Gennaio 28, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I progressi nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, una sfida

Ogni giorno in Europa si registrano 10.000 decessi dovuti a malattie cardiache, pari a 3,9 milioni di decessi all’anno. La sua prevalenza è alta, perché nell’Unione Europea nel 2020 più di 60 milioni di persone avevano malattie cardiovascolari e sono stati diagnosticati quasi 13 milioni di nuovi casi. Nonostante ciò, solo 1 spagnolo su 5 sa che le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte in Europa, come evidenziato da un sondaggio condotto dalla Daiichi Sankyo Foundation.

Poiché la popolazione europea continua a invecchiare – e si stima che entro il 2040 ci saranno 155 milioni di europei di età superiore ai 65 anni – si prevede che L’incidenza delle malattie cardiovascolari aumenterà drasticamente. Nello specifico in Spagna, secondo gli ultimi dati disponibili dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE), quasi 120.000 persone hanno perso la vita a causa di malattie del sistema circolatorio nel 2020, costituendo La principale causa di morte è precancerosa.

Nonostante gli sforzi nella prevenzione, c’è ancora molta strada da fare, come dimostra un sondaggio condotto dall’azienda farmaceutica Daiichi Sankyo su oltre 6.000 persone provenienti da cinque paesi europei (Regno Unito, Italia, Germania, Spagna e Bajos). ), dov’è il Il grado di consapevolezza e comprensione della società in merito Malattia cardiovascolare e il suo effetto.

La costrizione toracica è il principale sintomo di avvertimento di malattie o eventi cardiovascolari per gli spagnoli

nel mezzo, Solo il 24% degli intervistati sa che le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte a livello europeo. Ma dei 1.213 uomini e donne spagnoli che hanno partecipato, quel numero è sceso al 19%. La Spagna è il paese meno consapevole dell’impatto potenzialmente fatale delle malattie cardiache.

READ  Ponferrada pensa di trasformare El Morredero in uno spazio ricreativo con strade verdi e un'aula di eco-learning | Notizie dall'Alberzo

Come avvertito prima Dott. Jorge Muñoz Roblesdirettore medico di Daiichi Sankyo in Spagna, questi dati «Si scopre che c’è ancora molto lavoro da fare in termini di Educazione sanitaria e prevenzione. È fondamentale continuare a informare la popolazione, per consentire alle persone di prendere una decisione Ruolo più attivo nella prevenzione delle malattie cardiovascolariLa capacità di riconoscere i sintomi premonitori che dovrebbero andare dal medico e la consapevolezza che ci sono fattori di rischio che possono essere evitati modificando la dieta, l’esercizio fisico e i modelli di stile di vita ».

Colesterolo e pressione alta, che sono due dei principali fattori di rischio

due di I principali fattori di rischio cardiovascolare modificabili sono il colesterolo alto (in particolare, LDL-C) e ipertensione. Tuttavia, meno della metà degli europei che hanno partecipato al sondaggio conoscevano i propri livelli di colesterolo e la pressione sanguigna. A questo punto, gli intervistati spagnoli sono i più informati sui loro livelli (il 60,3% afferma di sapere) e quelli del Regno Unito hanno i risultati peggiori, con il 28,9% di risposte positive.

in un caso specifico di Colesterolo alto o dislipidemiail 74% degli intervistati spagnoli lo riconosce come uno dei fattori di rischio più importanti, prima dell’ipertensione, che preoccupa il 63% degli intervistati o intervistati.

Da questo sondaggio concludiamo che La popolazione comprende l’importanza di controllare il colesteroloun fatto che contrasta con il controllo reale esistente, dal momento che il 65% dei pazienti con rischio alto o molto alto di malattie cardiovascolari in Spagna non raggiunge gli obiettivi di LDL-C raccomandati dalle linee guida della pratica clinica, nonostante ricevano trattamenti come farmaci per abbassare il colesterolo e altri trattamenti ipolipemizzantidice il dottor Muñoz.

READ  Uno spazio per proteggere le api

È notevole come gli intervistati di diversi paesi abbiano mostrato livelli di conoscenza significativamente diversi sui fattori di rischio, e questo ci porta a ritenere che siano essenziali. Lavorare per prevenire le malattie cardiovascolari in tutto il mondoPerché l’impatto delle malattie cardiovascolari è un problema comune in tutta Europa. È importante misurare il polso della percezione del rischio cardiovascolare da parte della popolazione per determinare i punti in cui è necessario influenzare i dati aggiornati.“, Indica Generazione immacolata CEO di Daiichi Sankyo.

tra diversi Sintomi che avvertono di malattie o eventi cardiovascolarigli spagnoli citano b tristezza Come quello principale (l’81% lo ha chiamato), segue difficoltà respiratorie del 60% e Palpitazioni del 59%. Alcuni dati sono simili al resto dei Paesi, con la particolarità che solo la metà degli italiani considera la pressione al torace come un sintomo prima del quale andare dal medico.

Come reagiamo ai sintomi premonitori? Dei cinque paesi esaminati, la Spagna è stata il paese esaminato Consulta un medico più rapidamente (media di due settimane). Pertanto, rappresenta il numero più basso di pazienti che hanno impiegato più di un mese per organizzare una visita medica (12%, rispetto al 24% dei tedeschi nello stesso caso).

Ben il 43% dei partecipanti europei ha adottato a dieta sana Come risultato della conoscenza di casi ravvicinati che soffrono di alcuni tipi di malattie cardiovascolari. È un numero ancora più alto in Spagna, dove il 57% di loro ha iniziato una dieta sana ed equilibrata dopo essere stato diagnosticato una malattia cardiaca o aver saputo che era stato diagnosticato un amico o un familiare.

READ  Il Venezuela condanna la violazione del suo spazio aereo da parte del drone Hermes 900 dell'aeronautica colombiana - noticias Defensa.com

È importante continuare a influenzare il messaggio che È possibile prevenire fino all’80% delle malattie cardiovascolari E ritardare con un buon stile di vita e insistere sulla sua importanza Vai rapidamente da un professionista della salute Prima che qualsiasi sintomo allarma, perché gli orari di apertura sono fondamentali per il successivo sviluppo dei pazientiConclude il CEO di Daiichi Sankyo.