Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli allevatori di Castilla e León avvertono dell'ingresso “massiccio” di agnelli dall'Italia e dalla Francia

Gli allevatori di Castilla e León avvertono dell'ingresso “massiccio” di agnelli dall'Italia e dalla Francia

Gli allevatori di bovini della regione di Castilla e León hanno inviato avvisi per informare i consumatori che “è entrato nei macelli della regione negli ultimi giorni”. Molti agnelli francesi e italiani“Può entrare nel mercato senza informazioni sufficienti per i consumatori sull'origine di quella carne.”

Il periodo natalizio è nel mezzo, quando le vendite di carne di capra sono le più alte dell’anno, dicono gli agricoltori. La scoperta e l'origine della carne sono chiaramente indicate Maiale stirato e hamburger facili da arrostire stanno arrivando sugli scaffali dei supermercati e le restrizioni sull’etichettatura si stanno intensificando.

“Non mettiamo in discussione la legalità di questa situazione, ma chiediamo che tutti i macelli lo richiedano”, spiega a Intent Lorenzo Rivera, coordinatore del COAG in Castilla y León. “Gli agnelli nati e allevati qui vengono macellati contemporaneamente a quelli del resto d'Europa, quindi almeno c'è questa differenza nel prodotto finale, che si tratti di hamburger, tagli o piatti. Lasciamo apparire l'apparenza”.

Gli allevatori chiedono all’UE di agire per frenare il numero crescente di attacchi di lupi

“Siamo in un mercato comune, questo è chiaro. Non fermeremo la libera circolazione delle merci nel mercato sociale, ma Vogliamo proteggere ciò che è nostro, Questo è ciò che vogliamo riflettere”, aggiunge Rivera.

“Non possiamo competere sul prezzo.”

Gli agnelli provenienti da altri paesi, principalmente dall'Italia e dalla Francia quest'anno, vengono venduti a prezzi inferiori rispetto a quelli prodotti in Castilla y León. Bassi costi di produzione grazie al modello di riproduzioneOltre alle grandi dimensioni degli animali, spiega Rivera.

L'alleanza UPA-COAG si rammarica del fatto che gli allevatori locali non possano competere con questi agnelli che arrivano ai macelli di Castilla y León.La qualità non ha nulla a che fare con il nostro bestiameAllattato esclusivamente al seno.

READ  L'Ambasciata in Italia rende omaggio a Marcelo Becchi

“L'agnello che viene munto qui nasce e cresce qui, direttamente con il latte materno, non ha nulla a che vedere con quanto fatto in altri Paesi”, spiega Rivera. In genere, persone provenienti dall'estero Anche con latte artificiale o formula, Beh, sono agnelli grandi, quindi c'è qualche differenza organolettica, sottolinea.

Ha inoltre affermato che dovrebbe essere preso in considerazione Gran parte della produzione proviene dall’allevamento estensivo di animali.Ha il suo picco di vendite a Natale perché gli animali nascono solo una volta all'anno e coincide con queste date.

Inoltre, la differenza di prezzo è dovuta al fatto che il maialino da latte Castilla y León è allevato principalmente nella regione in cui esiste l'IGP e le importazioni non riguardano agnelli svezzati, ma agnelli di peso fino a 20 kg. , il peso massimo di un maialino da latte è ben lontano dai 12 kg.

“Una situazione di limitazione per i produttori di agnelli svezzati”.

Entrambe le organizzazioni zootecniche promettono che i produttori “potrebbero trovarsi in una situazione estrema in questo momento per un altro anno” perché in alcuni casi “loro Problemi con la vendita di animali “Perché non possiamo competere a livello di prezzo con agnelli che non hanno nulla a che fare con il nostro bestiame”, dicono.

Quest’anno, spiega Rivera, Danno economico Poiché il prezzo è più alto rispetto agli anni precedenti, è più alto degli altri, quindi c'è una maggiore differenza con la concorrenza straniera. “Non possiamo competere con gli agnelli svezzati artificialmente, soprattutto con i mangimi”, insiste.

“Una volta finite le vacanze, i prezzi ovviamente scenderanno, ma ciò incide sul picco delle vendite”, aggiunge.

READ  Vuoi una casa? In queste città d'Italia vengono venduti a solo 1 euro

Per questo motivo UPA e COAG invitano i consumatori a rivolgersi al proprio macellaio o all'azienda da cui acquistano l'agnello. Fornirti tutte le informazioni sul prodotto “Poi decidi cosa vogliono o possono portare in tavola, ma sii consapevole di ciò che hanno comprato.”

Chiedono all'amministrazione”Intensificazione dei controlli sulle importazioni e dell'etichettatura Verificare che i macelli e i venditori rispettino la legislazione relativa alla tracciabilità e alle informazioni.