Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ministro degli Esteri colombiano visita gli ex soldati coinvolti nell’uccisione di Moise in una prigione haitiana

Il ministro degli Esteri colombiano visita gli ex soldati coinvolti nell’uccisione di Moise in una prigione haitiana

BOGOTA (AP) – Il ministro degli Esteri colombiano, Álvaro Leyva, ha completato venerdì un programma ufficiale ad Haiti che includeva una visita alla prigione dove sono ospitati. Arrestati 17 ex soldati colombiani Per la sua presunta partecipazione all’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise nel 2021.

Il Ministero degli Affari Esteri colombiano ha indicato in un comunicato che, con la recente apertura di un consolato a Port-au-Prince, due decenni dopo la chiusura dell’ambasciata, intende fornire assistenza ai residenti colombiani, in particolare a quelli in Paese. prigione. .

Secondo i familiari e Difensore civico colombianoNel carcere di Port-au-Prince, ex soldati colombiani restano detenuti senza un processo giudiziario formale, in condizioni sanitarie e nutrizionali precarie e sovraffollate.

Moise è stato ucciso nelle prime ore del 7 luglio 2021, quando un gruppo di sconosciuti ha fatto irruzione nella sua casa privata, gli ha sparato e ha ferito gravemente sua moglie Martine, che è sopravvissuta. Gli ex soldati colombiani sono stati arrestati a Port-au-Prince poche ore dopo il delitto.

L’anno scorso, il presidente colombiano Gustavo Petro si è scusato con Haiti per l’assassinio del suo presidente, Moise, “da parte di mercenari colombiani”, e ha suggerito di rafforzare le relazioni bilaterali.

A luglio, due anni dopo l’assassinio, i parenti hanno chiesto assistenza al governo colombiano attraverso una dichiarazione volta a istituire un tribunale indipendente in un paese terzo e a coordinare un volo umanitario per i parenti per verificare le condizioni in cui erano stati trovati i detenuti. .

Il governo haitiano ha inoltre arrestato più di 40 persone per il loro presunto coinvolgimento nell’omicidio, tra cui 18 ex soldati colombiani. Uno dei detenuti, il tedesco Alejandro Rivera Garcia, è stato estradato negli Stati Uniti nell’ottobre È stato condannato all’ergastolo in quel paese Per un complotto portato avanti ad Haiti e negli Stati Uniti per assumere mercenari per rapire o uccidere Moise.

READ  La Serbia ricorda i “martiri” uccisi domenica in Kosovo

L’agenda ufficiale del ministro degli Esteri colombiano prevede un incontro con il primo ministro Ariel Henry, il suo omologo haitiano Jean Victor Genius e altri membri del governo.