Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Roberto Clemente, leggenda latina a 50 anni dalla morte

Quando i portoricani pronunciano il nome Roberto Clemente, vogliono che il mondo intero capisca il loro orgoglio, unità e cultura.

Per loro, Clemente rappresenta l’apice di ciò che significa essere un vero Boricua. il suo nome nelle sue canzoni. I bambini leggono la loro storia a scuola. La sua immagine è esposta nelle case di molti giocatori di baseball latinoamericani.

“Se qualcuno ci sfida a fare questo per scoprire chi siamo, la risposta è che siamo tutti il ​​numero 21”, ha detto Luis Clemente, uno dei figli di Roberto. “Siamo Roberto Clemente. Sai chi siamo. È il volto di ciò che ti rende portoricano”.

Cinquant’anni dopo la sua morte, Roberto Clemente, il talentuoso outfielder dei Pittsburgh Pirates, rimane una delle figure più rispettate a Porto Rico e in America Latina.

I suoi modi aggraziati e la forza del braccio non avevano rivali per i suoi tempi. Ma i suoi sforzi umanitari sono forse la sua più grande eredità.

Dopo mezzo secolo di gioco, molti dei giocatori di baseball latinoamericani di oggi lo ringraziano per aver aperto loro la strada.

“Il nome Roberto Clemente è qualcosa che ci riempie di emozione e ammirazione”, ha detto il lanciatore dominicano Sandy Alcantara dei Miami Marlins. “Poiché era uno dei latinoamericani che ha fatto così tanto per noi qui negli Stati Uniti, penso che sia una leggenda vivente, non solo qui ma in tutta l’America Latina”.

Clemente morì all’età di 38 anni, il 31 dicembre 1972, quando l’aereo su cui viaggiava si schiantò al largo delle coste di Porto Rico. La star ha cercato di portare aiuto alle vittime del terremoto in Nicaragua.

Quando è morto, aveva già numeri degni di un futuro Hall of Famer, con esattamente 3.000 successi, quattro titoli della National League, 12 guanti d’oro, un premio MVP, due titoli delle World Series e 15 apparizioni All-Star. .

READ  Riepilogo partita Arsenal vs. Manchester United Premier League 2022-2023: video, gol, minuto per minuto e statistiche

Ha difeso con passione le sue radici portoricane e si è espresso con enfasi contro il razzismo che ha vissuto come latinoamericano nero durante una carriera che risale al movimento per i diritti civili.

“Questa era un’espressione dell’interesse di Clemente per il modo in cui molti lo vedevano”, ha detto lo storico del baseball Adrian Burgos Jr., che si concentra sull’esperienza dei giocatori di baseball latini. “Oltre a questo giocatore stellare, stavano guardando un ragazzo nero e latino quando ha iniziato a parlare”.

Clemente è arrivato ai campionati più importanti dopo che Jackie Robinson ha infranto la barriera razziale ed era impreparato a ciò che ha dovuto affrontare quando ha lasciato Porto Rico.

Secondo i dati demografici compilati dalla Society for American Baseball Research, i giocatori bianchi rappresentavano il 90,7% del totale nella Major League Baseball quando Pittsburgh scelse Clemente dai Brooklyn Dodgers nella cosiddetta Rule 5 draft del 1954.

Gli afroamericani rappresentavano il 5,6% mentre gli ispanici erano il 3,7%.

Quando Clemente si unì ai Pirates per l’allenamento primaverile in Florida, i giocatori neri non potevano mangiare negli stessi ristoranti dei giocatori bianchi dopo le partite. Spesso dovevano aspettare che il cibo arrivasse loro sull’autobus.

Clemente si rifiutava di essere trattato come un cittadino di serie B. Esigeva la stessa mentalità dai suoi compagni neri.

“Ha detto anche agli altri compagni,” confermò Luis Clemente, “quelli di voi che mangiano cibo di questo posto lo vedranno con noi.” Gli dissero: Roberto, stiamo morendo di fame, dobbiamo mangiare. essere servito in questo ristorante, il cibo non è abbastanza buono per noi da mangiare.”

