Agosto 15, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pedro Castillo e quattro mesi senza spiegazioni né spazio per le domande | Analisi | Esecutivo | La casa di Brenna | Congresso | Trasparenza | Carlem Lopez | Ministri | Dati CE | Politica

di serie

saperne di più

Dopo 128 giorni da capo di Stato, Pedro Castillo Ha accumulato 15 ore e 52 minuti parlando in pubblico. Da questo momento, sono stati presi un totale di 48 minuti in presenza dei giornalisti per un breve periodo. Se consideriamo gli ultimi due mesi, le interazioni rapide con i giornalisti sono state di soli 18 minuti. Questo, nonostante i molteplici scandali scoppiati nelle vicinanze del palazzo, compresi incontri tra il presidente, funzionari e uomini d’affari nell’edificio originariamente conosciuto come il quartiere Brianna.

Leggi anche | Dodici giornalisti provenienti da vari media scambiano domande che potrebbero porre al presidente Castillo | video

“Non ci mostreranno trasparenza, onestà e onestà. Ce l’abbiamo fatta dalla nostra culla”.Venerdì scorso il Presidente della Repubblica ha applaudito la popolazione di Pacasmayo dopo aver visitato la cittadina di Trujillo per l’inaugurazione di una stazione di ossigeno. Per la questione che ultimamente ha oscurato la sua amministrazione – quella degli incontri nel Corridoio Saratia, che si è limitato a definire “personali” – ci sono altre sei dure ricadute politiche negli ultimi due mesi.

Tuttavia, dalle dichiarazioni confuse che necessitano di chiarimenti, al caso di Bruno Pacheco e all’intenzione di una spogliarello Congresso per scaricarlo, Castillo Ha fatto ricorso a sermoni e I tweet sono piattaforme di visualizzazione in cui nessuno può farti una domanda.

senza responsabilità

Il comportamento del presidente davanti ai media è sempre stato evasivo e perfino conflittuale. Il 23 novembre, davanti alla comunità Chupca di Huancavelica, ha affermato che alcuni media di Lima hanno solo “distorto la realtà” ed ha espresso la sua “gratitudine” alla stampa regionale e locale, perché loro “sanno dove sono i grandi problemi del Paese”. Anche così, il presidente non ha tenuto una sola conferenza o intervista con nessuno dei media peruviani o stranieri.

Per lo specialista in comunicazione politica Jeffrey Radzinsky, la riluttanza ad affrontare domande e responsabilità attraverso la stampa è “una cattiva formula per qualsiasi governo che eserciti il ​​potere in una democrazia”.

“Anche al secondo turno, l’attuale presidente Castillo Non ha rilasciato interviste, e questo può essere visto come parte di una strategia che funziona bene per lui dal punto di vista elettorale. Ma la logica della comunicazione è diversa quando sei già un sovrano. Le persone non vogliono più vedere la formazione del carattere, ma piuttosto vedere i risultati ed essere chiari su determinate richieste o dubbi”.È da spiegare. Lo specialista aggiunge che in una posizione di potere politico e di autorità, dare spiegazioni e rispondere a domande non è un optional, ma un obbligo.

Anche in conversazione con commercioesperto in comunicazione politica Iris Giava Ha sottolineato che i cittadini sono i più colpiti quando l’accesso all’informazione, la trasparenza e lo spazio per la stampa sono limitati.

“Governance significa non solo comunicazione, ma anche istituzione di un accesso permanente all’informazione a vantaggio dei cittadini. Penso che questo governo non venga preso in considerazione. C’è un danno, ovviamente, all’immagine politica del presidente, ma il settore che è gravemente colpita è la popolazione”, ha sottolineato.

Robert VillalbaAltro specialista in comunicazione politica, ha considerato anche la disarmonia all’interno dello stesso governo – con i ministri che talvolta devono tradurre il presidente – e il silenzio da parte sua. Castillo La fiducia nella capacità di attuare e mantenere il piano di governance è gravemente compromessa.

