Marzo 5, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sport Illustrated è stato accusato di pubblicare contenuti generati dall’intelligenza artificiale

Sport Illustrated è stato accusato di pubblicare contenuti generati dall’intelligenza artificiale

Lo sport illustrato, una delle più grandi riviste sportive in lingua inglese con sede a New York, è stata accusata di pubblicare contenuti generati dall’intelligenza artificiale generativa (AI) senza avvisare i suoi lettori. Le note sono state pubblicate dai profili degli autori fittizi, le cui immagini facciali provenivano da un’azienda fotografica basata sull’intelligenza artificiale, secondo un recente rapporto di Futurismo.

il cancello Futurismo È stato lui a scoprire le contraddizioni nel contenuto Lo sport illustrato. La pubblicazione rileva che ci sono almeno due falsi autori responsabili della creazione di articoli privi di significato. I dubbi del team sono stati rafforzati dalle dichiarazioni di fonti interne che hanno scelto di rimanere anonime. Secondo le persone coinvolte nel processo di scrittura, la rivista sportiva pubblica costantemente articoli generati dall’intelligenza artificiale.


Progetto Spinoza, Intelligenza Artificiale per la tutela della proprietà intellettuale del giornalismo

Reporter Senza Frontiere accusa le società di intelligenza artificiale di addestrare i propri modelli utilizzando comunicati stampa con poco o nessun riguardo per la proprietà intellettuale.


Futurismo Ha analizzato i profili di Drew Ortiz e Sora Tanaka. Sebbene entrambi gli scrittori avessero descrizioni comuni, le loro immagini del profilo apparivano sui siti Collegato Vendere immagini di intelligenza artificiale. La foto dell’autore Drew Ortiz è elencata come “una giovane adulta bianca, neutra, con corti capelli castani e occhi azzurri” mentre la foto di Sora Tanaka è elencata come “una giovane donna asiatica allegra con lunghi capelli castani e occhi castani”. Sia gli scrittori che i loro articoli sono scomparsi Lo sport illustrato Dopo le accuse.

I contenuti a cui si fa riferimento erano di responsabilità di una società terza

in linea di principio Lo sport illustrato Ha negato le accuse riguardanti i suoi testi create da Amnesty International, ma alla fine ha offerto una spiegazione alla controversia. rappresentante Gruppo dell’ArenaIl proprietario del marchio ha dichiarato che le note e i relativi autori sono responsabilità di una società terza che ha concesso in licenza il contenuto commerciale.

READ  I pomodori stanno subendo un aumento del 400% dei loro prezzi in India

“Oggi è stato pubblicato un articolo in cui si afferma questo Lo sport illustrato Pubblica articoli generati dall’intelligenza artificiale. Sulla base della nostra indagine preliminare, questo non è accurato. Gli articoli in questione erano recensioni di prodotti e contenuti concessi in licenza dalla società terza AdVon Commerce. Molti degli articoli di e-commerce di tale azienda sono stati pubblicati sui siti Web di Arena. Monitoriamo costantemente i nostri partner. Eravamo nel bel mezzo della revisione quando sono emerse queste accuse. “AdVon ci ha assicurato che tutti gli articoli in questione sono scritti e modificati da esseri umani”, ha annunciato un portavoce di AdVon. Gruppo dell’Arena.

Gruppo dell’Arena Era amichevole nell’usare l’intelligenza artificiale per raccontare storie. Nel febbraio 2023, la società ha dichiarato di aver collaborato con aziende tecnologiche per aiutarla a produrre articoli originali. Altri media come CNET E Gizmodo in spagnolo Hanno inoltre adottato strumenti di intelligenza artificiale per creare contenuti automatizzati, senza l’intervento di scrittori umani.

L’avvertenza sull’origine delle note è fondamentale. Supporti come CNET Hanno annunciato pubblicamente le loro politiche e hanno specificato che i loro testi erano generati dall’intelligenza artificiale. La stessa cosa accade con la nuova tendenza degli e-book creati da ChatGPT. Lo sport illustratoD’altro canto, avrebbe consentito di pubblicare contenuti generativi utilizzando profili che fingevano di essere umani.

Uno studio condotto dall’Università di Oxford nel febbraio 2023 ha rivelato che il lavoro di scrittura di articoli è al secondo posto tra i lavori a rischio di essere colpiti dall’intelligenza artificiale. Al primo posto ci sono i programmatori, al terzo quelli che lavorano nel settore legale.

READ  Il pagamento del debito continua a esercitare un'enorme pressione sui paesi poveri