Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Facebook cerca popolarità in Africa di fronte al suo declino nei paesi occidentali

Foto: FB Africa.

La popolarità di Facebook tra gli utenti nei paesi occidentali è stata intaccata dall’immagine offuscata della piattaforma a causa di tutti i tipi di difetti, inclusa la mancanza di privacy e il suo ruolo nell’intensificare le tensioni politiche sugli algoritmi che danno la priorità a determinati tipi di contenuti.

I giovani nei paesi sviluppati si rivolgono sempre più a piattaforme alternative come TikTok, Instagram e Snapchat. Secondo la testimonianza di Frances Haugen, ex ingegnere di Facebook che ha accusato il social network di mettere i profitti prima di combattere la disinformazione e l’odio, il social network è consapevole del proprio declino e si rivolge ad altri mercati per crescere.

Uno di questi luoghi è l’Africa, dove Facebook è in piena espansione e le persone lo usano come strumento multifunzionale per risolvere i loro problemi quotidiani. Un articolo pubblicato sul quotidiano britannico The Guardian il 20 gennaio svela i dettagli di questo successo.

Edizione limitata, ma è ovunque

Una delle chiavi del dominio di Facebook nel continente è Free Basics, il servizio internet lanciato in 32 paesi africani dal social network dal 2015 che permette di accedere ad alcune pagine web o app popolari (tra cui lo stesso Facebook) anche con zero crediti sulle SIM per gli utenti.

Free Basics è stato sviluppato tenendo presente che la maggior parte degli africani usa Internet tramite telefoni cellulari – solo l’8% ha un personal computer – a un costo molto basso. A causa di queste precarie condizioni, il servizio propone un’offerta limitata per Facebook: niente foto, audio o video.

esempi concreti

Nonostante l’apparente scarsità di contenuti, gli utenti si rivolgono a Facebook per le loro esigenze sociali, economiche e politiche. È il caso di Belkis Awad, residente in un quartiere remoto della città di Khartoum (la capitale del Sudan), che utilizza un gruppo chiuso sul social network e i cui membri superano una sorta di controllo prima di essere accettati.

READ  OPS advierte sobre aumento de muertes por Covid-19 en America | Notiziari

“Quando una panetteria riceve una consegna di pane, o un distributore di benzina si riempie, c’è sempre qualcuno nel gruppo. Ci dicono anche quando c’è un aumento della presenza della polizia in determinate aree. Le pattuglie di sicurezza a volte fermano le persone senza motivo e ricattano o arrestarli”.

Inoltre, alcuni sono stati in grado di utilizzare la piattaforma durante il colpo di stato in Sudan lo scorso ottobre per trasmettere proteste, anche se i cospiratori del colpo di stato militare avevano interrotto Internet.

Nel frattempo, all’inizio della pandemia nel 2020, Facebook è stato utilizzato in Egitto per ordinare cibo, cercare numeri di telefono, chiamare aziende o trovare informazioni sui vaccini antivirali.

Non tutto è un letto di rose

Da Facebook, presentano i loro successi come filantropia, fornendo libero accesso alle persone più povere. Ma i critici della piattaforma avvertono dei rischi della sua diffusione.

Secondo uno studio del 2017 dell’organizzazione no-profit Global Voices sull’operazionalizzazione di Free Basics, che copriva, tra gli altri paesi, Ghana e Kenya, le attività di Facebook costituiscono una “colonizzazione digitale”. In particolare, si nota che agli utenti vengono forniti contenuti prevalentemente occidentali, ignorando praticamente le notizie locali.

D’altra parte, la piattaforma ha problemi a moderare i contenuti, il che mette in evidenza il caso dell’Etiopia, dove ci sono più di 80 lingue. La scrittrice e attivista keniota Nangala Nyabula ha dichiarato ai media che meno di 100 persone lavorano attualmente come moderatori nel paese, riflettendo l’incapacità di Facebook di “investire nella lingua e nella comprensione del contesto locale”.

Uno degli effetti negativi di questa negligenza è che regimi autoritari e gruppi di milizie armate ricorrono ai social network per diffondere la loro propaganda.

READ  Giovedì, 3 febbraio 2022 (08:00 GMT)

(preso da RT in spagnolo)