Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Fondo monetario internazionale avverte che la guerra tra Israele e Hamas è “devastante” per l’economia palestinese

Il Fondo monetario internazionale avverte che la guerra tra Israele e Hamas è “devastante” per l’economia palestinese

Il capo del Fondo monetario internazionale ha annunciato domenica che la guerra tra Israele e Hamas ha “distrutto” l’economia palestinese nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza, sottolineando che solo la “pace permanente” migliorerebbe le prospettive.

Kristalina Georgieva ha affermato durante un vertice a Dubai che “le disastrose prospettive per l'economia palestinese stanno peggiorando man mano che il conflitto continua”. Ha stimato che “solo una pace duratura e una soluzione politica cambieranno radicalmente la situazione”.

“A livello economico, l’impatto del conflitto è stato devastante”, ha aggiunto Georgieva.

Nonostante gli sforzi internazionali per raggiungere un cessate il fuoco, la guerra tra Israele e Hamas, scoppiata il 7 ottobre con l'attacco senza precedenti del gruppo islamico palestinese al territorio israeliano, continua.

Nella Striscia di Gaza, devastata dalle operazioni militari israeliane in risposta all’attacco, l’attività economica è diminuita dell’80% nel periodo da ottobre a dicembre 2023 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo il capo dell’organizzazione finanziaria .

Pubblicità – Scorri per continuare

In Cisgiordania, territorio occupato da Israele dal 1967, il calo ha raggiunto il 22%, ha spiegato in apertura del vertice, che ogni anno riunisce personalità di spicco del mondo economico e politico degli Emirati Arabi Uniti.

Oltre ai territori palestinesi, la guerra ha avuto ripercussioni anche sul settore turistico dei paesi vicini, come l’Egitto e il Libano.

Gli attacchi dei ribelli Houthi al largo delle coste dello Yemen contro navi commerciali, azioni che sostengono siano di “solidarietà” con i palestinesi di Gaza, hanno portato ad “un aumento dei costi di spedizione e una diminuzione del volume di transito nel Mar Rosso”. “Quest’anno il mare è quasi il 50%”, ha aggiunto Georgieva nel suo discorso pubblicato sul sito web del Fondo monetario internazionale.

READ  Un'ulteriore estrazione per la Festa del Papà