Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Otto paesi presentano una bozza di risoluzione sul Nicaragua all’Organizzazione degli Stati americani

Primo emendamento:

Otto paesi dell’Organizzazione degli Stati americani (OAS) hanno promosso una bozza di risoluzione “sulla situazione in Nicaragua” da discutere durante l’Assemblea generale virtuale iniziata mercoledì, sullo sfondo della pandemia e del riscaldamento globale.

Il Canada ha presentato la bozza di risoluzione per suo conto e per conto di Stati Uniti, Canada, Cile, Costa Rica, Ecuador, Repubblica Dominicana, Uruguay e Antigua e Barbuda per richiedere al Consiglio Permanente di condurre una “valutazione collettiva immediata (… ) da completare entro il 30 novembre e azioni appropriate”.

“Beffa”, “frode pubblicizzata” e “pantomima” sono state alcune delle espressioni della comunità internazionale per descrivere le elezioni in cui Ortega ha vinto un nuovo mandato come presidente.

Con i leader dell’opposizione in prigione o in esilio e senza veri concorrenti, il regime nicaraguense è ora sottoposto a un maggiore isolamento internazionale. Un tema all’ordine del giorno dell’Organizzazione degli Stati americani Il suo segretario generale, Luis Almagro, ha definito “illegali” le elezioni in Nicaragua e ha invitato ad agire per contrastare la “chiara violazione della carta democratica”.

Ma la pressione dell’OAS potrebbe costringere il regime di Ortega ad aprirsi adesso?

“È molto moderno [para contemplar] L’apertura del sistema Ortega, ma credo che gli Stati membri dell’Organizzazione degli Stati americani abbiano un insieme di strumenti politici, come la Carta democratica interamericana”, Antonia Origola, presidente della Commissione interamericana sui diritti umani e relatore per il Nicaragua. È un dibattito che gli organi politici devono dare, in particolare per avviare questa apertura. Non so se accadrà in questi giorni, ma non avverrà senza la pressione della comunità internazionale. E abbiamo visto così nella storia di questa regione, in quelli che erano conosciuti come i conflitti armati, le dittature del Cono Sud. Infine, l’attuazione dei processi democratici sono da parte dei popoli stessi all’interno dei paesi. Ma quando ci troviamo di fronte a regimi autoritari , come le dittature del Cono Sud, come quella di Ortega, senza la comunità internazionale non ci sono processi democratici. La comunità internazionale ha dimostrato, ancora una volta, l’importanza di stare al passo con questi processi e la pressione internazionale”.

READ  La stagione degli uragani sta finendo in Messico, la quinta regione più attiva negli ultimi 50 anni

Da giugno, il Segretario generale dell’Organizzazione degli Stati americani è favorevole all’attivazione dei meccanismi per l’applicazione dell’articolo 21 della Carta democratica interamericana al Nicaragua. Sta valutando la possibilità di sospendere l’appartenenza a uno Stato membro se viola il sistema democratico e la diplomazia non risolve il problema. Tuttavia, in questo caso, il paese dovrebbe continuare a rispettare i suoi obblighi in materia di diritti umani. Qual è l’effetto di questa app su Daniel Ortega?

“Non lo so, ma questo lo isolerebbe ulteriormente dalla comunità regionale, ma non saprei dirgli che valutazione stava facendo, ad esempio, della sospensione dell’OAS, perché prima c’è una procedura per la sospensione dell’OAS e poi l’espulsione”, dice. Urrejola. “Ma penso che sia sempre importante che i paesi non siano isolati a livello regionale”.


Il testo presentato dal Canada passa alla commissione plenaria che lo discute e sarà votato giovedì o venerdì. Per l’adozione è necessaria la maggioranza semplice dei voti degli Stati membri, ovvero 18 su 35.

Questa bozza di risoluzione non fa esplicito riferimento all’attivazione dell’articolo 21 della Carta democratica degli Stati americani, secondo cui l’appartenenza di qualsiasi Paese può essere sospesa se viola l’ordine democratico e la diplomazia non produce risultati.

Ma può portare alla loro attivazione sulla base delle conclusioni della “valutazione collettiva”.

Gli otto paesi hanno dichiarato nel testo che le elezioni “non sono state libere, eque e trasparenti e non hanno goduto di legittimità democratica”.

Hanno rinnovato la loro richiesta di “rilascio di tutti i candidati politici e prigionieri” e di fermare “l’arresto e le vessazioni dei media indipendenti e dei membri della società civile”.

READ  Lula con il desiderio di essere presidente del Brasile


Managua si difende

L’ambasciatore del Nicaragua presso l’Organizzazione degli Stati americani, Arturo Macfields Iscas, ha risposto alle critiche: “Hanno votato liberamente, senza pressioni, lontano dai ricatti, dalle interferenze e dalle sanzioni”.

Il diplomatico ha invitato l’Organizzazione degli Stati americani a guardare al futuro e non al “passato con posizioni neocoloniali e invadenti”.

Ci sono poche eccezioni all’interno della comunità internazionale che sostengono il Nicaragua. Spiccano Russia, Cuba, Bolivia e Venezuela.

con AFP