Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

alla terra di Parigi

alla terra di Parigi

Novak Djokovic festeggia il suo decimo titolo agli Australian Open, il 22esimo torneo del Grande Slam in cui ha eguagliato il record maschile detenuto dal solo Rafa Nadal fino a domenica scorsa. Lo spagnolo ha dovuto guardarlo da casa, mentre si sta riprendendo dal recente infortunio (uno strappo di secondo grado al muscolo del polpaccio sinistro). Non potrai giocare, almeno, fino a marzo.

Sono le due facce di una storica medaglia commemorativa che, in linea di massima, continuerà al Roland Garros (dal 28 maggio all’11 giugno). Nadal ha festeggiato queste due settimane in rosso e proverà a prepararsi bene per la campagna sulla terra battuta che, se tutto andrà bene per lui, scatterà a Montecarlo (9-16 aprile). Nel suo calendario ci saranno Barcellona, ​​Madrid e Roma, davanti all’ammiraglia francese. La domanda è se deciderà di gareggiare prima, nel tour sul cemento americano, che passerà da Indian Wells e Miami.

Djokovic in piedi con l’Australian Open Cup a Melbourne

Il tennista serbo Novak Djokovic ha sconfitto il greco Stefanos Tsitsipas nella finale degli Australian Open in tre set (6-3, 7-6(4) e 7-6(5).

Raggiunge così Rafael Nadal e riprende il primo posto al posto di Alcaraz.

Novak detiene il trofeo dell’Australian Open per le strade di Melbourne.

Ha vinto il suo 22esimo titolo del Grande Slam e ha pareggiato il record maschile di Rafael Nadal per la seconda volta (erano già pari a 20).

È quarto nella lista storica dei titoli ATP (93), qui davanti a Nadal (92).

Inoltre, ha preso il primo posto in classifica a scapito di Carlos Alcaraz, che è diventato secondo.

A 35 anni, è il terzo vincitore più anziano dell’Open Championship dopo Ken Rosewall (37) e Roger Federer (36).

Ora ha tutto. La prossima sarà la sua 374a settimana sul trono del tennis.

Il tennista serbo Novak Djokovic accetta il titolo di campione dell’Australian Open.

Novak Djokovic si fa un selfie con i fan del tennista a Melbourne.

Uno / Undici

Djokovic, da parte sua, ha in programma di gareggiare di nuovo a Dubai (dal 27 febbraio al 5 marzo), l’evento ATP 500 a cui Nadal è iscritto., che si sarebbe presentato anche a Las Vegas il 5 marzo contro Carlos Alcaraz. Questi due appuntamenti non sono più nei loro piani. Ai già citati Balkan Masters parteciperanno 1.000 americani e Affronterà poi un ritorno sulla terra battuta, a Montecarlo, Madrid e possibilmente Roma, per avvicinarsi il più possibile al Roland Garros.dove cercherà di ottenere la sorpresa con il suo 23esimo trofeo del Grande Slam.

L’eterno bisogno di difesa

“Penso che ci sia ancora molto fuoco dentro di me, che arde a causa della passione che provo per questo sport e per la competizione. E penso che sia questo che mi permette di continuare a spingermi al limite”, ha detto Djokovic lunedì nei giardini della Governor’s House di Melbourne, dopo la sessione fotografica del campione dell’Australian Open. “Gli allenamenti, che sono molto ripetitivi, a volte non sono molto piacevoli, ma so che c’è sempre un obiettivo più grande, le stelle che mi guidano. E questa coppa è una di queste. Ha aggiunto, prima di ammettere di non essere sicuro di quando giocare di nuovo, a causa dell’infortunio che porta alla coscia sinistra: “Non ne sono sicuro. Nei prossimi giorni mi sottoporrò a visite mediche. Sono iscritto a Dubai e spero di tornare sulle piste tra qualche settimana”. E i dubbi che gli hanno causato disagi in alcuni media lo confermano Darà “maggiori dettagli” e pubblicherà “foto” sui social network “con tutto quello che è successo”. Non voglio che sembri patetico. Ho vinto la coppa. Ma qualcosa di simile è successo due anni fa e la gente continua a lamentarsi. Se fosse stata una piccola cosa, avrei potuto allenarmi nei miei giorni di riposo e non ci sono riuscito. Non ho mai vissuto una situazione del genere prima d’ora”.

READ  Ledom: L'importanza della quinta partita di finale per Lisi ed Estrelas

Il genio di Belgrado ha scherzato quando ha raccontato come ha festeggiato la sua vittoria: Con controllo stampa e controllo antidoping. Non ho ancora avuto la possibilità come avrei sperato. Spero di poterlo fare in Europa”.