domenica, Luglio 14, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

A porte chiuse il Gran Premio del Messico che segna l’addio alla Formula 1

Ricardo Carreño29 ottobre 2023 alle 09:53 ETLettura: 6 minuti.

Si chiuse così la porta del Gran Premio del Messico 1970, che per oltre 15 anni segnò l’addio della Formula 1 al Paese.


Cinque Gran Premi consecutivi della stagione e con elogi da parte di piloti e membri del team in ogni visita nel paese, è così che stanno le cose. Gran Premio del Messico È stato consolidato in un calendario Formula 1 Negli ultimi otto anni.

Nonostante tutte queste ammissioni, non tutto era vivace nel Paese Autodromo Hermanos Rodríguezcome ci fu un giorno 53 anni fa in cui i tifosi e gli organizzatori messicani furono riconosciuti e rappresentarono l’addio della massima categoria da oltre 15 anni.

Il 25 ottobre 1970, l’ultimo appuntamento della stagione fu la visita del Gran Circo nella capitale messicana, dove piloti come Jackie Ickx, Jackie Stewart, Jack Brabham, Bruce McLaren, Graham Hill (Le leggende della Formula 1 di oggi) e il pilota messicano Pedro RodríguezSono entrati in scena durante la chiamata Autodromo Ricardo Rodríguez. La presentazione e le gare sembravano promettenti, ma in pista e nelle situazioni le cose erano completamente opposte.

Centinaia di tifosi si erano radunati ore prima al Velodromo Ciudad Deportiva e avevano assistito alla fine della cosiddetta Vuelta de la Juventud (vinta dai messicani Agostino Alcantara), hanno finito di monitorare l’evento sportivo e hanno saputo che la corsa si svolgeva a solo un chilometro di distanza, quindi hanno deciso di avvicinarsi, senza biglietti, approfittando dell’assenza del fattore principale, ovvero la mancanza di sicurezza , lo stesso. Come negli anni precedenti era gestito dall’esercito.

Si chiuse così la porta del Gran Premio del Messico 1970, che per oltre 15 anni segnò l’addio della Formula 1 al Paese.cortesia

“Ricordiamo che nel 1968 abbiamo assistito al movimento studentesco che raggiunse il suo apice a Tlatelolco, giorni prima della rivoluzione OlimpiadiIn quel momento arriva il rifiuto da parte di chi detiene il potere di utilizzare l’esercito, che ha sempre utilizzato l’esercito. Se vedi le foto delle gare del 1960, 1962, 1963, 1964 e anche quando la pista fu aperta nel 1959, c’erano sempre dei soldati lì. “Nel 1970 non c’erano più soldati, c’era la polizia, i cosiddetti “Tamarindos”.” Lo dice il giornalista e storico specializzato in corse automobilistiche. Carlos Glaive.

READ  Nunez: "Ci prepariamo nel migliore dei modi ai Giochi Panamericani"

Gleave fu testimone anche quella domenica pomeriggio, giorno in cui notò, con il passare delle ore, come i trasgressori cominciassero a lanciare bottiglie sulla pista in modo che le auto delle categorie turistiche avessero un incidente.

“La gente ha iniziato ad annoiarsi, perché c’erano le gare preliminari, che erano sette in anticipo, e molti di loro erano già ubriachi e hanno iniziato a dire ‘nessun incidente’, quindi hanno iniziato a lanciare bottiglie finché le gomme non si sono rotte e si sono ribaltate. Anche se ci sono non si sono ancora verificati incidenti gravi. Quel pomeriggio, però, nella zona dell’autodromo regnava il caos.

“Queste persone si sono introdotte tra l’asfalto e la recinzione o l’area del terrapieno. “Si sono tolti i berretti da poliziotti e li hanno lanciati, cosa che non sarebbe accaduta con i soldati.”

Ha causato il caos nell’edificio dei piloti Formula 1 Si sono rifiutati di competere, quindi hanno “inviato”. Pedro Rodríguez con Jackie Stewart E Javier Velasquez, che era il direttore del Gran Premio, quindi hanno chiesto alla gente di andare dietro le recinzioni. Poi c’era Fittipaldi su un’altra macchina, ma non è andato lontano, perché si è accorto che era impossibile muoversi.

