Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Più aerei militari, più inquinamento atmosferico

Notizie correlate

Non sorvolano più la Russia gli aerei commerciali, né gli aerei della Moldova, dell’Ucraina o della Bielorussia. La guerra ha seminato il terrore in e con l’Europa Anche il suo modo di affrontare il mondo è cambiato.. Lo spazio aereo non è più lo spazio internazionale in cui gli aerei volano liberamente. Almeno, nell’ambiente più vicino alla Russia.

Fino a trenta paesi, compresi i membri dell’Unione Europea, e altri paesi come il Regno Unito e gli Stati Uniti Hanno chiuso il loro spazio aereo agli aerei russi alla fine di febbraio. In risposta, Putin non era da meno: ha anche vietato i sorvoli nel suo spazio aereo su questi stessi paesi e quattro territori del Regno Unito, come Anguilla, Isole Vergini britanniche, Jersey e Gibilterra.

L’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) ha avvertito alla fine di febbraio di Il pericolo di sorvolare la zona di conflitto tra Russia e Ucraina. In ciò Newsletter sulle zone di conflitto (CZIB) ha raccomandato di evitare a tutti i costi il ​​sorvolo dello spazio aereo di Ucraina, Moldova e Bielorussia.

Come confermato dall’EASA, a causa dello stato di guerra, sono esposti sia lo spazio aereo che le infrastrutture aeroportuali Attività militari che creano rischi per la sicurezza per aerei civili. Di conseguenza, la virata che i velivoli sono stati costretti a compiere comporta spese molto ingenti non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello ambientale.

Ci sono molte rotte, in particolare quelle che collegano l’Europa e l’Asia, che devono essere riconfigurate, afferma Pablo Muñoz, responsabile dell’aviazione presso Ecologistas en Acción, e Distanze e tempi di volo sono molto più lunghi. Sottolinea che ciò che pone un problema soprattutto è la chiusura dello spazio aereo russo.

READ  Xiaomi Watch S1, cosa sappiamo del prossimo concorrente dell'Apple Watch | Utensili

L’esperto fornisce un esempio del collegamento Helsinki-Shanghai di Finnair, che può aiutare a comprendere l’improvviso cambiamento nel mondo dell’aviazione civile. Il solito tempo di volo è di 9 ore e 45 minuti. Ora, con l’impossibilità di sorvolare lo spazio aereo russo, è aumentato a circa 3 ore e 15 minuti, secondo un rapporto del National Geographic. è chiamato, un aumento del 33,79%.

Il carburante esaurito deve essere aggiunto per coprire questo tempo extra per aumentare il tempo di volo. Come sottolinea Muñoz, in condizioni normali e secondo il calcolatore ICAO, per quel volo sono necessari circa 91.391,8 kg di carburante, che, Emette circa 4.522 chilogrammi di anidride carbonica per passeggero.

Con l’impossibilità di sorvolare lo spazio aereo russo, il volo Helsinki-Shanghai è aumentato di circa 3 ore e 15 minuti

Ora, a causa dell’aumento del tempo di volo, verranno bruciati più di 120.000 chilogrammi di carburante per lo stesso volo, Che emetterà circa 6000 chilogrammi di anidride carbonica nell’atmosfera. Tuttavia, questa è solo una stima, perché tutto dipende da questioni come il tipo di aeromobile, la sua età, l’altitudine o la velocità raggiunta.

secondo Flytradar 24Non meno di 400 voli che sono stati costretti a ricalcolare i loro percorsi e hanno preso percorsi più lunghi e più costosi. Una cosa inevitabile, vista la situazione che sta attraversando l’Ucraina in questi mesi.

Molti scelgono di seguire le rotte che sorvolano il Mediterraneo orientale e l’Asia meridionale. Altre aziende dovevano semplicemente farlo. La sospensione dei voli per l’alto costo imposto da questa nuova realtà. La sua forte dipendenza da combustibili fossili sempre più elevati, insieme all’aumento delle distanze, lo rende insostenibile per alcuni tour operator, soprattutto in un momento di ripresa post-pandemia.

READ  PlayStation 5 avrà un casco e un controller per la realtà aumentata

Poi ci sono i voli militari

Alle emissioni dell’aviazione civile si sono aggiunti i voli per usi speciali e, al momento, Aumento dei voli militari che sorvolano i cieli del conflitto, così come quelli della ricognizione NATO al di fuori dello spazio aereo di Russia e Ucraina.

Come commenta Muñoz, non ci sono quasi dati su questi voli e sul carburante che bruciano. “Questi sono aerei che consumano molto carburante. Ci sono molti voli di ricognizione che sorvolano l’Europa orientale (americani o Nato)”, sottolinea. A questo bisogna aggiungere anche tutto il carburante che viene utilizzato nel contesto del conflitto.

Sebbene la NATO abbia assicurato che non interverrà militarmente nella guerra in Ucraina, gli Stati membri lo fanno Dispiegamento di risorse aeree Rafforzamento della sicurezza del confine orientale e vigilanza contro qualsiasi movimento delle forze russe.

Alla fine di febbraio, infatti, la NATO ha attivato per la prima volta la sua forza di risposta. Questo meccanismo includeva, oltre allo schieramento di risorse onshore e offshore, Rafforzamento dello spazio aereo dei paesi limitrofi alla zona di guerracome la Polonia o la Romania.

Proprio ora, nei cieli d’Europa, lì Un centinaio di aeroplani di pattuglia che svolgono attività di allerta precoce. Inoltre, questi dovrebbero essere almeno aggiunti Rifornimento a bordoQuesto aiuta a prolungare i tempi di sorveglianza e persino gli aerei dell’intelligence vicino all’area del conflitto.

In definitiva, come per i combustibili fossili, la guerra in Ucraina sta cambiando i paradigmi e costringendoci a ripensare il panorama internazionale in tutti i suoi aspetti. Sembra difficile raggiungere gli obiettivi climatici vincolanti dell’UE per il 2030.

READ  Prezzo e disponibilità • ENTER.CO

Queste spiacevoli aspettative creano Un’emergenza più grande di quella già avvertita dalla comunità scientifica in agosto. Attualmente, gli sforzi per ridurre le emissioni, e quindi il riscaldamento globale, non sono sufficienti e finora gli interessi e le esigenze economiche prevalgono sul cambiamento climatico.