“Il primo portavoce di un’amministrazione presidenziale è sempre il presidente, e se il portavoce non riesce a inviare il messaggio o si rifiuta di articolare posizioni, quello che vediamo è un presidente isolato e debole, che si muove in modo irregolare sull’asse del suo governo. Direi non sorprende che il suo nucleo di approvazione intransigente appaia più basso”, ha sottolineato.

vulnerabile all’opposizione

Gli specialisti consultati da questo giornale concordano sul fatto che il silenzio e la follia comunicativa del presidente stanno aprendo le ali libere dell’opposizione al Congresso per cercare giustificazioni a meccanismi estremisti, come le offerte di lavoro.

Jeffrey Radzinsky firmare a, “Sebbene ci siano vere introduzioni in parte delle lettere Castillo In merito al fatto che una sezione del Parlamento non abbia mai accettato i risultati elettorali o che una sezione politica intenda rimuoverla dall’incarico sin dal primo giorno, ciò non prevede una distanza ragionevole per rendere conto o rispondere al pubblico”.

La notte dopo la rivelazione
La notte dopo che la Quarta Forza ha rivelato la partecipazione di Castillo agli incontri al di fuori delle regole di trasparenza a casa di Breña, il presidente ha inviato un messaggio alla nazione. Ha sottolineato in questo che “i partiti politici e i gruppi economici non hanno mai accettato che la nazione fosse guidata da un contadino, un uomo di pattuglia e un insegnante”, e quindi il loro obiettivo è rimuoverlo dalla presidenza. Inoltre, ha detto che gli incontri sono stati “personali”.

Iris Giava Ha commentato che anche il ritardo nella rimozione dei funzionari interrogati è stato autolesionista Pedro Castillo, perché gli scandali continuavano e gettavano un’ombra sul suo processo decisionale. Credo che il presidente non abbia fatto alcuno sforzo per invertire le crisi nel suo ambiente, piuttosto le sue reazioni tardive e le continue nomine di persone inadatte contribuiscono alla narrativa dell’opposizione, indicando la sua stessa incompetenza. Direi anche che in questi lunghi mesi non ci sono stati segnali di miglioramento o consigli per il controllo dei danni”, ha espresso.

Robert Villalba Sosteneva che la strategia retorica di Castillo Incolpare gli altri per i propri errori è fragile e può svanire nel territorio. Per quanto riguarda il tempo impiegato da Castillo per decidere il ritiro di alcuni funzionari, ha detto che “Questa mancanza di risposta politica immediata è riuscita solo a minare la fiducia e la credibilità del governo”..

Opinione: “Una relazione nata in conflitto”, di Rodrigo Salazar Zimmermann, Direttore Esecutivo del Consiglio della Stampa del Perù

Pedro Castillo Non indossava il cappello del presidente. Le loro azioni e atteggiamenti nei confronti dei giornalisti e dei media riflettono questo. Potrebbe essere in parte dovuto al trattamento ingiusto che ha ricevuto da una parte della stampa durante la campagna elettorale, che lo ha definito comunista, che non è stato né giusto né imparziale nella sua copertura, e che ha cercato di vendere la menzogna che aveva vinto. falso.

Ma non farsi intervistare o essere ritenuti responsabili, minacciare di tirare fuori dai media la propaganda di stato come se il bilancio pubblico gli fosse uscito di tasca, e alcune dichiarazioni aggressive dovute anche a preconcetti più profondi, credo, siano difficili da sradicare. Uno è che il presidente ha in mente uno stereotipo di giovani giornalisti con interessi destabilizzanti; Non capisce il ruolo acido e censorio della stampa. Più dannosa e polarizzante è la divisione tra le regioni di Lima, dove la stampa regionale è “buona” e quella di Lima è “cattiva”.

La riapertura della sala stampa al Palazzo del Governo è una buona mossa. Un altro obbligo è che il presidente firmi la Dichiarazione di Chapultepec, un comandamento dei principi fondamentali della libertà di parola. L’invito rivoltogli dal Consiglio della stampa peruviano è ancora valido”.

Video consigliato:

Dina Polare
Dina Polare

Potrebbe interessarti:

READ  Giardino botanico di Guayaquil, uno spazio naturale offerto come una buona opzione per i visitatori | comunità | Guayaquil