Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Testimonianza di Camila Acosta, giornalista imprigionata nelle celle della dittatura cubana: “Dio mi ha messo lì per raccontare cosa stava succedendo”

Camila Acosta, giornalista della ABC incarcerata a Cuba

giornalista cubano Camila Acosta, Reporter del quotidiano spagnolo ABC All’Avana, È stato rilasciato dalla prigione questo venerdì dopo aver trascorso quattro giorni lì In una cella. Tuttavia, Sono entrati in vigore gli arresti domiciliari.

Acosta è stato arrestato lunedì scorso mentre usciva di casa da agenti cubaniUn’accusa, spesso usata contro i dissidenti a Cuba, è che la sua attrezzatura da lavoro simile a un computer è stata presa per crimini contro la sicurezza dello stato.

Un comunicatore che non è in grado di ricevere visite o effettuare chiamate, Condiviso una cella con altri prigionieri Occupato da sei letti punk e un bagno. Il posto è stato colpito perché ha detto al giornale per cui lavora».Zanzare ed era così caldo”. L’ha descritto anche lui Nessuno ha usato le mascherine Nonostante la forte ricorrenza di infezioni da COVID-19 sull’isola. Ha sottolineato: “Dio mi ha messo lì per dirmi cosa stava succedendo”.

In conversazione con ABC, La cosa più orribile in quei giorni di carcere”Scopri le esperienze dei detenuti. Il giorno della protesta c’era una madre con le sue due figlie che sono state arrestate e che Sono stati duramente picchiati. Alcune ferite sono state ancora trovate. Altre donne detenute sono state avvicinate con entusiasmo sulla scena delle proteste e le loro famiglie non sapevano dove fossero. C’era anche una donna incinta che ha chiesto aiuto medico, ma è stato negato. Me l’hanno dato nel momento in cui l’ho messo nella mia cella “, ha commentato.

Alla domanda se il regime sapesse cosa avrebbe detto il giornalista sul carcere, Acosta ha risposto: “Gliel’ho detto quando hanno usato il permesso degli arresti domiciliari, con l’intenzione che non parlasse. Mi sono detto di tornare in cella mentre tornavo in strada e se ci fosse stata un’altra manifestazione avrei denunciato di nuovo”.

La gente lancia slogan contro il regime durante una manifestazione all'Avana (REUTERS / Alexandre Meneghini)
La gente lancia slogan contro il regime durante una manifestazione all’Avana (REUTERS / Alexandre Meneghini)

Riguardo a questo Indagini A chi è stata sottoposta, hanno detto a partire da mercoledì.Due al giorno, più di un’oraIn esso gli hanno chiesto della sua carriera, della sua famiglia e della manifestazione a cui ha partecipato. “Sono andato e ho capito di essermi registrato, e per questo ho fatto uno spettacolo dal vivo Cubanet. Non sono importante, non sono giornalista, lavoro in nero, hanno cercato di sottovalutarmi dicendo che non ho contratto ABCCubanet, Anche questi media hanno negato che io abbia lavorato con loro. Che cosa ABC Ha detto che non c’era nessun giornalista all’Avana. Ma so che non è vero perché non sono nuovo all’argomento.. So che devo spiegare il contrario di tutto quello che dicono. Mi hanno fatto pressioni per accettare di pagare la multa e firmare, non l’ho fatto, e per questo motivo mi hanno usato gli arresti domiciliari. Qualcosa che ho anche rifiutato di firmare. L’unica cosa che ho firmato è stato l’atto di rilascio “, ha affermato.

READ  Le ambasciate statunitensi e britanniche in Afghanistan hanno esortato i loro cittadini a lasciare il Paese "prima" a causa dell'avanzata dei talebani.

Poi lo ha evidenziato Non aveva paura Ma cosa È irrequieta quando vengono introdotti nuovi prigionieri Perché li sospettavo. “So da interviste con altri che a volte i prigionieri vengono mandati a percosse. me ne sono presa cura“, ha dichiarato.

Infine, ha detto che avrebbe continuato a perseguire la sua carriera e che questa esperienza non lo avrebbe incoraggiato ad andare avanti. “Non smetterò di fare reportage. Molti continuano ad essere detenuti e noi dobbiamo continuare a denunciare perché le loro famiglie non sanno dove si trovano. Volevo essere imprigionato perché era un’occasione unica per conoscere tutte le storie di quello che stava succedendo dentro. Ma quando hanno cercato di fare un patto con me, sapevo che la pressione fuori era troppo forte”.

Un veicolo delle forze speciali passa davanti a un'auto d'epoca nel centro di L'Avana, Cuba (REUTERS / Alexandre Meneghini)
Un veicolo delle forze speciali passa davanti a un’auto d’epoca nel centro di L’Avana, Cuba (REUTERS / Alexandre Meneghini)

Le autorità incolpano il giornalistaMancanza di rispetto“S”Disturbi generali”. Giornale ABC Camila Acosta sostiene di essere la sua corrispondente all’Avana, e il regime cubano nega perché non ha il riconoscimento ufficiale di dipendente di un giornale straniero.

Acosta è un noto giornalista cubano indipendente con opinioni critiche sul regime di Miguel Diaz-Colonnello.. Ha lavorato anche per il portale Cubanet, uno dei principali media dell’opposizione, è stato arrestato in precedenti occasioni.

Il suo arresto ha avuto un forte impatto sulla Spagna, La Federazione dei giornalisti spagnoli (FAPE) e il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albarez hanno chiesto il suo “rilascio immediato”.

Scontri scoppiati durante le proteste di domenica, con centinaia di persone arrestate, tra attivisti, rivali e giornalisti indipendenti, secondo le organizzazioni internazionali. Alcuni degli arrestati sono stati rilasciati, mentre altri si trovano nelle stazioni di polizia e nelle carceri di tutto il Paese, mentre il regime non ha fornito dettagli sugli arrestati.

READ  L'Italia si prepara al vertice del G20 in Afghanistan

Giornalisti indipendenti cubani condannano l’aumento delle molestie da parte delle autorità nell’ultimo anno, Dagli arresti domiciliari alle citazioni della polizia, alla confisca di attrezzature o alle restrizioni all’accesso a Internet.

Continua a leggere: