negro, la moda club del Vedado; A sentirti cantare all’alba, dolcissimo bellero. Ti darò un rum, Elena, solo per portarti dove sei, in penombra, accompagnata il pianoforte Frank Dominguez o Mimi Solis; O dalla chitarra infinita di Frolián Amézaga, entra in quell’estasi da cui nessuno torna ad essere se stesso.

READ  Clan di Santa Fe: quando viveva nella sua auto dopo che la sua casa ha preso fuoco | Messico | MX | celebrità nnda nnlt | Fama

Ora comprendo le parole dello scrittore Ramon Fernandez Laria, il quale ha ammesso che il solo trovarsi nel cuore di una notte all’Avana scuoteva le tazze sul suo tavolo; E il fetore della polvere da sparo e della miseria che aveva portato dalla guerra cominciò a cadere sulla tovaglia come sciocca cenere. Mi hai salvato, come lui, cantando i dolori del mondo, e quando sei devoto 22 anni Alla morte dell’amato, o alla morte dell’amato, come preferisci chiamarlo. Oggi lo capisco, aggiunge il grande Ramon “L’elefante era un bel modo per protestare contro la cattiva vita, il tradimento e l’ombra”. mandagli i miei saluti. Rallegrati perché la notte detta sempre la propria colonna sonora.

Sono passati gli anni e hai trionfato e cantato in tutto il mondo, anche i giapponesi ti adorano. Se ti piace una canzone, corri a registrarla, non importa se è una canzone sconosciuta. E ragazzo, avevi un buon naso perché, nel tempo, molti di questi ragazzi sono diventati leggende: Juan Formel, Pablo Milanes e Silvio Rodriguez, solo per citarne alcuni. Registra avatar aziendali come Per vivere o darti una canzone Fu un mezzo per illuminare la nascita della Nueva Trova; così come l’interpretazione Lasciami in pace la noia, non sono un tuo amico e un cimitero nuzialetraducendo i sentimenti di migliaia di donne, anche se non nella chiave di un bolero, ma in una canzone moderna, un genere di cui si parla raramente a Cuba.

(Non smettere di leggere: “La cosa più importante che è successa alla musica di Vallenato è avvenuta a Bogotá”)

Cammino ancora al bar Cantares di Miramar, dove si esibisce Ivette Cepeda, cantante straordinaria e amica amata, e lì, al termine della sua cara festa, le chiedo di te: “Sentirla cantare è come aspettare qualche minuto prima di lasciare il posto a un’altra voce. Il suo stile evoca sempre in me amore e ammirazione. Unico. Sono anche stupito dalla sua capacità di costruire una squadra, come ha dimostrato durante il suo tempo con D’ Quartetto Aida, per non parlare della sua esibizione da solista. Quelli di noi che vengono dopo hanno un pezzettino di Elena, che, se non si vede nel suono, è ancora portato dentro. Io stesso volevo giocare con le sue risorse, la sua forma quando canta una canzone. Hai portato qualcosa dal mio cuore al tuo cuore. Perché Elena non si ripete».

Non è tutto perduto

Quelli di noi che vengono dopo hanno un pezzettino di Elena, che, se non si vede nel suono, è ancora portato dentro. Elena non ripete

La notte si consuma lentamente, come il tabacco che ho acceso per accompagnarmi, e che fa toccare al fuoco la brezza marina. La verità è che, mia cara Elena, del fascicolo non è rimasto molto. Dicendoti che una notte, in Gatto Torto, c’era un paroliere che faceva di tutto, da o solo io Anche meringa, meringa! Sì, meringa in uno dei tuoi sacri templi. A St. John fu annunciata una banda di ottoni; Scherezada era stato abbandonato e non volevo nemmeno cercare Karachi. I musicisti dell’Hotel Nacional si guardano, sorpresi quando chiedo loro una canzone del festival.

READ  Anna Toruga, triste dopo la morte di un membro della sua famiglia musicale | amore 40

Ma non tutto è perduto. Siamo partiti consegnando Ivette Cepeda, la meravigliosa chitarra di Lino Lores, la vivacità di Argelia Fragoso, Gema Corredera e Haydée Milanés. Sarai felice di sapere che il bolero è stato dichiarato patrimonio culturale a Cuba e in Messico; che il Festival Boleros de Oro celebrerà quest’anno il centenario di Portillo de la Luz; che Zenovio Hernández Pavón ti ha dedicato un CV molto moderno e completo; E che tua figlia Malina ha registrato la canzone Dear Elena composta da Marta Valdes il giorno del tuo compleanno nel 2013.

Una preghiera per Elena

La stessa Marta, che ti desidera incessantemente, mi manda queste righe: “La canzone è una preghiera dedicata ad Elena. Mentre la componevo, ho sentito il bisogno di metterla al mio fianco tanto quanto l’ho sentita quando ho finito le canzoni del 1957 , e fu allora che ci incontrammo e iniziammo la nostra amicizia. Amavo le mie canzoni, e una cosa è rimasta che mentre componevo, non vedevo l’ora che finissero le ore sacre, arrivassi alla fine della canzone, la chiamassi e trovassi un modo per incontrarla per portarla via. In quel momento, ho ascoltato, guardando nelle profondità della canzone. Si sentiva una grande attenzione rivolta a ciò che veniva trasmesso dalla propria anima, come se fosse stato trasmesso a qualcun altro! Elena era come un rifugio, mi ha sempre difeso. Ha inserito le mie canzoni nei suoi spettacoli e almeno le ha applicate in ogni album che ha registrato. Ho sempre sentito questo supporto, e in quel momento mi ha ispirato a renderle omaggio, ma ho anche voluto sottolineare tutto ciò che era il fulcro del nostro grande rapporto, come persone, come amici, come sorelle, come artista e autrice . Per questo dico che è una preghiera, perché è una canzone in cui le dico tutto ciò che sento e le chiedo di non lasciarmi, di non partire mai. Non mi lascerà mai, è sempre con me, dentro di me, ovunque la guardi, dove voglio, ho delle foto di lei e tutto perché mi ha accompagnato per tutta la vita come parte della mia personalità.

La via del ritorno al vialetto. Il cielo comincia a schiarirsi e penso a quell’età d’oro della radio cubana, quando Sindo Garay e i suoi figli presentarono un programma chiamato cantando di notte. È difficile immaginare qualcosa di più bello. Qui, dove mi trovo, il suono del mare si mescola a una musica lontana. Le onde si infrangono e ti vedo, ancora, nella sala panoramica del Tropicana, che dici con voce sorniona prima di cantare del delizioso guaracha: “Non ballo la bambola da un mese…”. Ti muovi e io sorrido; E ti do un ultimo rum, Elena, mentre sorge il sole.

Juan Martin Fierro
per il momento