“I piloti erano raggruppati e non volevano correre. La gara era già ritardata di un’ora. I piloti dissero che non potevano correre così, perché se qualcuno fosse uscito di pista avrebbe potuto uccidere qualcun altro. Javier Velasquez Dice “Beh, se decidi di non correre, dimmelo e dammi cinque minuti, perché prendo la macchina e parto e rimani con 200.000 californiani… Arrabbiato, perché non c’è gara, perché Non sono responsabile.”

Quella gara si è svolta nonostante le opinioni divergenti dei piloti e gli sforzi di persuasione da parte loro Pedro Rodríguez. Otto piloti non hanno concluso la gara a causa di vari problemi meccanici, mentre il vincitore è stato il vincitore Jackie Ickxche era al secondo posto Formula 1 Quella stagione alle spalle Jochen Rind. Tuttavia, i tifosi messicani non hanno rispettato il tracciato, hanno rubato parti delle vetture e alcune persone hanno attraversato i binari durante la gara.

READ  La squadra ATP di Umago con due argentini era nota

Un cane è vittima di una porta chiusa

Lui Gran Premio del Messico Si festeggiò con un bilanciamento del bianco tra i “partecipanti”, ma in pista un cane randagio che si intrufolò nell’edificio in mezzo alla sommossa finì per essere investito da un’auto. Jackie Stewart.

“C’era un cane nella zona ‘es’. Più volte le auto Turismo gli sono arrivate quasi addosso. Si sentiva il rumore dei motori e il cane cercava come e dove avvicinarsi. Quando le auto passavano cercava di seguirlo loro e inserito quando Jackie Stewart Sta succedendo. Jackie non si muoveva, se si fosse mosso avrebbe potuto girarsi e neanche questo sarebbe potuto succedere. “Ha investito il cane, gli hanno rovinato il manubrio, è entrato ai box per sistemarlo e poi è sceso di nuovo, ma la macchina non andava bene e lui è uscito.”

Multa e decisione di non proseguire in Formula 1

Con una corsa con porte chiuse, auto rubate e un cane maltrattato che ha messo a dura prova il conducente, Commissario Gran Premio del MessicoPedro ViaoHa sottolineato che “il comportamento dei tifosi mi ha sorpreso molto, perché hanno sempre mostrato molta intelligenza e un comportamento esemplare in questo tipo di prove”. “Mi dispiace molto che il tifoso messicano si sia comportato in questo modo”. Le scuse di Viyao non erano sufficienti Comitato Sport Internazionale (CSI) Hanno deciso di fare la multa Messico Fu messo “in libertà vigilata” per rimanere in questa categoria nel 1971.

Le decisioni di non continuare in questa categoria sono arrivate insieme. Gli organizzatori sono stati costretti a pagare la multa prima dell’edizione successiva, ma non c’è stato il sostegno del governo da parte dell’ex presidente Luis Echeverria E la morte Pedro Rodríguez Nel corso del 1971 tutti i piani cambiarono.

READ  Guerrero e Bichette sono gli eroi della vittoria dei Blue Jays su KC

Messico Era nel calendario ufficiale del 1971 e la gara doveva svolgersi il 24 ottobre. Gelayev ricorda come è stata presa la decisione Messico Non festeggeremo la gara della massima categoria.

“al momento Pedro Rodríguez Fu ucciso (11 luglio 1971) e gli organizzatori iniziarono a riflettere sulla questione della multa, che era in franchi svizzeri. Non c’era Pedro Rodriguez, Mosè Solana Morì nel 1969 e non c’erano altri piloti messicani al suo livello Formula 1 E al presidente Luis Echeverria Non gli piacevano le corse e diceva che era uno sport per ricchi. Il presidente amava lo sport, ma non trovava alcun legame con le automobili.

Senza una calamita al botteghino per riempire il teatro e a corto di fondi da parte del governo, gli organizzatori presero la decisione più semplice in quel momento: “non pagare la multa, in modo che non ci fosse il Gran Premio”.

Ci è voluto mezzo secolo Messico Adesso posso avere un pilota messicano sul podio Autodromo Hermanos Rodríguez.“Chico” Perez È arrivato terzo due volte e ha suscitato nuova euforia tra milioni di fan Gran Premio di Città del Messico.

Graziana Spina
Graziana Spina
"Estremo appassionato di tv. Appassionato di cibo impenitente. Tipico esperto di birra. Amichevole esperto di internet."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles