Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ricordi di Sarah Fachio, la fotografa che catturò Burgess, Cortázar e Gabo

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2022 – 11:58

Javier Ogambarina Alba

Buenos Aires, 31 maggio (EFE). – Per qualche minuto, con il tè appena servito e contornata da immagini e libri fotografici che raccontano la storia del suo paese, la pittrice argentina Sarah Facchio – che ha 90 anni – affronta quella che avverte questa sarà la sua ultima intervista – torna a ieri, a una professione in cui sapeva così bene come Perón è immortalato nei panni di Borges, Cortázar, García Márquez o Octavio Paz.

“Senti, ti dico la verità, sarà il mio ultimo reportage. Sono molto stanca e provo molti sentimenti”, conferma nel suo studio a Buenos Aires.

Facio, nata il 18 aprile 1932 a San Isidro, si è ritirata anni fa dalla fotografia professionale, ma non ha perso il contatto con l’arte a cui ha dedicato la sua vita. All’inizio di aprile, infatti, il Museo di Belle Arti di Buenos Aires ha inaugurato la mostra “Sara Facio: Pictures 1960/2010” in suo onore.

“Devo andare lontano per parlare del mio lavoro, e tornare alla prima cosa che ho fatto con Alicia D’Amico (1933-2001), la sua inseparabile compagna e amica, a Buenos Aires, Buenos Aires (1968)” rivela Facio al ricordo di uno dei suoi progetti più memorabili, un saggio illustrato contenente i testi di Julio Cortázar (1914-1984) – che ha fotografato in diverse occasioni – dà uno sguardo al modo in cui questa città è stata dipinta.

“Fino a quel momento, i pochi libri di fotografia mostravano solo la parte architettonica (…) e quello che volevamo era far conoscere le persone, i loro sentimenti, come vivevano la notte degli anni ’60, cosa che pensavamo e penso oggi, conferisce alla città il suo carattere”, afferma il ritrattista.

READ  meraviglia | 'WandaVision' ha compiuto un anno e i fan hanno festeggiato sui social network nel modo seguente | UCM | MCU | Vendicatori | Disney Plus | gioco sportivo

L’aspetto di Peron, Vargas Llosa e Garcoa Merquez

Ricorda il momento della morte dell’ex presidente argentino Juan Domingo Peron. Dal suo ritorno nel 1972, dopo 17 anni di esilio in Spagna, fino alla sua morte nel luglio 1974, Fascio scattò centinaia di foto del politico, compreso il suo funerale, dove voleva “mostrare i sentimenti della gente”.

Il suo interesse per la fotografia l’ha portata a Parigi nel 1955, dove ha vissuto per un anno e successivamente l’ha introdotta ai media, dove ha sempre lavorato in modo indipendente.

“L’80% del mio lavoro nei media sono stati i miei pensieri personali, come quando pensavamo che il mondo intero conoscesse il volto di Sartre, ma non conoscevamo Vargas Llosa o Rulfo o Octavio Paz”, dice Fassio.

Da questa domanda nasce Ritratti e Autoritratti (1974), una serie di fotografie dei più importanti scrittori latinoamericani del Novecento che dipinge con D’Amico.

“Abbiamo inviato messaggi che hanno impiegato un mese per arrivare, e siccome non sono i numeri che sono oggi, sono tutti eroi, hanno risposto immediatamente”, dice.

Parliamo di Mario Vargas Llosa, un “ragazzo” all’epoca. “Non ha pubblicato i suoi lavori più importanti, ma con il suo primo lavoro pubblicato ci siamo resi conto che era un grande scrittore”.

Fu anche quella che scattò le uniche foto esistenti di Gabriel García Márquez a Buenos Aires, dove “Cento anni di solitudine” divenne famoso, durante la sua prima e ultima visita, nel giugno 1967.

Con più della metà della sua vita da professionista, Facio ammette che gli sarebbe piaciuto lavorare quando la fotografia è diventata digitale. “Ti avverto, devo essere stato una delle prime persone ad acquistare una fotocamera digitale”, dice.

READ  L'amore riempie l'aria, finale: quando finirà la serie turca in Spagna | Sin Kal Kabeme | Telenovelas nnda nnlt | Fama

“Se avessi lavorato quando ho realizzato la mia produzione più grande, e avessi saputo quanto sacrificio sarebbe stato andare su una Fiat 600 a reggere il rotolo Ezeza (rotoli di cellulosa), e che oggi premo un interruttore e l’immagine si diffonderebbe dappertutto al mondo un minuto (…) mi sarebbe piaciuto provare questo uso del tempo e della tecnica. Ma dopo averlo sperimentato, include il lavoro, con tutta la vitalità.”

Grande gruppo di fotografi latinoamericani

La sua associazione con la fotografia ha portato ripetutamente alla divulgazione di quest’arte. Il lavoro è più riconosciuto nel paese sudamericano.

“Diversi anni fa ho portato l’idea al Museo di Belle Arti di allestire una collezione fotografica al di fuori del museo stesso, e poiché non c’erano risorse, e poiché qui non ci sono mai risorse nella cultura, l’ho creata io stesso”, dice Facio.

È iniziato con una donazione di circa 50 foto donategli da “Great Gentlemen” durante la sua carriera.

Da allora ha lavorato al museo e “incoraggiato” i suoi amici e conoscenti a donare le immagini.

“Sebastiao Salgado, il brasiliano, mi ha dato una serie di copie da donare. Me l’ha data, ma io ho detto di no, dovrebbe donarla al museo”.

E come lui e tanti argentini, come Alberto Ribas e Calos Bosch, e altri colleghi “ormai più famosi”, come Marcos Lopez o Adriana Listido.

Conclude: “Hanno tutti donato le loro foto al gruppo ed è un grande onore perché l’ho fatto”. EFE

ARIA / RGM / LL

(foto) (video)

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.

READ  Kim Kardashian parla della sua relazione con il comico Pete Davidson | persone | intrattenimento