Maggio 19, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa farfalla amazzonica è il risultato di un'ibridazione avvenuta 200mila anni fa

Questa farfalla amazzonica è il risultato di un'ibridazione avvenuta 200mila anni fa

Questa farfalla originaria dell'Amazzonia è il risultato di un'ibridazione nata circa 200mila anni fa dall'unione di due specie diverse. La scoperta dei ricercatori delle università di York e Harvard, pubblicata sulla rivista Nature, mostra come la formazione di nuove specie possa essere più complessa di quanto pensassimo.

Le specie sono spesso viste come i rami o le foglie dell’“albero della vita”. In questo modello, nuove specie vengono prodotte quando gli arti si dividono per formare nuove specie nel corso di migliaia o milioni di anni.


Le farfalle sono nate in America 100 milioni di anni fa

Dopo aver raccolto i geni di circa 2.300 specie di farfalle provenienti da 28 collezioni, nonché informazioni da database, guide sul campo e collezioni di musei, gli scienziati hanno determinato il luogo di origine delle farfalle.


Tuttavia, gli scienziati ora si rendono conto che i rami dell’albero della vita sono intrecciati e che i geni vengono trasferiti da una specie all’altra attraverso l’accoppiamento occasionale. In teoria ciò potrebbe portare alla formazione di una nuova specie; Un processo noto come speciazione ibrida.

Uno studio decennale in diversi paesi del Sud America

Tuttavia, dimostrare che la speciazione ibrida può verificarsi negli animali è un compito difficile, poiché gli scienziati devono dimostrare che la riproduzione tra due specie abbia effettivamente portato alla formazione di una specie completamente nuova, geneticamente diversa da entrambi i genitori.

Il team di scienziati, che comprende ricercatori provenienti da diversi paesi del Sud America, ha ora trovato un esempio di specie ibrida tra farfalle colorate. Eliconaio Da Amazon.

In uno studio durato dieci anni, i ricercatori hanno raccolto prove genetiche e ambientali che dimostrano che circa 200.000 anni fa, gli antenati degli esseri umani di oggi Heliconius melpomene E Heliconius pardalinus Hanno contribuito con parti dei loro genomi per produrre una terza specie distinta, Altezza dell'EliconioLe tre specie ora coesistono nella foresta amazzonica.

READ  Magia pura con un nuovo aggiornamento di Hogwarts Legacy che risolve centinaia di problemi con prestazioni, missioni e audio

Le specie ibride sono difficili da trovare

“La speciazione ibrida potrebbe non essere insolita, ma è davvero difficile trovare esempi convincenti di specie animali ibride”, ha affermato il professor Kanchun Dasmahapatra, del Dipartimento di Biologia dell'Università di York e autore principale dello studio.

“Nei pochi esempi che esistono, o la presunta specie ibrida esiste solo da poche generazioni e può essere un’entità di breve durata, oppure la specie ibrida non vive insieme alla specie madre, rendendo difficile sapere se sia davvero esiste o no.” Nuovo tipo.”

L'autore principale, il dottor Neil Rosser, ricercatore post-dottorato presso l'Università di York e ora presso l'Università di Harvard, ha trascorso diversi anni in Amazzonia incrociando le specie in questione per scoprire la base genetica di molteplici tratti importanti per mantenere il carattere distintivo di una specie. Questi tratti includevano il modello di colore, la forma delle ali, la preferenza della pianta ospite, i feromoni sessuali, la scelta del compagno e il volo.

Combinazione unica

“È interessante notare che nell'Heliconius elevatus, le parti del genoma che controllano questi tratti importanti derivano per lo più dall'Heliconius melpomene”, ha affermato il dottor Rosser.

“Questa scoperta è fondamentale per dimostrare che l’ibridazione ha guidato l’evoluzione dell’Heliconius elevatus, perché ha fornito a questa specie una combinazione unica di tratti che le hanno impedito di incrociarsi con uno dei suoi genitori”.

Il professor Dasmahapatra ha aggiunto: “Con la distribuzione delle specie che cambia rapidamente a causa delle azioni umane e dei cambiamenti climatici, è probabile che le opportunità di ibridazione o mescolanza tra le specie aumentino, il che ha importanti implicazioni che questa maggiore mescolanza porterà probabilmente a un maggior trasferimento di geni tra le specie , in “In alcuni casi le specie vengono inondate da geni di altre specie e in altri casi potrebbero portare alla formazione di nuove specie ibride in futuro”.

READ  Il nuovo visualizzatore di realtà virtuale di Apple ti consentirà di creare app tramite Siri