lunedì, Luglio 15, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

I creatori di contenuti virtuali accedono alle reti di social media

I marchi si rivolgono a modelli iperrealistici creati dall’intelligenza artificiale per promuovere i loro prodotti.

Con i suoi capelli rosa, Aitana Lopez Ha più di 200mila follower sui social. Tra i suoi post ci sono selfie scattati alle feste e nella sua stanza, dove vengono taggati marchi come Olaplex – hair care.– E il gigante della biancheria intima Il segreto di Vittoria. I marchi lo pagavano circa 1.000 dollari per post per promuovere i loro prodotti sui social media, e questo nonostante fosse un personaggio completamente immaginario.

Aitana lo è UN Influencer Quelli virtuali creati utilizzando strumenti di intelligenza artificiale: un altro delle centinaia di avatar digitali che hanno preso d'assalto l'economia dei creatori, per un valore di 21 miliardi di dollari. Il suo aspetto è preoccupante Influencer Umani, il cui reddito è minacciato dai concorrenti digitali, che ne prendono una fetta. Questa stessa preoccupazione è condivisa da altre persone che svolgono professioni più stabili, che vedono anche i loro mezzi di sussistenza a rischio a causa della tecnologia di intelligenza artificiale generativa che può, in pochi secondi, sputare testo, immagini e codice simili a quelli di un essere umano.

Da parte loro, coloro che stanno dietro queste creazioni iperrealistiche affermano di non fare altro che sconvolgere l’enorme mercato. “Siamo rimasti sorpresi dalle velocità astronomiche della corrente Influencere abbiamo pensato: perché non creare un file Influencer Privato?”, commenta Diana Nunez, cofondatrice dell'agenzia ignoranteAzienda con sede a Barcellona, ​​che ha creato Aitana. “Il resto è storia. Abbiamo involontariamente creato un mostro. Anche se è un bellissimo mostro, è quello che è.”

Negli ultimi anni si sono formate straordinarie alleanze tra marchi di lusso e influencer virtuali; Ad esempio, la linea di cosmetici KKW Beauty Kim Kardashian Con Nounuri o l'altro Louis Vuitton Con Ayay. Analisi degli annunci di Instagram H&M in cui appare Influencer Ipotetico Cookie ha concluso che questo ha raggiunto undici volte più persone e ha significato una riduzione del 91% del costo per persona che ha ricordato l'annuncio, rispetto alla pubblicità tradizionale.

READ  Millet Figueroa è rimasta senza un proprio programma in Argentina in piena crisi con Marcelo Tinelli: "Non funzionerà"

“Non influisce sugli acquisti, ad es Influencer spiega Becky Owen, responsabile internazionale del marketing e dell'innovazione presso Billion Dollar Boy ed ex direttore dell'Innovation Team presso Meta.

Più economico

I marchi si sono affrettati a collaborare con i creatori di contenuti virtuali come un nuovo modo per attirare l’attenzione e ridurre i costi allo stesso tempo. “re Influencer Ha molte connotazioni negative perché è considerato falso o superficiale, e quindi c'è meno preoccupazione nel sostituirlo con altro. Influencer “Intelligenza artificiale o virtuale”, afferma Rebecca McGrath, vicepresidente dei media e della tecnologia presso Mintel. “Dal punto di vista del marchio, è possibile controllarlo completamente, mentre nel caso di una persona reale, ciò avviene con i suoi potenziali disaccordi, richieste e opinioni.”Aggiunge McGrath.

In risposta, Influencer Le persone reali insistono sul fatto che le loro controparti virtuali debbano chiarire che non sono umane quando trovano un lavoro. “Cosa mi fa impazzire di questi Influencer “È difficile per loro rendersi conto che è falso”, afferma Danae Mercer, creatrice di contenuti con oltre 2 milioni di follower.

L’Agenzia di regolamentazione della pubblicità del Regno Unito afferma di essere “pienamente consapevole dell’aumento di… Influencer “Virtuale in questo spazio”, ma nega che esista una regola che imponga di dichiarare se sono stati creati dall'intelligenza artificiale o meno. Molti altri mercati affrontano lo stesso problema: ad esempio, l'India è uno dei paesi che richiede creatori virtuali rivelare le proprie origini.