READ  Horner accusa i social media di aver criticato Tsunoda

Clemente capì l’impatto della sua voce e la usò più volte per condannare il razzismo in spagnolo. Le loro dichiarazioni sono state tradotte in inglese, talvolta con alcune imprecisioni. Il suo orgoglio e il suo comportamento non sono ben compresi in molte occasioni.

ha detto Rob Rock, autore di Raceball: come le principali leghe hanno colonizzato il gioco dei neri e dei latini.

Clemente ha discusso di questioni politiche e sociali con Martin Luther King Jr. Era appassionato di creare pari opportunità per i latini e spesso tornava a Porto Rico per organizzare cliniche di baseball gratuite per bambini svantaggiati.

Il Premio Roberto Clemente viene assegnato ogni anno a un giocatore di baseball per il suo lavoro di beneficenza nella comunità. Il terzo base dei Dodgers Justin Turner ha vinto il premio quest’anno.

La dedizione di Clemente al lavoro umanitario è stata trasferita alla sua famiglia e alla Fondazione Roberto Clemente, che quest’anno ha distribuito cibo e altri aiuti alle famiglie di Porto Rico quando l’uragano Fiona ha devastato l’isola.

“Questa è la vera eredità di Clemente”, ha affermato il figlio. “È il modo in cui aiuti gli altri e fai capire loro l’importanza che hanno nella società”

Riteneva che lo stesso si potesse dire dei giocatori latini di oggi. Si rende conto che la sua devozione per la sua patria è iniziata in parte grazie all’influenza di suo padre.

“Mio padre era l’epitome della gratitudine per ciò che Dio ci ha dato e per l’opportunità di diventare un giocatore di major league”, ha detto Luis Clemente. “Questi giocatori, per la maggior parte, hanno attraversato le difficoltà. Capiscono cosa vuol dire essere bisognosi e sanno come condividere le loro benedizioni”.

La Major League Baseball e la scena culturale hanno un aspetto diverso oggi rispetto a quando giocava Clemente. Ma i problemi di diversità rimangono.

READ  Mondiali 2022: Spagna e Portogallo cercano di evitare un pericolosissimo playoff per il Qatar 2022

Nel giorno di apertura della stagione 2022, secondo l’Institute for Diversity and Ethics in Sport, il 38% dei giocatori del roster attivo di 30 membri erano persone di colore.

La percentuale di giocatori afroamericani (7,2%) è la più bassa degli ultimi 30 anni, mentre continua a crescere il numero di giocatori ispanici e latini (28,5%).

Il 15 settembre, quando le major hanno celebrato il Roberto Clemente Day, i Tampa Bay Rays hanno fatto la storia facendo partire nove giocatori All-American contro i Toronto Blue Jays.

Stelle latine come il venezuelano Ronald Acuna Jr. o il dominicano Fernando Tatis Jr. hanno aggiunto dinamismo all’era attuale nei campionati maggiori. Ora, più calciatori latinoamericani sono più a loro agio che mai nel mostrare l’energia che mostrano così spesso a casa.

Ma devono ancora affrontare critiche per alcuni comportamenti ritenuti anormali.

“La tensione costante che i latini trovano in questa idea è radicata in un passato immaginario”, ha detto Burgos. “Ti dice ‘gioca nel modo giusto’. E molto viene dalla cultura della Major League Baseball durante l’era dell’apartheid, dove c’erano solo giocatori bianchi”.

A causa della sua influenza, molti credono che il numero 21 di Clemente dovrebbe essere ritirato da tutte le squadre della major league. Finora, questo onore è stato tributato solo a Robinson.

“Per me, Clemente era una figura di resistenza politica”, ha detto Rock. “È stato anche per me un personaggio che ha catturato lo sport che potrebbe essere in questo scenario desiderabile, un’arena democratica accessibile a tutti”.