Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Panama giocherà El Salvador senza pubblico a causa della sospensione

Panama dovrà affrontare a porte chiuse la sua prossima partita di qualificazione ai Mondiali, dopo che la FIFA ha imposto una penalità per le espressioni omofobe cantate dai tifosi durante le partite di settembre.

La Federcalcio panamense ha dichiarato in un comunicato che alla data in cui l’organizzazione mondiale l’ha informata del rigore che impedirà ai tifosi di accedere alla partita del 16 novembre contro El Salvador. La sanzione prevede anche il pagamento di 50mila franchi svizzeri (circa 54mila dollari).

Insulti gay sono stati ascoltati durante la partita del 2 settembre, quando Panama ha accolto il Costa Rica e, sei giorni dopo, in una partita contro il Messico.

A metà di quest’anno, per lo stesso motivo, la FIFA ha penalizzato il Messico, che ha dovuto giocare la sua prima partita nella partita, il 2 settembre, senza tifosi, contro la Giamaica.

La federazione panamense ha spiegato che la FIFA le ha notificato di aprire un procedimento disciplinare poco più di un mese fa, quando sono stati presentati i cori. Nonostante gli argomenti che cercavano di evitare la punizione, alla fine è stata imposta.

Nonostante Panama abbia intenzione di appellarsi alla sanzione, sta già valutando una misura per restituire i fondi ai tifosi che hanno acquistato i biglietti per la partita che si giocherà a porte chiuse.

“Una volta sottoposto il ricorso alla decisione della Commissione Disciplinare FIFA, in caso di risposta sfavorevole da parte della federazione, verrà notificata la procedura di restituzione dei biglietti per la partita Panama-El Salvador”, ha affermato.

La federazione ha sottolineato che “condanna ogni tipo di discriminazione, sia nel calcio che in qualsiasi altro campo”.

READ  Il 26 novembre ci sarà il sorteggio per le qualificazioni europee per la Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar | calcio | Gli sport

Ha anche esortato i suoi seguaci a pensare “al tipo di situazione che danneggia non solo la nazionale ma anche tutte le vittime di discriminazione”.