Aprile 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Per battere Ducati, iscriviti a Ducati

Per battere Ducati, iscriviti a Ducati

A Nessuno può sfuggire al marchio che attualmente domina il mercato. Campionato del mondo motociclistico. Non invano, come piace ad alcuni Alex EspargaròLo hanno chiamato Coppa Ducati. Quelli di Borgo Panigale hanno vinto gli ultimi due titoli con Pico bagnaja. E nel 2023, solo domenica hanno vinto 17 gare su 20. Nei costruttori hanno preso più del doppio dei punti dal punto successivo (700 contro i 373 punti di KTM).

Per raggiungere questo obiettivo, il bolognese è cresciuto Tecnicamente stabilire lo standard. Una delle più grandi innovazioni moderne presenti in questo evento, come le ali o un dispositivo per abbassare l'altezza di una motocicletta.

Per reagire a questo potere, altri marchi hanno scelto di assumere gli ingegneri dietro queste invenzioni, A cervello immigrato La costante contro cui la Ducati non può fare molto. Tutti i produttori hanno utilizzato questa soluzione e in alcuni casi è possibile riscontrarla nei loro progetti o contributi.

Bartolini alla Yamaha

L'ultimo caso è stato un caso Massimo Bartolini. Era l'ingegnere delle prestazioni della Desmosedici. Ma anche quello che ha il miglior controllo sulla gestione degli pneumatici Michelin. È senza dubbio uno degli uomini di cui Gigi D'Alegna si fida di più. La Yamaha lo ha assunto quest'inverno come direttore tecnico. Già nella sua presentazione gli hanno dato le strisce. “Non credo che sia un grosso problema”, ha detto a bocca aperta Pico Bagnaia o Enea Bastianini quando gli è stato chiesto della partenza di Bartolini alla Madonna di Campiglio, ma era molto apprezzato nella Ducati Corse.

Poco prima del suo arrivo, in ottobre, Marco Nicotra, responsabile dell'aerodinamica della Ducati. Un aspetto vitale dell'attuale campionato MotoGP e in cui i giapponesi sono molto indietro.

READ  Tour de France 2022: Jonas Vingegaard: "Dopo tutto il Tour, che era un sogno, non andrò a LaVuelta"

Honda e Gigi

La Golden Wing House non ha deciso di consentire a una persona non giapponese di dirigerne lo sviluppo. Ha avuto un approccio con Gigi Dall'AgnaMa sono stati infruttuosi quando hanno visto che il mentore della Ducati non stava mostrando tutta l'attenzione che pensavano avrebbe ricevuto. “SÌ fionda “Se fa una grande offerta, non potremo trattenerlo”, ha aggiunto. Claudio Domenicali, amministratore delegato della Ducati per Marca non molto tempo fa. Fortunatamente per loro, ciò non è avvenuto. La Commissione per i Diritti Umani, ancora più tempo fa, ha firmato Filippo Tosi, ingegnere elettronico. Quando la MotoGP ha introdotto la console unica, firmata Magneti Marelli, la Honda ha lottato e ha assunto questo italiano, poiché è stata la Ducati ad assemblare questa console e a lavorare con loro.

KTM e il Grande Sbarco

KTM È stato il marchio che ha “catturato” di più in Ducati. Non hanno problemi nemmeno ad aiutare le famiglie dei nuovi dipendenti con lavoro, studi o casa. Il reclutamento è stato il più numeroso Fabiano Sterlaccini, Chi era con David Parana il più vicino a Gigi. Non per niente ha lavorato nei reparti motore, elettronica, aerodinamica e motociclistica. Attualmente è il Direttore Tecnico dell'intera gamma KTM. Gli austriaci dovettero addirittura negare che i loro progetti fossero una copia della Desmosedici. Ma ci sono parti molto simili.

Altri ingegneri arrivati ​​sono: Alberto Giripolache è stato il capo meccanico di Andrea Dovizioso, quando era secondo, ed Enea Bastianini, con le sue quattro vittorie nel 2022. Alla fine di quell'anno, ha firmato con KTM come Direttore della Performance. Cristiano BobolinoJack Miller è stato capo meccanico della Pramac, e successivamente del team ufficiale. Quando l’australiano partì per KTM, a fine 2022, lo seguì.

READ  "Il mio accordo è migliore, cercherò di essere in Australia"

Inoltre, i paesi dell’Europa centrale si riprenderanno entro il 2023 Francesco Guidotti. È il capitano della sua squadra e in precedenza è stato per dieci anni al Pramac.

Aprilia, tutto resta a casa

C'è una certa competizione tra Ducati e Aprilia perché sono entrambe italiane. Dall'Igna era il gran capo in casa di Noale e quelli di Borgo Panigale glielo avevano rubato. Negli ultimi anni lo hanno “riportato indietro” con Arrival Manuel Cazo, che è stato ingegnere elettronico alla Ducati e poi è passato alla Suzuki, dove è stato capo meccanico insieme ad Alex Rins. Quando il giapponese se ne andò, l'Aprilia lo ingaggiò per metterlo con Maverick Vinales. Sono stati anche messi sul libro paga Cristina Toterispecialista di telai e forcelloni, che ha lasciato alla fine del 2022.

Visione Ducati

E questa fuga di notizie continuerà, perché anche la Ducati sa che è difficile evitarla. “Egli è problema“Ma solo i promossi del suo staff potranno sostituirli – ha ammesso il direttore tecnico Paranà – sappiamo che è così”. Parte del gioco“Aggiunse il comandante.