Anche se The Clueless chiarisce che Aitana non è reale attraverso il poster #aimodel, che appare sul proprio profilo Instagram, molte altre aziende non fanno così o usano termini imprecisi, come #digitalinfluencer. “Anche se abbiamo chiarito che si tratta di un modello generato dall’intelligenza artificiale […] “All'inizio, la maggior parte dei suoi follower non metteva in dubbio la sua autenticità, credevano davvero nella sua esistenza”, dice Nunez, ricordando le numerose richieste che Aitana ha ricevuto dai suoi follower che volevano incontrarla di persona.

READ  Otto membri di El Gran Combo de Puerto Rico hanno contratto il covid-19

Lil Miquela è considerata una delle prime “influencer” virtuali.

Piccola Michelauno dei primi Influencer Virtuale, addebita fino a centinaia di migliaia di dollari per qualsiasi contratto e ha lavorato con marchi importanti come Burberry, Prada e Givenchy. Sebbene l’intelligenza artificiale sia stata utilizzata per creare contenuti per Lil Miquela, il team dietro la sua creazione “crede fermamente che non sia possibile riprodurre l’intera storia di un creatore virtuale attraverso l’intelligenza artificiale generativa”, afferma Riddhima Khan, vicepresidente dello sviluppo aziendale. Presso Dapper Labs, responsabile della revisione dei contratti di partnership di Lil Miquela. “Molte aziende si stanno lanciando Influencer Che ha prodotto in un giorno, ma il suo messaggio manca davvero di quell'elemento umano […] E aggiunge: “Non credo che la strategia durerà a lungo”.

Molte persone considerano Lil Miquela meticcia e i suoi seguaci contano circa tre milioni di persone, comprese persone provenienti dagli Stati Uniti o da paesi dell'Asia e dell'America Latina. Nel frattempo, The Clueless sviluppa una nuova creazione che descrive come una “messicana formosa” di nome Lila. Dopo aver indagato Influencer Con caratteristiche razzialmente ambigue, Francesca Subande, docente senior di studi sui media digitali presso l'Università di Cardiff, suggerisce che alcune di queste caratteristiche non sono “nient'altro che un diverso approccio di marketing” volto a raggiungere un pubblico più ampio. Profitto.” “Può essere un'ottima soluzione per i marchi che vogliono progettare una strategia di marketing globale e provare a proiettare un'immagine vuota che può essere vista come progressista”, continua Subande. “Raramente sembra che una persona di colore abbia creato l'avatar predefinito .

Dapper Labs sottolinea la diversità del team di Lil Miquela, che si riflette nel suo pubblico. The Clueless afferma che le sue creazioni sono progettate per “promuovere l’inclusione e offrire opportunità a gruppi che sono stati a lungo esclusi”.

READ  Nicola Peltz si ispira allo stile di Victoria Beckham

Allo stesso modo, altri influencer virtuali includono le creazioni di The Clueless È stato criticato per essere eccessivamente sessualeCome dimostra il fatto che Aitana appare spesso in mutande. L'agenzia risponde che la sessualizzazione è “diffusa tra i modelli e gli influencer della vita reale” e che le sue creazioni “non fanno altro che riflettere quelle pratiche consolidate, senza deviare dagli attuali standard del settore”.

Mercer, influencer umana, interviene sulla polemica: “Sembra che negli ultimi anni le donne siano riuscite a riconquistare la propria indipendenza con l'aiuto di OnlyFans e dei social network, che sono riusciti a mettersi sotto controllo”. I loro corpi, e potevano dirlo a lungo, gli uomini hanno guadagnato soldi grazie a me, e ora farò soldi per me stesso. Tuttavia – conclude lo stesso esperto – le creazioni generate dall’intelligenza artificiale, spesso realizzate da uomini, stanno tornando alla ribalta. Approfitta della sessualità femminile. “Ecco perché si incoraggia la crescita di questi conti: per fare soldi”.

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles