Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’industria aeronautica deve urgentemente passare all’idrogeno.  Airbus ritiene di aver compiuto un passo importante

L’industria aeronautica deve urgentemente passare all’idrogeno. Airbus ritiene di aver compiuto un passo importante

La multinazionale ha delineato una tabella di marcia che prevede test di volo già nel 2026

Come nel caso dei trasporti marittimi, ferroviari o stradali, anche l’industria aeronautica è da tempo alla ricerca di modi per ridurre la propria impronta inquinante. Avete sul tavolo opzioni che vanno dall'utilizzo di grandi ventilatori per catturare l'anidride carbonica che vi consentirà poi di compensare il vostro credito di emissioni all'utilizzo Carburante più sostenibileOppure modelli di energia solare, elettrica e a idrogeno. Squadra Airbus ZEROe Conferma Ha compiuto un passo importante sull’ultimo fronte, il volo a idrogeno-elettrico, e sta ora sviluppando piani per testare in volo un A380 nel 2026.

L’obiettivo finale: mettere in servizio un aereo alimentato a idrogeno già a metà del prossimo decennio.

Presentato con la “Capsula di ferro”. Airbus ha appena fatto un passo avanti nella sua corsa alla produzione di aerei alimentati a idrogeno. Nel giugno 2023, l'azienda ha testato con successo un sistema di celle a combustibile a idrogeno che ha raggiunto una potenza massima di 1,2 megawatt, consentendo ai funzionari di parlare dell'esperimento più potente mai condotto in aviazione con una cella a combustibile realizzata per aerei di grandi dimensioni.

La sfida resta quella di andare oltre e integrare l’intero sistema di azionamento con il motore elettrico. E questo era ciò che Il tuo Team ZEROeche segue il primo aereo commerciale al mondo alimentato a idrogeno, prodotto solo poche settimane fa, in Fine del 2023.

“Passo fondamentale”. È così che Airbus definisce il suo nuovo vantaggio nella corsa per mettere in servizio aerei alimentati a idrogeno. Alla fine del 2023, ZEROe ha promosso la “Iron Capsule”, un sistema di propulsione a idrogeno progettato per il concetto di aereo elettrico di Airbus. Come spiega l'azienda, oltre al sistema di celle a combustibile, la “capsula di ferro” contiene i motori elettrici che fanno girare la ventola e i moduli che la controllano e la mantengono fresca.

READ  Oro e 1.800 dollari l'oncia, sospesi dalla Fed

“Dopo aver completato con successo i test del sistema di celle a combustibile da 1,2 MW a giugno e del sistema di propulsione da 1 MW a ottobre, i motori elettrici della capsula di ferro sono stati alimentati per la prima volta da celle a combustibile a idrogeno”. Determinare la società Europeo.

Quattro opzioni sul tavolo. Solo perché il test Iron Pod è significativo non significa che sia il primo nella corsa di Airbus a produrre aerei alimentati a idrogeno. Nel 2020, l'azienda ha presentato quattro diversi concetti di aeromobile: tre motori ibridi e a combustione di idrogeno ad alta intensità energetica; Il quarto era interamente elettrico, utilizzando celle a combustibile a idrogeno e un sistema di propulsione a elica. Grazie alla reazione chimica, le celle a combustibile permettono di convertire l’idrogeno in energia elettrica con emissioni quasi pari a zero: durante il processo viene generata H2O.

Sebbene questi fossero concetti, il gruppo ha mantenuto i risultati Quattro proposte: Un aereo bimotore Tipo turboventilatore Auto ibride a idrogeno per meno di 200 passeggeri; Velivolo con due motori turbofan ibridi, eliche a otto pale e un futuristico modello di fusoliera ad ala combinata BWB. Corpo con ali miste– Dotato di serbatoi di stoccaggio dell'idrogeno liquido situati sotto le ali. Il quarto concetto è un aereo elettrico a celle a combustibile.

Capsule staccabili in “tempi record”. Alla fine del 2020, è uscita dal tavolo dei tecnici una proposta per un aereo autonomo e modulare con elica a idrogeno, una configurazione di sei capsule che fungerebbe da sistema di propulsione autonomo ad elica alimentato da celle a idrogeno. Ciascuno di questi “pod” è costituito, tra gli altri elementi, da un’elica e da un motore elettrico. “Ogni pod può essere smontato e rimontato in tempi record, un approccio che potrebbe fornire una soluzione pratica e rapida per la manutenzione e, potenzialmente, il rifornimento di idrogeno negli aeroporti”. È saltato fuori in quel momento Azienda europea.

READ  Quanto vale il prezzo in dollari oggi? Tasso di cambio venerdì 10 dicembre | le risposte

Celle a combustibile a idrogeno. Una delle tecnologie su cui Airbus ha deciso di scommettere negli ultimi anni è quella delle celle a combustibile a idrogeno. Il concetto non è nuovo ed era già sul mercato quando ZEROe ha iniziato i suoi sforzi, ma come ricorda Airbus, l’industria aeronautica ha dovuto affrontare una sfida quando si è trattato di integrarlo: non c’era nulla in grado di fornire l’energia necessaria per spingere un aereo pesante. Per risolvere questo problema, Airbus ha collaborato con la società automobilistica tedesca ElringLinger e ha creato Aerostockfondata nel 2020 appositamente per ricercare, sviluppare e assemblare questo tipo di dispositivo pensando alle future applicazioni aeronautiche.

Calendario ben definito. Gli ultimi sviluppi del team ZEROe sono solo un altro passo nella promozione dell'aviazione alimentata a idrogeno, una tabella di marcia delineata nel medio e lungo termine – come ha affermato la stessa Airbus a gennaio – che affronterà nei prossimi anni due importanti traguardi: 2026 e soprattutto nel 2035. , quando si spera di mettere in servizio un aereo praticabile. “Il recente successo nella messa in servizio del sistema di capsule di ferro da 1,2 MW è un passo fondamentale verso il nostro obiettivo di mettere in cielo un aereo alimentato a idrogeno entro il 2035”. Glen Llewellyn conferma a gennaioDirettore ZEROe Aicfrat di Airbus.

Prima che ZEROe faccia i compiti. I test della “capsula di ferro” proseguiranno per tutto il 2024 e, una volta completati, il compito sarà ancora quello di ottimizzare le dimensioni o la massa del sistema di propulsione per soddisfare le specifiche di volo. Tra le altre cose, devono analizzare come il sistema reagisce alle vibrazioni, all'umidità e all'altitudine. Il prossimo passo sarà l'installazione del sistema di propulsione a celle a combustibile sul banco di prova di volo ZEROe e le prove a terra prima del corso principale: prove di volo a bordo. A380già nel 2026.

READ  Uniqlo ha fatto causa a Shein per una presunta copia della famosa borsa di Mary Poppins

Immagine | Airbus

A Chataka | Rolls-Royce non è sola: anche Airbus sta lavorando al primo motore alimentato a idrogeno