Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Deposito etnico della Bolivia

Deposito etnico della Bolivia

Il Museo Nazionale di Etnologia e Folklore (MoEF) è il deposito etnologico della nazione.

Inserito da Jorge Petenaude Martinez

Corrispondente capo di Prensa Latina in Bolivia

“Dichiarato nel 1985 con un decreto supremo, grazie al lavoro dei suoi dirigenti e specialisti, è diventato una riserva strategica della profonda identità etnoculturale del popolo boliviano”, ha affermato l’autorità.

Nato a Lalagoa, provincia di Potosi, Porto, ha conseguito una laurea in Storia e un MA Scientiarum in Storia delle Ande e dell’Amazzonia presso l’Universidade Mayor de San Andrés.

Ha conseguito un diploma in organizzazione e gestione degli archivi storici in Spagna ed è stato visiting scientist presso la Smithsonian Institution di Washington, D.C., nonché presso la Biblioteca del Musée des Hommes di Parigi.

Per i suoi meriti accademici è stato Direttore e Capo della Biblioteca e Archivio Storico dell’Assemblea Legislativa Plurinazionale della Bolivia.

Tra i suoi contributi bibliografici spicca il suo articolo “La distruzione della memoria ufficiale in Bolivia”, vincitore del primo premio nella categoria C del Concorso di ricerca latinoamericana in scienze bibliotecarie, in Argentina (2007).

Un’altra pubblicazione importante dovuta al suo talento è il Dizionario Biografico degli Archivisti della Bolivia (2012).

Porto è stato presidente del Comitato regionale per l’America Latina e i Caraibi del Programma Memoria del mondo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura.

L’incontro annuale di etnologia (RAE) recentemente concluso con successo dal Museo, il cui tema era Suoni, musica e spazi, è servito come pretesto per questa intervista in cui il presidente della FC-BCB ha affrontato le questioni centrali dell’etnia boliviana negli ultimi quattro decenni.

“Queste informazioni di valore strategico – ha sottolineato il ricercatore – sono contenute nei volumi di 36 RAE, ci sono le conoscenze che permettono di comprendere questa realtà nazionale, ma nel contesto latinoamericano, soprattutto e anche mondiale, perché nelle RAE si convergono anche

READ  COP28 | Il vertice sul clima concorda di abbandonare i combustibili fossili: sarà possibile raggiungere questo obiettivo?

Antropologi e ricercatori di altre latitudini.

Ha spiegato che queste personalità vengono qui per contemplare la Bolivia dalla sua terra, ed è per questo che questa ricchezza raggiunge un livello straordinario quando queste due conoscenze latinoamericane e internazionali si uniscono con la conoscenza degli studiosi boliviani che studiano antropologia.

“Oltre a tutto ciò, si aggiungono indici scientifici che esprimono in modo molto analitico e descrittivo tutte queste espressioni che sono la terza causa di RAE”, ha aggiunto.

E riguardo alle mostre che consistono in modelli archeologici e antropologici nell’ambito di questi incontri, ritiene che “abbagliano la gente del posto e gli stranieri”.

“Il corpo diplomatico qui osserva un’eccellenza nella supervisione dei musei che nessun paese industrializzato al mondo può invidiare”, ha detto con un certo orgoglio patriottico.

Porto ha fatto sì che questi esemplari fornissero un collegamento diretto con l’altro tesoro prezioso di Mathaf, un’istituzione che custodisce più di 33.000 beni culturali, alcuni risalenti a secoli fa, provenienti da tutti i paesi multinazionali.

Il cosiddetto primo museo del mondo

Parlando del Musef, istituzione affiliata alla FC-BCB, ha espresso “chiaramente” che ha raggiunto i livelli di istituzioni simili dei paesi del cosiddetto “primo mondo”.

“Questa istituzione è diventata un laboratorio di ricerca scientifica di altissimo livello sulle questioni antropologiche, culturali, etnologiche, folcloristiche, etniche e sociali del Paese”, ha affermato.

Ha sottolineato che qui la teoria incontra l’applicazione e il museo diventa un vero e proprio laboratorio in cui gli scienziati si incontrano con talenti umani formati nelle università e lavorano sul campo e preparano i loro rapporti investigativi e

Lo stanno presentando nei RAE, che hanno già realizzato 37 edizioni senza interruzione.

READ  Radio L'Avana Cuba | Il presidente della Bolivia saluta il Grupo de Puebla nel suo terzo anniversario

“Presentare un documento con livelli di rigore accademico alla RAE significa, senza dubbio, compiere il passo essenziale per essere riconosciuto come professionista”, ha affermato Porto.

Ha aggiunto che questo laboratorio permette ai giovani curatori che assumeranno l’incarico di interagire “con quella che nella nostra lingua chiamiamo la ‘vacca sacra’ in questa specialità, e con i ricercatori illustri e riconosciuti in tutto il mondo”.

Ha ribadito che “questo è il significato del museo come istituzione”.

Per quanto riguarda la RAE, ha ribadito che ha creato un’enciclopedia dell’antropologia boliviana in tutti i suoi aspetti, con conoscenze di prima mano accumulate negli ultimi 37 anni, che ci permettono di comprendere la realtà boliviana.

“Direi che questi sono contenuti essenziali per comprendere tutti i processi che avvenivano in Bolivia, soprattutto nel periodo neoliberista dal 1985 al 2005”, ha avvertito.

Il panel ha concluso che durante quei decenni i settori dominanti hanno compiuto sforzi enormi e infruttuosi per distruggere le basi dell’identità dello stato plurinazionale con l’obiettivo di facilitare l’estrazione incontrastata delle risorse naturali boliviane.

arco/jpm