Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I pennacchi di ghiaccio della luna di Saturno Encelado possono contenere aminoacidi

I pennacchi di ghiaccio della luna di Saturno Encelado possono contenere aminoacidi

I pennacchi di ghiaccio della luna di Saturno Encelado possono contenere aminoacidiFonte: NASA/JPL-Caltech.

Sebbene esista uno strato di ghiaccio spesso diversi chilometri, che rende difficile l’esplorazione diretta del suo oceano sotterraneo, Encelado espelle il materiale oceanico in colonne di particelle ghiacciate attraverso le fessure della superficie. Un nuovo studio ha scoperto che gli amminoacidi, un’importante classe di molecole biosignature, possono essere trasportati in questi pennacchi di ghiaccio: nuove prove sulla possibilità di qualche forma di vita microbica sul satellite.

Imparentato

Una nuova ricerca condotta dall’Università della California, a San Diego, negli Stati Uniti, lo ha dimostrato attraverso inequivocabili test di laboratorio Aminoacidi Le particelle trasportate nei pennacchi ghiacciati lanciati da Encelado possono resistere a velocità di impatto fino a 4,2 chilometri al secondo, un fatto che supporta la loro scoperta durante il campionamento da parte di un veicolo spaziale. I risultati sono riassunti in un nuovo studio recentemente pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

Nuovi progressi nella scoperta delle forme di vita nel sistema solare

Encelado, una delle lune di Saturno, è un obiettivo primario nello spazio Alla ricerca della vita extraterrestre Nel sistema solare, che la NASA ha identificato come il secondo luogo con la massima priorità per una missione importante entro il prossimo decennio. Tra il 1997 e il 2017, la missione Cassini della NASA ha scoperto pennacchi di ghiaccio che si erano staccati dalla superficie di Encelado, costituiti da materiale proveniente dal pianeta Encelado. Oceano sotterraneo globale Il che includerebbe il satellite.

secondo condizione Pubblicato su Sci-News.com, questo Colonne congelate Costituiscono un’eccellente opportunità per raccogliere campioni e studiare la composizione degli oceani di Encelado e la loro potenziale abitabilità: esistono addirittura Indicatori forti Possono contenere varie sostanze e composti associati alla vita, come gli amminoacidi.

READ  L'iPhone 14 Pro avrebbe potuto essere molto più potente di quanto non sia attualmente

Tuttavia, non era ancora noto se la velocità delle colonne avrebbe decomposto i composti organici presenti nei granelli di ghiaccio, decomponendo così i campioni. Ora, i risultati dei ricercatori indicano che possiamo volare attraverso questi pennacchi ad alta velocità e Rileva con successo gli aminoacidi intattiFatelo in situ e utilizzando uno spettrometro di massa. Inoltre, non sarebbe necessario atterrare sulla superficie di Encelado.

Alla ricerca di tracce di vita

Le implicazioni di ciò per la scoperta della vita in altre parti del sistema solare senza inviare missioni sulla superficie di queste lune oceaniche sono molto interessanti, sottolineano gli scienziati in un articolo. comunicato stampa. Vale la pena ricordarlo Europa, luna di GioveÈ un altro mondo oceanico con una composizione di ghiaccio simile a quella di Encelado. Contengono anche pennacchi di molecole congelate insieme a materiale proveniente da questi oceani interni.

Insomma, per avere un’idea più chiara di che tipo di vita extraterrestre potrebbe essere possibile nel sistema solare, è necessario sapere che nei granelli di ghiaccio campionati su questi mondi oceanici non c’è stata una frammentazione molecolare sufficiente per poterla analizzare. ottenere un’impronta digitale veramente affidabile. Ciò confermerebbe la scoperta di aminoacidi o altri composti Appartengono a uno stile di vita indipendente. Il lavoro degli scienziati americani dimostra che ciò è possibile con le colonne di ghiaccio sulla superficie di Encelado, aprendo nuove speranze per missioni future.

riferimento

Rilevazione di amminoacidi intatti mediante spettrometria di massa ultraveloce a impatto di ghiaccio. Sally E. Burke et al. Banas (2023). doi: https://doi.org/10.1073/pnas.2313447120